Il post della mamma che viaggia da sola con i due figli: tre atti di gentilezza in aeroporto

il-post-della-mamma-che-viaggia-da-sola-con-i-due-figli-tre-atti-di-gentilezza-in-aeroporto

Quando si viaggia con dei bambini piccoli al seguito non è mai semplice, soprattutto se lo si fa da soli. Becca Kinsey ha vissuto un momento difficile come ogni mamma lo ha vissuto, al ritorno da un viaggio a Disney World. Ma ha sperimentato anche quanto possa essere potente la solidarietà tra donne/mamme.

Il posto di una mamma: viaggiare da sola con due bambini piccoli,si può?

Dopo una bella vacanza a Disney World Kinsey e i suoi due bambini di 2 e 5 anni, Wyatt e James, sono all'aeroporto per tornare a casa. Ma le cose non vanno esattamente come previsto: la fila per il controllo della sicurezza si fa lungo e Kinsey si sente già sull'orlo del pianto perché Wyatt inizia ad urlare e James sta per crollare dalla stanchezza. A un certo punto, come per magia, una donna esce dalla fila e fa cenno a Kinsey di passare davanti a lei "passa pure qui davanti a me, so come vanno le cose!".

Purtroppo però, nonostante la gentilezza della prima donna, la sua avventura non finisce qui, perché Kinsey si rendo conto poco dopo di aver perso la carta d'imbarco e i bambini, stanchi ed esausti, cominciano a fare i capricci tra urla e pianti.

La donna racconta di essersi sentita in preda allo sconforto più totale quando il piccolo Wyatt si è addormentato sul pavimento e lei non aveva idea di come fare per portare i suoi figli e i bagagli sull'aereo. Proprio nel momento in cui la disperazione stava per prendere il sopravvento, dalla fila del check- in arriva una donna, anche lei una mamma, che dopo aver osservato la scena ha pensato di dare una mano a Kinsey e di aiutarla ad imbarcare.

Quando la solidarietà fa la differenza

Una volta sull'aereo la situazione non migliora: il piccolo Wyatt si sveglia e, proprio al momento del decollo, comincia a gridare e piangere. Dopo 45 minuti di urla arriva una donna che, rivolgendosi a Kinsey, dice: "sembra che tu abbia bisogno di una pausa". A quel punto prende Wyatt e lo tiene con sé per tutta la durate del volo, fino allo sbarco quando consegna il piccolo tra le braccia del padre che aspettava tutta la famiglia e, voltandosi verso Kinsey l'abbraccia augurandole "Buon Natale".

Il post di Becca Kinsey è diventato virale perché parla della solidarietà tra mamme e tra donne. Una dimostrazione d'amore e di sorellanza molto potente che può permettere ad una madre di viaggiare da sola con due bambini piccoli e di ricevere l'aiuto di cui ha bisogno in un momento difficile, senza bisogno di chiedere.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.