Mense scolastiche: i genitori spendono in media 80 euro al mese, l'Emilia Romagna è la regione più cara

mense-scolastiche-i-genitori-spendono-in-media-80-euro-al-mesa-lemilia-romagna-e-la-regione-piu-cara

Le mense scolastiche nelle quali mangiano i nostri bimbi hanno ovviamente un costo. Ogni famiglia spende annualmente una media di 80 euro al mese per figlio. Ma in Emilia i costi lievitano.

Prezzo della mensa scolastica: differenze regionali

L’alimentazione delle mense scolastiche, dove mangiano giornalmente migliaia di piccoli studenti, è alla base dell’educazione alimentare e della salute delle nuove generazioni.

I costi sostenuti dalle famiglie non sono uniformi su tutto il territorio nazionale e variano da regione a regione.

Cittadinanzattiva, nell’edizione numero 5 relativa all’indagine sui costi delle mense scolastiche, ha esaminato le tariffe delle mense scolastiche della scuola primaria e secondaria dei 110 capoluoghi di provincia.

Le tariffe più elevate si confermano al Nord. In questa area geografica si spendono mediamente 813 euro per coprire 9 mesi di mensa per la scuola primaria e 802 per la mensa della scuola dell’infanzia.

In Centro Italia la spesa per far mangiare i bambini nella scuola primaria si attesta sui 697 euro e sui 676 per la scuola dell’infanzia.

Nelle regioni del Sud Italia i costi scendono ulteriormente con 662 euro per la scuola primaria e 649 per quella dell’infanzia.

In Emilia Romagna la ristorazione scolastica costa di più

Fra tutte la regione che raggiunge il top dei costi è l’Emilia Romagna. I genitori affrontano una spesa mensile di ben 103 euro, a fronte dei 65 euro richiesti in Sardegna, che risulta essere la regione più economica.

A livello nazionale e rispetto all’anno precedente le tariffe si sono mantenute sostanzialmente invariate, con un incremento maggiormente significativo in Puglia con il 5,97% e in Toscana con il 5,73% di aumento.

La spesa è stata valutata su una famiglia di riferimento composta da due genitori e un figlio minore, con Isee di 19.900 euro e reddito lordo di 44.200 euro. L’analisi ha ipotizzato 20 giorni mensili di quota annuale del servizio di mensa scolastica su un totale di 9 mesi, ad esclusione di eventuali quote extra mensili o annuali.

Considerando che per molti bambini il pasto scolastico è l’unico della giornata, Adriana Bizzarri, coordinatrice Scuola di Cittadinanzattiva, chiede che il Governo trovi le risorse per trasformare lamensa scolastica in un servizio pubblico e gratuito.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.