Come rendere il rientro a scuola…green!

ritorno_scuola

Fra poco suonerà la campanella per molti scolari e studenti, per i quali ricomincerà un nuovo anno di lezioni, compiti, interrogazioni e verifiche!
I più fedeli alleati di questo lungo ed avventuroso viaggio istruttivo saranno senz’altro gli accessori per la scuola che molte di voi mamme saranno incaricate di scegliere e comprare.

Per fortuna, anche in questo settore, c’è un ampio ventaglio di prodotti green che potranno rendere non solo più interessante l’anno scolastico, ma anche sostenibile.
Dopo i libri, la spesa più importante è costituita dallo zaino. Il primo (e anche più duro) scoglio da superare è convincere il proprio bambino che anche senza lo zainetto del supereroe del momento riuscirà ad arrivare alle vacanze estive. Fatto questo, puntate su uno zaino che sia robusto e capace di resistere al veloce fluire delle effimere mode. Meglio ancora se green, perché non osare con lo zaino solare?

Un altro importante capitolo di spesa si rivelerà l’acquisto di quaderni e blocchi per gli appunti. Prima di tutto, fate un’accurata cernita dei quaderni dell’anno scorso per riutilizzare le pagine bianche come fogli di brutta, dopo di che evitate assolutamente di cadere nella tentazione di acquistare i malloppi di quaderni in offerta del supermercato. Potrebbero risultare eccessivi rispetto al consumo e tradursi in fogli da smaltire. Non di meno abbiate sempre riguardo alla presenza del marchio FSC, Forest Stewardship Council, l’unico che garantisce che la carta proviene da foreste gestite secondo criteri di sostenibilità.

Da ultimo, lo stesso marchio deve essere riportato sulle matite di legno che comprerete per il corredo scolastico, mentre per le penne sarebbe meglio puntare il dito su quelle ricaricabili.
In questo modo, insegnerete al vostro bambino che anche nelle cose più quotidiane, come una penna o un quaderno, bisogna avere un occhio di riguardo per l’ambiente: varrà più di mille parole!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.