KidZania: il parco divertimenti dove i bimbi lavorano

KidZania

KidZania è il parco divertimenti per bambini nato in Messico, dove i piccoli visitatori diventano "lavoratori per un giorno". In un futuro non troppo lontano, uno di questi parchi potrebbe aprire anche in Italia.

KidZania: parola d'ordine edutainment

Edutainment. Cos'è questa strana parola? È un termine che unisce due sostantivi inglesi, "education and entertainment"; in italiano potremmo tradurla con gioco educativo. Che è il principio alla base dei 24 parchi divertimento KidZania sparsi per il mondo. Il fondatore, Lopez Ancona ha voluto creare questa realtà per insegnare ai bambini il valore dei soldi e del lavoro.

Tutto, nel parco divertimenti, è realizzato con assoluto realismo: dal muso dell'aereo a grandezza naturale che accoglie i piccoli visitatori in ciascun parcho, alle varie postazioni di lavoro. Di mestieri, a KidZania, ce ne sono per tutti i gusti: dal cuoco al vigile del fuoco, dal giornalista al meccanico, dal cantante alla cassiera. A fine giornata, i bambini ricevono anche uno stipendio nella valuta del parco, il Kidzo, che possono spendere in giocattoli e dolciumi nei negozi all'interno dei parchi del circuito. 

I genitori, invece, non possono entrare, ma hanno la possibilità di osservare i propri bambini da appositi monitor. 

Il video della settimana

La polemica contro i parchi KidZania

Nonostante il grande successo ottenuto da questi parchi divertimento, non a tutti i genitori piace il marchio KidZania e ciò che rappresenta. Più che altro per la presenza di grandi marchi e oggetti promozionali (la pizza è Domino's, i supermercati sono Lidl, l'istituto di credito è HSBC) che, accusano in molti "plasma le menti dei piccoli visitatori", crescendo generazioni di consumisti.

La società rimanda le accuse al mittente, spiegando che la presenza di marchi così riconoscibili è un "acceleratore di realtà", un modo per riproporre ai bambini quello che vedono nella vita di tutti i giorni. L'amministratore delegato della società, inoltre, ha sottolineato che il 50% degli introiti di KidZania viene proprio dal marketing. Insomma, niente pubblicità, niente divertimento.

Voi cosa fareste? Portereste vostro figlio in un parco KidZania?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.