La vita dopo i figli non è uguale a prima

la-vita-dopo-i-figli-non-e-uguale-a-prima

Quando ero incinta mi dicevo che la mia vita, dopo mio figlio, sarebbe stata stravolta. Lo dicevo come se stessi per passare in mezzo ad un uragano e con il terrore che, dopo essere passato, l'uragano avesse lasciato solo brandelli di me.

Ero spaventata e questa era la cosa che mi spaventava più di tutte: non avere più la vita di prima.

Quando sono diventata mamma per un po' è stato davvero così.

I primi tempi, mesi, anni, per me sono stati quelli più difficili da gestire. Ho faticato ad instaurare un rapporto con quello che era mio figlio, ma anche una creatura inerme e che dipendeva da me in tutto e per tutto: mi sentivo in gabbia e questo era quanto riuscivo a provare e in gabbia ci vivevo perché avevo paura di fare qualsiasi cosa.

Poi, pian piano, mio figlio è cresciuto e io mi sono riappropriata di me stessa e di alcuni miei spazi e con un po' d'aiuto (sì, sono una mamma fortunata che può lasciare spesso il figlio a suo padre e qualche volta anche ai nonni) sono tornata a fare quello che facevo prima.

Tutto.

Perché non c'è qualcosa che davvero i figli ti impediscono di fare ma, c'è un ma, le priorità non saranno più le stesse di prima.

Per questo non posso dire che la vita dopo i figli resta invariata, non tanto nelle azioni, quanto nei sentimento.

E, in fondo, è bello così.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.