La resilienza di una bimba ucraina diventa la copertina del Times

la-resilienza-di-una-bimba-ucraina-diventa-la-copertina-del-times

È il dolce sorriso di una bimba il simbolo di speranza e resilienza scelto dal Time per la sua ultima copertina.
Lo scatto ha già fatto il giro del mondo grazie alla gigantografia creata dall’artista francese JP.

Altra fotografia segnante e piena di significato è anche quella che ritrae una giovane madre e il suo piccolo, tenuto tra le braccia da un soldato ucraino. Anche in questo caso la sofferenza ucraina unita alla ferma volontà di resistere paiono essere i messaggi chiave che si intendono trasmettere.

Il sorriso di una bimba come simbolo dell’Ucraina

Ha appena 5 anni la bimba protagonista della copertina del Time, si chiama Valeriia ed è originaria di Kryvyi Rih, la cittadina natale del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

La bambina è stata immortalata in uno scatto che la ritrae con il volto sorridente, mentre avvolta in piumino, sciarpa e cappello è prossima a fuggire dal suo Paese insieme alla mamma Taisiia.

Il video della settimana

L’immagine catturata dall’alto da un drone è realizzata grazie a una gigantografia dall’artista francese JP, che ha voluta farla sollevare simbolicamente da oltre cento persone in Freedom Avenue a Leopoli.

Simbolo di gioia, speranza, e immagine di un futuro diverso e più sereno, questa fotografia è subito stata scelta dal Time per riempire la prossima copertina e per fungere da simbolo della resilienza ucraina.

Un altro scatto ha commosso e coinvolto il mondo

Non soltanto la bimba sorridente, anche un altro scatto struggente e molto emozionante ha colpito il Time divenendo una seconda copertina per la rivista britannica.

Nell’immagine compare una giovane donna col viso rigato dalle lacrime mentre si prepara a fuggire dal proprio Paese insieme al proprio piccolo bimbo, infagottato in una tuta rossa e adagiato tra le braccia di un soldato ucraino.

Lo scatto è attribuito a Maxim Dondyuk ed è stato realizzato a Irpin. Il titolo scelto dall’artista per la fotografia, l’agonia dell’Ucraina, rende al meglio la condizione di miseria e di difficoltà vissuta da questa povera madre e dal suo piccolo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.