Pannolini da mare: mai più senza!

pannolini da mare

La calura estiva, le ferie imminenti e le scuole chiuse fanno venire voglia soltanto di una cosa: trascorrere il tempo libero al mare o in piscina alla ricerca di refrigerio, relax e, soprattutto i più piccoli, di divertimento.

I giochi d’acqua sono i più amati dai bambini di tutte le età: superata la paura dei primi contatti con il mare o la piscina, infatti, quando un bambino scopre il fascino dell’acqua non vuole più uscirne. Se però il piccolo porta ancora il pannolino, onde evitare che faccia i suoi bisognini sul più bello e senza preavviso, è meglio giocare d’anticipo e partire preparate, mettendo in borsa dei pannolini da mare.

Perché scegliere i pannolini da mare?

A metà strada tra i tradizionali pannolini e un costume, i pannolini da mare sono un’invenzione geniale di cui tantissime mamme si sono innamorate per via della loro praticità. Cos'hanno di speciale?

Innanzitutto sono più sottili e meno ingombranti dei normali pannolini, per cui assicurano al bambino una maggiore libertà di movimento. Inoltre, una volta a contatto con l’acqua non si gonfiano, diventando pesanti e fastidiosi da indossare. E se il bambino dovesse fare pupù proprio lì, in piscina o al mare, possiamo stare sicure che il pannolino non lascerà fuoriuscire alcuna traccia perché riesce a trattenere le perdite.

Prodotti ormai da tanti brand e facili da trovare, i pannolini da mare sono inoltre coloratissimi, tanto che non c’è molta differenza tra questi articoli e un normale costumino.

Meglio dei pannolini tradizionali!

Sono diventati un must dell’estate per molte mamme che li preferiscono ai pannolini tradizionali, troppo ingombranti in spiaggia e che con il caldo diventano fastidiosi e irritanti per la pelle delicata dei più piccoli. Utilissimi e belli da vedere, dunque, i pannolini da mare sono una vera e propria rivelazione e un comodo aiuto per permettere di vivere la spiaggia senza la preoccupazione di dover stare attente a eventuali “incidenti” a cui rimediare di corsa.

Nonostante la loro praticità e comodità, però, è pur sempre bene ricordarsi di cambiare il pannolino al bambino dopo ogni bagno asciugandolo bene, per evitare che l’ovatta bagnata resti a contatto con le sue parti intime. E tra un bagno e l’altro si può anche alternare con un pannolino tradizionale, per permettere al bambino di giocare sulla sabbia senza che questa possa insinuarsi tra le sue zone più delicate, irritandole.

Please follow and like us:
error

34 comments

    • Rachele Valentina Generoso 20 Luglio, 2016 at 21:27 Rispondi

      Dany mi sento di intervenire… Risparmiati i soldi (anche se non costano tanto e li trovi anche da decathlon). Falle il bagno solo con il costumino. Io li ho usati perché ormai li avevo comprati ma quando sono così piccoli, anche se fanno una pipì nella piscinetta(se è solo sua e non si tratta di piscina pubblica ovvio) non succede nulla. 😂

  1. Ilaria Liut 20 Luglio, 2016 at 20:40 Rispondi

    Gli huggies sono super… Ma finora mai trovati pannolini sottili come dicono nell’articolo. Appena messi sono uguali a quelli normali, quando esco devo strizzarlo per far uscire l’acqua sennò oltre il peso della bimba ho altri 5 chili solo di pannolino…

  2. Floriana Zenobio 20 Luglio, 2016 at 23:33 Rispondi

    Chi dice di lasciarli nudi: o non ha figlie femmine o non ha mai avuto problemi di irritazione nelle parti intime dovute alla sabbia! Per esperienza personale, meglio un costumino se non si vuol mettere un pannolino, ma nudi no!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.