SEU: la causa della morte della bimba è stato il latte crudo?

latte crudo SEU

Dopo la notizia della bimba morta per SEU, è allarme nel paese barese di Altamura. A rendere la situazione ancora più preoccupante è il ricovero di altri due bambini per la stessa malattia, anche se le loro condizioni al momento sembrano essere sotto controllo.

Colpa del latte crudo contenuto in un gelato?

Poiché i tre casi sono ravvicinati nel tempo, è stata convocata una riunione d'emergenza dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, presieduta dal direttore del Dipartimento Politiche della salute e benessere sociale Giancarlo Ruscitti e da altri rappresentanti di istituzioni preposte al controllo del territorio. Si sospetta che la piccola possa aver assunto un gelato contenente latte crudo, quindi è partita un'indagine a campione su diversi prodotto caseari della zona.

Nessun allarme SEU

La Regione Puglia spiega che non c'è nessun allarme SEU, ma i soccorsi sono in allerta se dovesse verificarsi qualche altro caso simile. La raccomandazione alla popolazione è comunque di consumare cibi esclusivamente cotti, evitando accuratamente di somministrare ai bambini cibi crudi. Un'accortezza valida sempre e comunque per tutti.

34 comments

  1. Caterina Ele De Prisco 6 giugno, 2017 at 11:09 Rispondi

    Ma come si fa caspita!! Io penso sempre al fatto che mia figlia non mangia gelato, a due anni, e che vorrei che lo facesse e ora?? Cosa dobbiamo chiedere in gelateria se hanno pastorizzato bene il latte?? Cosa da matti!!!

  2. Graziana Cretì 6 giugno, 2017 at 12:39 Rispondi

    La cosa piu inquietante è che nn conosciamo ne la marca e ne la provenienza esatta di questo latte che puo essere contenuto in altri alimenti..io do la ricotta a mio figlio di un anno che proviene da quelle zone di altamura e quando l ho saputo mi è salito il panico😞

  3. Maria Magri 6 giugno, 2017 at 14:04 Rispondi

    Io figlia mangia gelato da quando ha 6 mesi, purtroppo ci sono disgrazie che avvengono. Ma non possiamo neppure stare sempre lì ad aver paura di tutto . A questo punto non si fanno più figli e bona . Poi anche non dare il gelato ai bambini . Okay non gli dai il gelato , ma cosa ne sanno le mamme se per casa mettendosi le mani in bocca non mandino giù un batterio che può causare la morte ? Mille paranoie che ci fanno stare male. Intanto anche con mille accortezze se una cosa deve succedere succede e basta.

    • Rosy Ro 6 giugno, 2017 at 17:52 Rispondi

      concordo. Ci mettono duemila ansie. Non puoi più mangiare, fare un vaccino, bere una cosa, usare un prodotto . . che spunta sempre il marciume! Io sono diventata ansiosa a causa di tutte queste cose che scrivono.

    • Caterina Ele De Prisco 6 giugno, 2017 at 17:56 Rispondi

      Ma hai perfettamente ragione Maria ma io non intendevo che bisogna ora avere paura di tutto anche perche io a mia figlia le do latte fresco intero della coop. Se non sbaglio l’articolo parla di ” cattiva pastorizzazione” del latte quindi qui non parliamo del caso, di qualcosa che poteva succedere (visto che ci sono altri due bimbi gravi) o di un batterio che un bambino può prendere mettendosi le mani in bocca ma è come lasciare aperto il mobiletto dei detersivi a portata di mano di un bimbo e dire se qualcosa deve accadere accade! Questo è errore umano! il gelataio o chi per lui ha commesso un errore! Poi è giusto come fai tu a dare il gelato alla tua bambina lo farei anche io se alla mia piacesse!

  4. Terry Pasquale 6 giugno, 2017 at 15:29 Rispondi

    Siamo veramente arrivati alla fine di tutto… sono due giorni che nn dormo per questa cosa povera piccola e poveri genitori!!! Speriamo solamente che la verità venga fuori e chi è colpevole paghi non si possono sentire certe notizie😢

  5. Lucia Diele 6 giugno, 2017 at 17:50 Rispondi

    Sono una mamma di Altamura o una splendida bimba di 4anni spero che si faccia chiarezza su tutto ciò il mio pensiero va ai genitori che hanno perso la bimba mi si spezza il cuore :'(

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.