La storia di Jake, il bambino che deve praticare sport per sopravvivere

la-storia-di-jake-il-bambino-che-deve-praticare-sport-per-sopravvivere

Jake lotta contro il tempo e contro la malattia fin dalla sua nascita : affetto da una rarissima forma di disfunzione ormonale, ha fatto dello sport la sua salvezza.

Jake : una speranza dello Sport

Il bambino di 10 anni originario di Malta ha infatti una rarissima malattia genetica, la sindrome di ROHHAD (un acronimo inglese che significa  Sindrome da obesità a esordio rapido-disfunzione ipotalamica-ipoventilazione-disregolazione autonomica). Questa malattia, causata da una disfunzione dell'ipotalamo, comporta importanti squilibri ormonali e metabolici, tali da portare all’obesità in pochi mesi e purtroppo, nella maggior parte dei casi, alla morte entro i primi anni di vita.

L'enorme forza di volontà di Jake sta però riscrivendo la storia, dando una speranza alle famiglie di quanti combattono con questo mostro invisibile, che li costringe a rinunce continue e a frequenti ricoveri in ospedale.

Per limitare i danni della malattia, il bambino ha iniziato a fare sport, nella speranza di aiutarlo con i problemi respiratori e di lottare contro l'obesità, che continua a tormentarlo nonostante la ferrea dieta, poverissima di grassi e carboidrati.

Il Triathlon e il sogno olimpico

Negli anni, Jake si è appassionato al Triathlon, iniziando ad allenarsi con la Malta Youth Triathlon Academy. Il suo sogno più grande è quello di seguire l’esempio dei suoi beniamini, i fratelli Alistair e Jonny Brownlee, campioni di Triathlon alle Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016.

Nonostante i suoi frequenti ricoveri, continua anche in questo periodo ad allenarsi per nuotare dall’isola di Comino a Malta, nella speranza di vivere abbastanza a lungo per poter almeno tentare di prendere parte alle prossime olimpiadi.

Sono circa un centinaio i casi di persone affette da sindrome di ROHHAD noti in tutto il mondo. Fino ad oggi, le famiglie dei malati di questa patologia sapevano fin troppo bene che il loro bambino si sarebbe spento intorno ai cinque anni, nove al massimo, ma Jake sta regalando a tutti loro una speranza nuova, avendo già compiuto i 10 anni e continuando a lottare tenacemente per restare aggrappato alla vita e al suo sogno.

La nomination ai National Sport Awards

Il coraggio e la tenacia di Jake hanno emozionato l’intera nazione, meritandogli la nomination per il "People's Choice Award" agli Sport Malta National Awards, il prestigioso premio nazionale organizzato dalla Sport Malta e dalla Sport Journalists Association, giunto quest’anno alla cinquantacinquesima edizione.

Nella speranza di veder salire il nostro giovane atleta sul podio olimpico un giorno, lo ringraziamo sin d’ora per aver tracciato un cammino di speranza per tutti, insegnandoci con l’esempio a non gettare la spugna mai, neppure davanti a traguardi apparentemente irraggiungibili.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.