'Sulla buona strada', nuova campagna shock sulla sicurezza stradale (VIDEO)

sulla-buona-strada

Luca è il protagonista di una nuova campagna sulla sicurezza stradale voluta dal Governo: "Sulla buona strada".

Luca. Un video shock che quando lo vedi per la prima volta non puoi proprio frenarle le lacrime. Ti scendono calde mentre continui a seguire le immagini sullo schermo e non puoi fare a meno di immedesimarti nella storia di quel bambino, perché Luca potrebbe essere il tuo bambino, e quello spot ha l'effetto di un filo spinato attorcigliato allo stomaco. 

"Sulla buona strada": la voce di Luca, 7 anni

Ha grandi occhi verdi Luca. Fissa la camera cosicché il suo sguardo arrivi dritto dritto agli spettatori. Geniale il regista. Il video si apre con un bambino di circa 7 anni (lo si evince dal fatto che gli manca proprio un incisivo laterale inferiore) in campo nero. Non si vede nulla oltre a lui. Parla con quella vocina di bimbo spensierato, ma solenne.

Racconta dei suoi successi scolastici, quasi cantilenando le parole. I genitori per ricompensare il suo impegno gli hanno regalato una spada laser, regalo molto ambito da tutti i bambini di quell'età che sono stati conquistati dall'ultimo episodio di Guerre Stellari.

Il video della settimana

Poi continua, ma il tono si fa più serio.

Ora suo fratello gioca con la sua spada, lui è contento, ma gli sarebbe piaciuto giocarci assieme. Cala il gelo. Il racconto a questo punto ti sbatte in faccia, con una violenza indescrivibile, quello che è successo al piccolo Luca: "Io non posso più giocarci perché si sono dimenticati di mettermi sul seggiolino.".

Lapidarie parole che suonano come i rintocchi a morte. E di quello si tratta, sebbene non venga fatto esplicito riferimento verbale. 

Ma è così. Luca è morto perché i genitori si sono dimenticati di metterlo sul seggiolino. Luca ti guarda e muove la bocca, come per dire "Che peccato però!"

E tu stai li, imbambolato davanti alla TV, col vuoto attorno e il freddo che ti graffia da dentro. Perché è Luca, ma è anche il nostro bambino. 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.