La festa di fine anno è annullata: la maestra consegna porta a porta i peluche ai suoi alunni

la-straordinaria-storia-della-maestra-dell'indiana-che-dona-animali-di-peluche-ai-suoi-alunni

La pandemia non ha fermato la creatività di un'insegnante dell'Indiana, con la passione per la scrittura. Da 4 anni Shannon Anderson alla festa di fine anno scolastico sorprende i suoi alunni trasformando i personaggi delle loro storie in morbidi peluche.

Quest'anno il lockdown ha un po' cambiato le cose, ma Shannon non ha perso la speranza. Ha consegnato porta a porta i regali ai suoi bambini, stampando sui loro visi espressioni di incredulità e di gioia. Un'altra storia che regala un messaggio d'amore al mondo in tempi non troppo felici.

Il metodo Anderson

Shannon Anderson, originaria del Rensselaer, è da sempre un'appassionata di scrittura. Autrice di libri per bambini, insegna da ben 25 anni con l'obiettivo di trasformare la lettura e la scrittura in momenti piacevoli per i più piccini.

Quattro anni fa ha lanciato un interessante progetto a lungo termine, in cui ogni alunno è chiamato a scrivere una storia di fantasia, illustrandola. Ciascuna pagina viene poi rilegata in un unico libro che viene consegnato a fine anno scolastico insieme ad una fantastica sorpresa.

Shannon Anderson da anni si rivolge ad un'azienda specializzata nella produzione di animali di peluche personalizzati, la Budsies, per rendere reali le illustrazioni dei bambini. Ciascun personaggio è perfetto in tutti i dettagli ed è in grado di strappare un sorriso anche al bambino più serio.

Il progetto Anderson ai tempi del Covid-19

Il lockdown, con la chiusura anticipata delle scuole, ha messo a rischio la tradizionale festa di fine anno con relativa consegna agli studenti del libro illustrato e dei loro personaggi.

La festa di fine anno, così come veniva festeggiata prima del Coronavirus

Il Covid-19 non ha però fermato la maestra Anderson che munendosi di guanti e mascherina ha avuto la brillante idea di consegnare casa per casa i doni.

Per Shannon l'emozione più grande, oltre a quella di rivedere dal vivo i suoi ragazzi, è stata quella di percepire la loro felicità nello stringere il peluche personalizzato che in qualche modo li faceva sentire nuovamente vicini. Questa straordinaria idea ha ispirato tante altre persone, spingendole a reagire con fantasia ad un momento così difficile.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.