La differenza sta nelle piccole cose

la-differenza-sta-nelle-piccole-cose

Proprio ieri ho chiesto a mio figlio cosa vuole fare da grande e lui senza pensarci troppo mi ha risposto che vuole diventare un calciatore.

Anzi, un campione. Ha detto proprio così: "Mamma, voglio diventare un campione" ha detto. E a me è venuto da domandarmi se a questo punto non avessi fatto l'errore di non soffermarmi abbastanza sul valore delle piccole cose. Insieme a lui, intendo.

Sono una donna ambiziosa, a livello professionale, ma come mamma sono divisa su questo argomento. Non mi piace raccontare a mio figlio che va bene anche accontentarsi, perché non sarei onesta.

Perché a me accontentarmi non è mai piaciuto.

Però vorrei che crescesse con la consapevolezza che a volte è necessario accontentarsi, mentre altre volte dovrà ringraziare per quello che lui stesso ha considerato un contentino, perché capiterà di fallire. Cadrà e si rialzerà e poi cadrà di nuovo, come tutti.

Ecco, io vorrei prepararlo al fallimento facendogli capire che è insito nel successo (qualsiasi cosa successo voglia dire), senza distoglierlo però dai suoi obiettivi. Quello che vorrei capisse è il valore del lavoro, del sacrificio, quando si crede in qualcosa, senza mai perdere di vista quella che per me è la prima tra tutte le verità.

Se puoi sognarlo, non significa che puoi farlo.

Però puoi crearti dei sogni su misura e per farlo bisogna dare il giusto valore a tutto quello che abbiamo. A partire dalle piccole cose.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.