Fare i figli

fare-figli

Io un figlio l'ho fatto da giovane. Più o meno. Ho (diciamo) trent’anni e sono rimasta incinta quattro anni fa sentendomene però almeno dieci di meno di anni. Ma che cosa significa davvero fare i figli "da giovane" oggi?

A 30 anni, se tutto va bene, hai da poco finito l’Università e sei al tuo terzo stage, il primo con un rimborso spese che, tra l’altro, fa ridere e se hai un contratto alla seconda riga troverai scritto a chiare lettere che per il momento una famiglia te la puoi sognare e in effetti il sogno è mantenerla la famiglia con quel contratto. A 30 anni vivi in affitto e la relazione più stabile che hai è con il bicchiere di spritz durante l’aperitivo e comunque sei lontano anni luce da quell’equilibrio e quella stabilità che un figlio richiede.

A 30 anni sei semplicemente precario. 

Ma a trent'anni mica sei giovane. Già mi sembra di sentirvi laggiù, nelle retrovie. Mia nonna alla tua età ne aveva sei di figli. Sì, ok, ma tua nonna la mia età ce l’aveva cinquant’anni fa.

Oggi a trent’anni sei ancora giovane, lo sei anche a quaranta, per dire. Sei giovane per un mercato del lavoro basato su quella che vogliamo chiamare flessibilità, ma che si legge precarietà. Sei giovane perché la tua strada professionale non solo te la devi ancora costruire, capita che molto spesso la strada professionale tu te la debba proprio inventare. E non basta avere un'idea, un finanziamento, il coraggio di farlo. Ci vuole tempo. Per ingranare, costruire, acquisire credibilità. Guadagnare. Quando si è giovani si ha bisogno di tempo. Anche per realizzarsi. Perché sì, è vero, fare figli non è di certo una questione economica, ma insomma anche quell'aspetto io non lo sottovaluterei del tutto.

Cioè, un figlio un costo ce l'ha, si sa. E quando hai trent'anni, e sei giovane, fai difficoltà a sbarcare il lunario, a pagarti l'affitto, a pensare a quella mansarda piena di spifferi che ti paghi a fatica, come un luogo dove tirarlo su un figlio. E poi, diciamocelo, non è che per forza a trent'anni ad un figlio tu ci debba pensare. Magari a trent'anni, quando cioè sei ancora giovane, vuoi pensare ai tuoi amici, all'ennesima storia finita male, a costruire il tuo futuro, ad andare al cinema quando ne hai voglia. A dormire. Perché i giovani, lo sappiamo, sono degli egoisti cronici e io dico, ben venga l'egoismo se serve a farci crescere e a diventare adulti sereni ed appagati.

Fare i figli "da giovane" significa rinunciare al proprio egoismo, forse prima del tempo. E non so quanto sia giusto farlo in questo Paese bislacco e controverso che è l’Italia che ci dice che dobbiamo farli da giovani, 'sti figli, ma poi alle mamme non assicura nessun futuro, nessuna garanzia, nessuna certezza. Nessuno sconto. Non so quanto sia giusto, non lo so davvero.

So solo che fare i figli "da giovane" significa crescere insieme a loro, che è una cosa bellissima, ma io ve lo dico, anche estremamente faticosa!

Please follow and like us:

95 comments

  1. Mariafrancesca Proietti 6 settembre, 2016 at 14:27 Rispondi

    Si l’orologio biologico c’è…è un figlio qnd arriva arriva lo accogli…ma l’articolo ha ragione qnt uomini ragazzi cominciano a pensare ad una famiglia prima sia troppo tardi e illudono le proprie compagne di essere pronti di potercela fare…ora anche lo stato…tnt chi dv farsi carico di tt siamo noi mamme io nn me ne pento ma l’articolo ha ragione…io 27 anni e il mio ragazzo 32 e un figlio di due…

  2. Loredana Della Corte 6 settembre, 2016 at 14:38 Rispondi

    Sono dell’opinione che giovani o meno quando arriva è quello il momento giusto, per il resto viva il libero arbitrio! Detto ciò questo è un paese tremendamente bigotto e vergognoso dove la maternità è di 5 mesi (se sei fortunata e ce l’hai ), dove gli asili nido sono un lusso per pochi e dove le analisi di base e i controlli di routine in gravidanza si pagano … Mi viene la nausea a pensare a quella campagna sulla fertilità e a sentire polemiche e discorsi vari sul calo delle nascite…

    • Morena Meneghetti 6 settembre, 2016 at 15:21 Rispondi

      Ma io Nn ho mai pagato gli esami di routine, a parte un paio xke particolari e il medico perché volevo lui e andavo privatamente. 😳 Poi per il resto concordo se penso che quando il piccolo avrà 4 mesi devo tornare a lavoro mi vien male… 😭

    • Loredana Della Corte 6 settembre, 2016 at 15:32 Rispondi

      Non so, io all’ospedale li pagavo e mi dicevano solo se avevo il certificato della gravidanza a rischio no. Pur di stare con la piccolina un po di più prenderò due mesi di congedo, ma la vivo come una vera ingiustizia 😔

    • Eliana Portelli 6 settembre, 2016 at 16:39 Rispondi

      Ciao mamme, non capisco perché tante di voi paghino tutte le visite e le analisi, c’è un decreto ministeriale del 10 settembre 1998, per la tutela della maternità responsabile, andate su internet e scoprirete che avete diritto a una buona parte delle analisi gratis e un’ecografia a trimestre e tanto altro, per le analisi c’è un codice esenzione: M00. Informativi bene. 😉

    • Eliana Portelli 6 settembre, 2016 at 16:41 Rispondi

      Io feci gratis anche la morfologica, seconda ecografia del secondo trimestre, mi consigliò il mio ginecologo di fare tutto ciò che potevo gratuitamente, anche per familiarizzare con la struttura e il personale, fra l’altro quando si partorisce ci può essere chiunque.

    • Laura Comes 6 settembre, 2016 at 16:59 Rispondi

      Hai pienamente ragione, io sono all’ottavo mese, e la mia gravidanza è costata 240 euro, il costo di 2 visite private scelte da me perché mi andava di farle, altrimenti ho sempre fatto tutti i controlli del caso a costo zero, seguita in consultorio da una ginecologa e dalle ostetriche. Per il resto hai pienamente ragione, penso sia una vergogna pensare che una mamma possa lasciare il suo bambino a 4 mesi per tornare a lavoro, e succede solo qui da noi!

    • Maria Scelfo 6 settembre, 2016 at 18:58 Rispondi

      Io ho partorito tre mesi fa e non ho pagato nessun esame o ecografia, ad esclusione di un paio di visite private. Mi sono fatta seguire GRATUITAMENTE dall’ambulatorio gravidanza dell’ospedale dove avrei partorito. Cosí ho conosciuto lo staff di medici e ostetriche che avrei poi incontrato al momento del parto. Sono stata seguita benissimo! Basta informarsi ;-)

    • Loredana Della Corte 6 settembre, 2016 at 19:11 Rispondi

      Ragazze non so in quale regione voi abbiate partorito ma vi posso assicurare che nella mia non era previsto che mi passassero le analisi. Le tre eco dei tre trimestri si e anche la morfologica. Io ho partorito in ospedale senza alcun ginecologo che mi seguisse…

  3. Ilaria Liut 6 settembre, 2016 at 14:39 Rispondi

    A me dicono che ho avuto mia figlia giovane, avevo 26… Beh per me fare i figli da giovane significava tra i 20 e i 25… Infatti avrei voluto avere almeno il primo entro i 25. E ancora che mia figlia è una bambina buonissima, perché non oso pensare come fanno le altre mamme. Faccio già fatica adesso. Il secondo rischia di non arrivare causa età….

  4. Milena Campolunghi 6 settembre, 2016 at 14:40 Rispondi

    Io ho 45 anni e un figlio di due e posso dire che i figli satebbe meglio farli prima dei trenta anni…piu energie da dedicatgli meno ansie e la speranza di vederli diventate adulti…..purtroppo i casi della vita spesso portano ad averli tardi

  5. Livia Louboutin Cocozza 6 settembre, 2016 at 15:00 Rispondi

    Il lavoro che faccio mi porta a stare a contatto con molti ragazzi intorno ai 25 anni e, oltre al fatto che molti di loro vanno ancora all’universitá o non hanno un lavoro stabile, li vedo assolutamente impreparati non solo al ruolo di genitore, ma proprio alla vita e ai mille problemi quotidiani! Ovviamente non voglio fare di tutta l’erba un fascio, ma la mia esperienza mi ha portato a convincermi di ciò. Certo, a 20 anni hai piú energia e meno ansie, ma a 30 sicuramente sei più forte mentalmente. Ad ogni modo ognuno sceglie ciò che é meglio per sé! Per fortuna non esistono leggi scritte!

  6. Arianna Aschedemini 6 settembre, 2016 at 15:28 Rispondi

    Il primo a 18 la seconda a 19 la terza a 34 e la quarta a 37 … sicuramente le gravidanze più consapevoli sono state le ultime due … ma fisicamente mi hanno ridotta uno straccio … al contrario fisicamente ho vissuto meglio le prime due e nn sto parlando di linea ma di forze fisiche e mentali… in conclusione posso dire secondo la mia esperienza che l’età giusta c’è è tra i 25 e i 33 .. prima è troppo presto e dopo inizia il declino 👍

  7. Sabrina Polito 6 settembre, 2016 at 17:08 Rispondi

    Io 30 anni ho avuto un maschietto a 26 e una femmina a 28 e mezzo.Anche per me fare figli da giovani significa prima dei 25 ma al giorno d’oggi immagino sia impossibile a meno che uno si diploma solamente oppure sia mantenuto dal compagno.La mia mamma a 24 anni aveva già 4 figli …con il primo avuto a 19 anni ma erano altri tempi ed è rimasta a casa per accudire noi.

  8. Paola Lucreziotti 6 settembre, 2016 at 18:48 Rispondi

    Il primo a 36, la seconda a 38, li ho fatti tardi perché purtroppo ho perso tanti anni con la persona sbagliata, però questo mi ha permesso di conoscere mio marito. Non credo ci sia un’età giusta o sbagliata, ci debbono essere i giusti presupposti che nn per tutti si creano a 20-25 anni…certamente più sei giovane più energie hai…

  9. Hebe Adele Grazi 6 settembre, 2016 at 19:20 Rispondi

    La prima a 32, la seconda a 35 e il terzo a 40… Io mi son sentita vecchia con la prima, l’avrei fatta prima ma non potevo per questioni lavorative! E cmq sono strafelice oggi di come è la mia vita! ☺☺☺

    • Alessandra Perda 6 settembre, 2016 at 22:58 Rispondi

      si anche io mi sentivo un leone quando ero incinta dei miei 2 figli, tant’è che ho lavorato per il primo fino all ottavo mese e per il secondo fino al nono…il problema è stargli appresso dopo, te ne accorgerai..i figli sono una gioia ma dopo che passi le notti ad allattare o a cullare il piccolo di 4 mesi e poi la giornata intera a stare appresso a quello di 2 anni e mezzo ti giuro che la stanchezza si fa sentire :-P …in ogni caso in bocca al lupo!!

  10. Susanna Martinelli 6 settembre, 2016 at 19:52 Rispondi

    Io ho 28 anni e una bimba di quasi 2 mesi..tra parto e post un bimbo ti richiede tante energie e sinceramente è meglio fare i figli da giovani: si hanno più possibilità di concepire e maggiori energie..una cosa devo dire: quando sono rimasta incinta, ero l’unica tra gli amici e mi sono sentita tanto tanto giovane come se avessi avuto 18 anni..purtroppo ultimamente si fanno figli tardi per una sicurezza economica ma un’altra cosa che noto, ahimè triste, è che le persone sia donne che uomini non vogliono sacrificare nulla della loro vita ma soltanto divertirsi..

  11. Laura Facchin 6 settembre, 2016 at 20:52 Rispondi

    Secondo me ogni donna ha secondo me un PROPRIO OROLOGIO BIOLOGICO, non è detto che per essere una under30 si sia automaticamente più fertile di una over 35. Ogni donna ha una storia a sé. E molte sono le coppie dove le difficoltà di concepimento oggi dipendono dall’uomo e non dalla donna. Quanto al fatto di potersi godere i figli adulti perché avuti da giovani…..non me la sento sinceramente di ipotecare il futuro: tante mamme non arrivano ai 50 causa tumori o altre malattie, io credo che la vita vada vissuta appieno, che ognuno sia libero di fare ciò che desidera, ciò che sente nel proprio cuore, senza regole predeterminate. Le gravidanze delle giovani sono indubbiamente caratterizzate da una maggior energia, quelle delle meno giovani da maggior consapevolezza…ma forse, chi lo sa. Perché ognuno ha una propria storia e le generalizzazioni servono a poco: io credo nei figli sereni, quelli cui si sappia regalare con grande spirito di accoglienza un futuro consapevole e responsabile.

  12. Elisa Russo 6 settembre, 2016 at 22:08 Rispondi

    Primo figlio a 20, secondo a 25 e terzo a 30… Tornassi indietro rifarei tutto e devo dire che la pazienza a 20 ne avevo molta di piu😂 anche se è’ da capire che è’ calata visto che a 30 erano in tre da controllare e le giornate sempre belle piene😀ah dimenticavo tutti maschi più il marito… Magari un gg mi fanno santa😂😂😂

  13. Saccio Giusy 6 settembre, 2016 at 22:10 Rispondi

    Io sono in attesa ed ho 32 anni non è solo l’orologio biologico la mia esperienza personale purtroppo mi ha portato ad avere 2 esperienze negative…mi sarebbe piaciuto anche a me far famiglia a 26 anni ma alle volte la vita è inaspettata e va oltre..oggi spero che subito dopo l’arrivo del piccolo potrò avere la possibilità se Dio vorrà di averne un altro e non mi dispiacerebbe…poi mi chiedo perché a 26 anni siete già stanche!? Comprendo che un bimbo ti esaurisce ma essere stanche già così giovani! Noi donne passiamo dal ciclo ai dolori del parto a darci da fare per tirare su’ casa famiglia marito e alle volte coincidendo il tutto con il lavoro fuori casa…siamo forti ragazze non ci possiamo abbattere così!

  14. Valentina Fanfoni 6 settembre, 2016 at 22:32 Rispondi

    Ho 36 anni, la mia prima bimba l’ho avuta a 31 anni e mezzo, la seconda a 33 e mezzo… prima di metterle al mondo io e il mio compagno abbiamo voluto goderci la vita da “sbarbati” (come dicono a Milano)… lavoro a tempo pieno, le mie bimbe sono due vulcani di energia… ma nonostante l’età non mi sento diversa di come si sente una mamma 20/25enne! La giovinezza non dipende dall’età anagrafica ma di come uno si sente dentro e io mi sento una balda giocane!!!!

  15. Lisa Isabel Grifoni 6 settembre, 2016 at 22:33 Rispondi

    Io ho 21 anni e ho una bimba di quasi 2 anni… sono rimasta incinta che avevo quasi 19 anni,quindi ancora dovevo terminare gli studi e il mio attuale marito aveva un lavoro precario. Se tornassi indietro aspetterei di realizzarmi,andare a scuola,prendere il diploma, laurearmi e avere un buon lavoro… ora la mia vita è più complicata perché devo rinunciare o comunque rimandare i miei obiettivi e non ho più la stessa libertà di qualche anno fa. Io vedo mia mamma di 44 anni che ha meno pensieri di me che ne ho 21. Certo,ha anche lei le sue preoccupazioni,i suoi pensieri,ecc.. ma esce,ha delle amiche,esce fuori a cena… chiacchiera e scherza senza dover pensare di dover dare da mangiare ad una bambina piccola. Si gode le serate… ecco,io soffro perché mi manca la mia SPENSIERATEZZA!! Ecco,ho trovato il termine esatto. Mia mamma ha una vita tutto sommato spensierata,io invece no.

  16. Lisa Isabel Grifoni 6 settembre, 2016 at 22:41 Rispondi

    Inoltre,non ho più amiche. Mi hanno tutte abbandonata quando hanno scoperto della mia gravidanza… mi è rimasta un’amica però lei si è creata la sua compagnia! Chi mai vorrebbe fare due chiacchiere con una mamma giovane che oramai sa solo parlare di creme per il culetto e marche di pannolini? È da una vita che non mi faccio una chiacchierata al telefono con qualcuno o che non esco da sola con qualche mia amica. Mio marito si lamenta di avere anche lui una vita difficile.. ma a differenza mia lui esce di casa,va a lavoro e in pausa pranzo scherza e ride con tutti. Io invece durante il giorno non scherzo e non rido con nessuno. È da 1 anno che non esco da sola con mio marito o andare al cinema. Se anche sono in compagnia di qualche mio coetaneo o amico di Marco,mi sento costantemente a disagio perché mi sento una quarantenne che parla con dei ventenni!! Non fraintendetemi,amo mia figlia… però non avere più niente di mio,vedere che tutti i miei amici mi hanno abbandonata e che non parlo mai con nessuno,mi ha rattristata parecchio. Per non parlare di quando parlo del mio futuro,vedo un enorme punto di domanda davanti a me. Ultimamente mi sento parecchio giù di morale e nervosa.

  17. Alessandra Perda 6 settembre, 2016 at 22:52 Rispondi

    felicissima di aver avuto il primo a 27 e il secondo a 29..avendo potuto li avrei fatti anche prima ma il lavoro non ha permesso…fatto sta che secondo me più passa il tempo e meno sono le energie per starci dietro!! comunque sia i figli sono una gioia!!!

  18. Vincenzo Rosangela Giuliapia 7 settembre, 2016 at 00:52 Rispondi

    La prima 24 il secondo 27…il mio orologio biologico è scattato già a 20 anni…già da allora desideravo un figlio ma purtroppo nn ero sposata….e nemmeno convivevo…quindi ho dovuto rimandare a dopo il matrimonio!!!! Felicissima di aver avuto figli cs giovane!!!!

  19. Marzia Scardoni 7 settembre, 2016 at 07:01 Rispondi

    Io ho 40 anni, le mie ragazze 18-13-9
    Tornassi indietro? Sarebbe ancora così
    Avere 40 anni e i figli grandi è una soddisfazione, ti confronti, parli, giochi e scherzi…e puoi ancora goderti la vita!!

  20. Rossella Nocerino 7 settembre, 2016 at 08:43 Rispondi

    Io ho 35 e finalmente ( dopo tanta ricerca!) il test ad Aprile mi ha dato un bel positivo! Per Natale (incrociando ogni giorno le dita!🍀) abbraccerò la mia patatina! Prima non mi è stato possibile “cercare” un figlio per problemi di salute, lavorativi e logistici, ora , a quanto pare , è il momento giusto! Perché le istituzioni devono volere il potere di gestire e organizzare il mio corpo, la mia vita, le mie esigenze, etc…?! Ma che ne sanno,loro?! Cosa hanno da offrirmi affinché la mia ( nostra!) quotidianità sia più piacevolmente organizzata?!🤔

  21. Maria Tardi 7 settembre, 2016 at 17:28 Rispondi

    Felice di averli fatto da giovane anche se non facile e stancante e faticoso ma o abbastanza forza energia e pazienza 25 anni due meravigliose bambine felice e orgogliosa di essere una mamma giovane ♡♥

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.