L'idea di una mamma per sopravvivere a Natale nei negozi di giocattoli

lidea-di-una-mamma-per-sopravvivere-nei-negozi-di-giocattoli

Il Natale si sta avvicinando e le vetrine dei negozi sono allestite con i migliori giocattoli e novità per attirare l'attenzione di bambini e genitori.

Eccitati e sovrastimolati, i bambini diventano sempre più insistenti, tanto da volere aquistare i regali immediatamente e non è facile tenerli a bada mentre siamo in giro per lo shopping natalizio.

I capricci per i giochi visti nelle vetrine

Una mamma di Washington, Kristina Watts, ha avuto una brillante idea per sopravvivere alla costante domanda del: "me lo compri mamma?!".

La donna ha raccontanto sul suo profilo social che quest'anno andare in giro per compere con sua figlia Emerson stava diventando impossibile. Ogni gioco esposto attirava l'attenzione della bambina che lo desiderava a tal punto da mettersi a piangere e fare i capricci. La mamma ha dovuto spesso uscire trascinando la bambina fuori dal negozio e ad un certo punto ha detto basta.

Dopo averci riflettuto, ha escogitato un trucco davvero geniale e non ha aspettato molto tempo per renderlo noto a tutti i genitori come lei.

Il trucco escogitato da Kristina, mamma di Emerson

Non appena Emerson prendeva in mano un gioco o le faceva la tipica domanda: "me lo compri mamma?" Kristina rispondeva alla bambina scattandole una foto insieme al giocattolo.

In questo modo, ha raccolto una lista fotografica di giochi desiderati dalla piccola, ovviamente dicendole che tutte quante le immagini venivano spedite a Babbo Natale.

Il suo trucco è diventato virale perché funziona con tutti i bambini. Infatti, così facendo, riescono a posare immediatamente il giocattolo senza capricci e si assicurano che la mamma o il papà abbiano realmente scattato loro la foto.

Dopodiché sorridono contenti sapendo che Babbo Natale riceverà tutte le loro foto. Questa idea è stata condivisa sul profilo Facebook della donna ed è immediatamente diventato virale.

Condiviso da più di 53 mila persone, sono tantissimi i genitori che si sono rivolti a lei o hanno lasciato un commento per ringraziarla dell'idea semplicissima ma efficace. D'ora in poi, grazie a Kristina, non ci saranno più scenate nei negozi di giocattoli.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.