"Ho deciso di non allattare, ma non è stato semplice"

ho-deciso-di-non-allattare

Su D di Repubblica c’è un post che racconta di una mamma che ha deciso di non allattare, e racconta come sia stato difficile portare avanti la sua scelta.

Difficile in un paese dove l’allattamento al seno sembra (sempre secondo me lei) quasi obbligato.

Perché non ho voluto allattare mia figlia

Le motivazioni, rispettabilissime, era che non voleva sentire dolore, che non voleva mostrare il seno in pubblico e che non voleva rovinarselo.

Così non appena è nata la figlia, si è fatta somministrare la medicina che manda via il latte e poi ha detto a tutti che non è mai arrivato, marito compreso.

Questa storia porta sicuramente due brevi riflessioni.

Libertà di scegliere, anche se di mezzo ci sono i figli?

Da un lato ogni donna dovrebbe sentirsi libera di scegliere se affrontare un percorso comunque impegnativo, che va fatto credendoci, sennò fallisce.

Dall'altra però, da mamma, posso permettermi di essere dubbiosa se davvero avere un bel seno vale più di nutrire il proprio figlio?

E voi cosa ne pensate?

86 comments

  1. Marilena Zappalà 1 aprile, 2016 at 11:11 Rispondi

    La donna ha diritto di scegliere, e il bambino non ha diritto ad avere il miglior nutrimento per sé? Solo che non può farlo valere. Si può raccontare e giustificare in mille modi ma una scelta del genere rimane sempre egoistica a mio parere

  2. Dania Prioli 1 aprile, 2016 at 11:15 Rispondi

    Perché mentire?Siamo o no liberi di scegliere?Io solo la terza figlia ho allattato e inizialmente mi ci sono trovata costretta per una serie di circostanze nonostante non ne avessi per nulla voglia.Ma ora che sto ancora allattando al 7 mese penso che sia l esperienza piu bella per una mamma e il suo cucciolo…

  3. Alexandrah Cuocolo 1 aprile, 2016 at 11:32 Rispondi

    Finché viviamo in una società dove il valore di una donna si basa molto più sull’aspetto del suo seno, inteso come simbolo sessuale, che sulle sue doti personali, mi pare ovvio che le donne vogliano conservarlo al meglio…. Io allatto mia figlia, so quanto sia dolce vedere il suo visino rilassarsi quando poppa, ma sono anche consapevole della mia rinuncia – non raccontiamocela, una donna “tetta soda” ha spesso vita più facile di una che ha il fisico da mamma.

  4. Cristina Staltari 1 aprile, 2016 at 11:57 Rispondi

    È giusto scegliere ma purtroppo non è così facile , a volte lo fai per la tua salute non solo per le tette sode , il benessere di mamma in primis per il bene del figlio , figlio che sarà amato e coccolato sempre e comunque …. Giusto allattare sì giusto non scoraggiarsi si ma è anche giusto è lecito che chi non allatta venga considerata meno mamma rispetto a chi allatta …

    • Francesca Tanghetti 1 aprile, 2016 at 16:21 Rispondi

      Dillo a me che secondo loro gli avrei dovuto dare un latte pieno di antipertensivi!Mi hanno messa in croce, stavo con la tetta attaccata al tiralatte fino a fare uscire sangue dall’interno e quelle quattro gocce di colostro il pupo me le sputava perchè era latte all’adalat

    • Alessia Marino 1 aprile, 2016 at 22:01 Rispondi

      Io ho allattato 25 giorni con tiralatte mai al seno perche non si riusciva ad attaccare ho smesso x disperazione e XK mi è venuto il morbillo il mio bimbo è attaccato a me in maniera quasi morbosa una mia amica ha allattato al seno ancora allatta e il suo bambino appena può cerca tutti tranne lei non diciamo queste cagate che se allatto al seno si instaura un rapporto speciale il rapporto mamma figlio è speciale sempre allattando al seno oppure no queste stronzate di commenti non li tollero

    • Alessia Marino 1 aprile, 2016 at 22:15 Rispondi

      Tu hai detto che se all’atto al seno si instaura un rapporto speciale secondo me questa è una cazzata colossale il rapporto mamma figlio si instaura con 9 mesi di gravidanza il parto il contatto fisico ( non necessariamente il seno) la dolcezza e l’amore infinito che ogni mamma allattando o no prova x suo figlio e sopratutto con la tranquillità di entrambi perche una mamma serena fa un bimbo sereno e se x questo bisogna smettere o evitare di allattare al seno ben venga con il latte artificiale non è mai morto nessuno e poi io scrivo e rispondo come e quanto mi pare Barrilà Rosetta

  5. Carmen Ier 1 aprile, 2016 at 12:11 Rispondi

    X me una madre che priva il figlio del proprio latte solo X degli stupidi complessi estetici o xke’ non si ha voglia e’ solo un’egoista!!! Queste scelte non le condivido e non le accetto! Se la voglia o la pazienza non le avete non li fate i figli che non è’ obbligatorio!!! Apprezzo più chi i figli non li vuole ammettendo i propri limiti a questo punto!

    • Antonella Catania 1 aprile, 2016 at 12:25 Rispondi

      Ci sono persone sicure di sé che si sentono bene anche con un seno non al top e altre che invece hanno paura di non vedersi più come prima. Perché non si riesce ad accettare la debolezza di un’altra donna?

    • Carmen Ier 1 aprile, 2016 at 12:32 Rispondi

      Perché quando si ha un figlio non si può essere deboli!!!! Io non ho un fisico come lo avevo prima, non mi piace il mio corpo ma i miei figli sono sempre venuti e vengono prima dei miei complessi fisici!!!

    • Silvia Lento 1 aprile, 2016 at 13:41 Rispondi

      Non è vero si puo’ perchè si è umani e forse un giorno, quando il figlio sarà più grande, farsi vedere ogni tanto deboli e non solo prime donne con la verità assoluta nelle mani e con la superbia di poter dire ad una persona che non si conosce che è egoista e che non dovrebbe fare figli, ci permetterà di crescere persone migliori

    • Carmen Ier 1 aprile, 2016 at 13:50 Rispondi

      Quando saranno grandi capiranno quando la madre ha un momento di debolezza o stanchezza, ora sono piccoli e non ci si può permettere di essere deboli perché hanno bisogno di noi in tutto e X tutto! Si, X me una che nega il proprio latte al figlio X una cretinata è’ egoista X non dire altro!!!

    • Michela Bollini 2 aprile, 2016 at 00:55 Rispondi

      Questo commento mi lascia davvero basita! Al di là del fatto che ognuna fa ciò che crede e ritiene opportuno per se e per i propri figli, compreso scegliere se allattare o meno, la parte ancora più tragica è il “non ci si può permettere di essere deboli”!
      Mai sentito parlare di dialogo, di “sesto senso” dei bambini?
      Chi dice che non si può essere deboli??? Si può eccome ed è ciò che ci rende ancora più speciali davanti ai nostri figli!!! Loro non possono e non devono crescere pensando che le loro madri sono d’acciaio e infallibili perché quando saranno loro a sentirsi deboli, automaticamente si sentiranno anche inferiori e inadeguati davanti a “miss perfezione che non crolla mai”!!!
      Va bene l’amore immenso, va bene che ognuna di noi darebbe la vita per i propri figli, ma crescerli ed educarli non significa illuderli che la mamma è perfetta e, a questo punto, completamente insensibile!!!
      Forse bisognerebbe aprire un po’ la mente e studiare un po’ di pedagogia prima di dire certe cose!!!

    • Carmen Ier 2 aprile, 2016 at 01:15 Rispondi

      Nessuno ha parlato di perfezione o di essere d’acciaio, questa è’ una cosa che hai interpretato tu! L’importante è’ che l’hai studiata tu la pedagogia ;)

  6. Alessandra Bono 1 aprile, 2016 at 12:15 Rispondi

    ognuno è libero di scegliere quello che vuole,x qualcuno può essere una scelta egoistica ma non vuol dire che lo sia,i motivi possono essere tanti. .io penso che si è bravi sempre a criticare e si sbaglia. .parlo da mamma che allatta quindi non lo dico x tirare acqua al mio mulino

  7. Antonella Catania 1 aprile, 2016 at 12:23 Rispondi

    Quello che trovo assurdo è che ai giorni nostri si debba mentiere dicendo che non si ha latte quando invece basterebbe dire che non si vuole e x questo si sceglie di prendere una pastiglia per far andare via il latte

    • Silvia Lento 1 aprile, 2016 at 12:26 Rispondi

      Bè Antonella basta leggere i commenti finora scritti in cui nessuno si è posto il pensiero del perchè questa scelta, ma è stata subito attaccata. Sono dell’idea che qualunque sia la scelta di una madre nessuna, e dico nessuna puo’ permettersi di giudicarla

    • Cristina Staltari 1 aprile, 2016 at 13:39 Rispondi

      Certo perché L allattamento e il fare figli dev essere direttamente proporzionale no? Il non fare figli dovrebbe essere fatto da chi se ne frega da chi non se ne può occupare da chi li abbandona in un cassonetto non da chi fa una scelta !

  8. Valentina Valsecchi 1 aprile, 2016 at 12:46 Rispondi

    Io ho un bimbo di 3 mesi e una di 5 anni.
    Con il secondo ho detto subito che non avrei allattato perché l’ho vista proprio brutta con la mia prima. Non ne avevo abbastanza e dovevo sempre dargli aggiunta con biberon, in più lei tirava tanto ed ero sempre piena di tagli nonostante le creme…
    Non mi sento per niente una cattiva mamma perché non allatto e non ho dovuto mentire con nessuno…
    Amo i miei figli!!!

  9. Marta Zaninelli 1 aprile, 2016 at 12:48 Rispondi

    Quando leggo di queste discussioni penso sempre al fatto che i figli crescono e non gli importera’ niente se sono stati allattati o meno ma se la mamma e il papà giocano con loro, organizzano la festa di compleanno, fanno i compiti con loro, gli stanno accanto quando litigano con i compagni di scuola o, ancora più grandi, vicino nelle difficoltà della vita. Penso che la questione allattamento sia ampiamente sopravvalutata perché i bambini crescono in fretta e le priorità diventano ben altre. Mia mamma non mi ha allattato ma sinceramente non me ne importa nulla, è stata una bravissima mamma x’ c’è sempre stata quando ho avuto bisogno di lei, anche adesso che ho 38 anni

    • Marilena Zappalà 1 aprile, 2016 at 14:14 Rispondi

      Ma non c’entra l’affetto, non c’entra niente! È una questione di alimentazione, rientra nella sfera della salute! Come da grande non gli fai mangiare troppe schifezze per il suo bene, da neonato gli dai il tuo latte. Dobbiamo togliere questa aurea che ha l’allattamento, prima di essere un gesto d’amore è nutrimento e basta!!!

    • Mariano E Andreana Musti 1 aprile, 2016 at 15:22 Rispondi

      Marilena Zappalà, allattare presuppone serenità e tranquillità prima di tutto da parte della mamma e non tutte sono ben disposte nei confronti di questo gesto di nutrimento e amore, come dici tu.
      Insistere pur sapendo che può generare stress nella donna significa che il figlio a sua volta non è sereno e si scatena così un circolo vizioso di cui a farne le spese è prima di tutto il bambino stesso. Perché giudicare allora? Queste mamme non sono meno responsabili delle altre che invece hanno la fortuna di riuscire ad allattare senza problemi. Senza nulla togliere al latte materno, i cui benefici sono universalmente riconosciuti, penso anche che i retaggi sull’argomento generino molto spesso sensi di colpa e inadeguatezza nelle donne che non vogliono o possono darne. Ritengo invece che non ci sia nulla di più prezioso di un bimbo che cresce sano e sereno, anche se il suo nutrimento viene dal biberon

    • Marilena Zappalà 1 aprile, 2016 at 19:57 Rispondi

      Non voglio esprimere giudizio, ho usato la parola scelta e già questo presuppone che si entra nella sfera personale. Se la mamma è serena non allattando, che agisca pure così. Il bambino sarà più sereno di conseguenza? Non lo so. Se il latte materno si valuta sotto la sfera della salute e quindi del benessere del bambino potrei anche dissentire.Spero di essermi spiegata … ognuno per il proprio figlio sceglie ciò che le pare più opportuno. Basta che non si dica che è stata costretta o che c’è un pressing sociale su chi non allatta perché non è vero. Si sceglie sempre con consapevolezza al giorno d’oggi

    • Silvia Lento 1 aprile, 2016 at 21:29 Rispondi

      Marilena Zappalà mi spiace ma ogni medico ogni psicologo ogni professionista ti dirà che più é serena la mamma più é sereno il bambino. Questo é scientificamente provato con il benessere del latte materno

    • Marilena Zappalà 1 aprile, 2016 at 22:53 Rispondi

      Sì però intanto la madre ci guadagna solamente in serenità mentre il bambino perde comunque un nutrimento prezioso. Io non voglio fare le prediche, volevo solo cercare di spostare il punto di vista … dal benessere della madre al benessere del neonato.

    • Marta Pilati 1 aprile, 2016 at 23:19 Rispondi

      Io dopo 18gg…ho mollato, non ce la facevo piu’…mastite, febbre, antibiotico lui.che tirava fino a farmi urlare!! Per me e’ stato piu’ doloroso del parto….credetemi!! Mi sono sentita in colpa perche’ di latte ne avevo tantissimo!! Ho dato il biberon e addio seno, poi e’ andato via dasolo credo per lo stress! Ma adesso dico e sono certa di aver fatto la scelta giusta per me e per lui…siamo felici,mangioni e piu’sereni!!

    • Elena LaLeli Dona' 2 aprile, 2016 at 06:05 Rispondi

      Marilena è indubbia l’importanza del latte materno per millemila motivi. Non è che le mamme che non allattano non diano ai figli il nutrimento che serve. Sapresti riconoscere a occhio un bambino allattato al seno e uno con latte artificiale? No perché crescono alla stessa maniera. Io, appena smesso di allattare, ho ricominciato a vivere e la madre non guadagna solamente in serenità credimi. Il benessere del bambino arriva nel momento in cui c’è tranquillità e serenità familiare. Poi io l’allattamento artificiale l’ho sempre visto come un incentivo dell’aiuto della figura paterna che all’inizio, come si dice di solito “poco può fare visto che c’è la mamma”. I genitori devono avere sempre un rapporto al 50e50 nei confronti del figlio, secondo me. La serenità di un bambino dipende da come si cresce e che contesto familiare si crea intorno a lui indipendentemente dal latte materno o artificiale.

    • Marilena Zappalà 2 aprile, 2016 at 07:50 Rispondi

      Colorito, sistema immunitario, peso (inteso come peso “ideale” cioè non eccessivo), e potrei dire anche progressi nello sviluppo psico motorio visto che alcuni studi dimostrano queste e altre differenze tra un bimbo mai allattato e uno invece che ha preso latte materno. Senza contare la minore possibilità di sviluppare malattie gravi in futuro, come il diabete… ed è dimostrato che il latte materno contribuisce anche ad avere una migliore flora batterica. Nei primi mesi di vita è fondamentale per non incorrere in infezioni comuni perché si è protetti con gli anticorpi della madre. Infatti nei prematuri gioca un ruolo fondamentale. Il seno ha anche una funzione consolatoria e di protezione, ma qui si va nella sfera emotiva. Insomma, qualcosa ‘sto benedetto latte di mamma ce l’avrà se è riconosciuta la sua superiorità evidente rispetto al formulato??? Perché negarlo??? Un bambino è sereno se è sfamato, accudito, pulito e coccolato, non ha bisogno di altro. Seno o biberon che sia. Sta a noi decidere. Il papà può fare tutto il resto, la natura ha dotato solo noi donne di latte e seno per nutrirli.

    • Antonella Catania 2 aprile, 2016 at 13:11 Rispondi

      Marilena Zappalà, sul fatto che il latte materno sia l’ideale x il bambino, ti posso solo dare ragione,perché la natura non sbaglia, ma siamo esseri umani, possiamo scegliere cosa fare del nostro corpo? Se una donna è frustrata dell’allattamento, può scegliere di non allattare visto che l’alternativa esiste? Io essendo nata negli anni 80, faccio parte della schiera degli allattati artificialmente, non mi sono mai ammalata più o meno rispetto ad altri bambini allattati al seno, stessa cosa mia figlia, ha 3 anni,non ho allattato eppure sia al nido,sia quest’anno alla materna, si è ammalata pochissimo. Quando si parla di allattamento al seno, si tende a voler evidenziare il fatto che i bambini si ammalano meno, che si instaura un rapporto migliore mamma/bambino e molto altro. Non dico che non sia vero, dico solo che anche i bambini allattati con la, possono essere sani e felici 😊

    • Marilena Zappalà 2 aprile, 2016 at 13:26 Rispondi

      Ok però mi pare una contraddizione scegliere di dare il latte artificiale da piccoli e poi preoccuparsi se le merendine che gli diamo abbiano o no l’olio di palma. Il latte è la base dell’alimentazione per i primi anni, e quello formulato è pieno di schifezze. Questa è una verità oggettiva che non cambia. Ci sono bimbi sani e felici indipendentemente dal latte che so gli dà, ma se poi ci preoccupiamo della loro alimentazione a sei anni perché da neonati no? Perché si sottovaluta questo aspetto, troppe volte. E ci si chiede come mai poi i bambini sono pieni di allergie o soffrono di infezioni alle vie urinarie… Anche se in età scolare si rimpinzano di cioccolata e patatine crescono bene lo stesso alla fine. Ma se mangiano frutta e verdura non è meglio? 😉

    • Antonella Catania 2 aprile, 2016 at 14:46 Rispondi

      Ma perché una contraddizione? Il latte artificiale è un sostituto del latte materno, le merendine non sostituiscono niente a livello nutrizionale. Sono solo delle calorie e dei grassi saturi che non fanno bene né agli adulti, né ai bambini. Non possiamo paragonare le merendine al latte artificiale, è un paragone assurdo. Inoltre se in età scolare i bambini si alimentano con schifezze, non è assolutamente vero che crescono bene comunque, potrebbero avere seri problemi di salute, dal diabete all’obesita’ e molto altro. Io sono abbastanza fortunata perché mia figlia mangia molto volentieri la frutta di ogni genere e le verdure se frullate,perché a pezzi non le vuole nemmeno vedere. In 3 anni non ha mai toccato una merendina confezionata e quindi non me le chiede. Però, davvero non possiamo paragonare il latte artificiale alle merendine.

    • Marilena Zappalà 2 aprile, 2016 at 15:11 Rispondi

      Rientra tutto nel concetto di educazione alimentare. Con la differenza che a sei anni non li lasciamo mangiare le merendine per insegnargli a scegliere bene. Appena nati invece siamo noi a scegliere per loro. Il latte artificiale non è un sostituto, è proprio un’altra cosa rispetto a quello materno. E a proposito di obesita e diabete, il LA pare che predisponga di più. Poi guarda, io non devo convincere nessuno, libertà prima di tutto. Mi fa rabbia che si propagandi così bene il latte artificiale a discapito dell’allattamento materno, come fosse una scelta di poco conto. Beh per me non è lo è affatto e ritengo che essere allattato sia il primo diritto di ogni bambino e il primo dovere di ogni mamma …oltre ovviamente ad essere una norma biologica. Almeno nella mia scala di valori.

  10. Vale Ardenghi 1 aprile, 2016 at 12:50 Rispondi

    Io non ho allattato xchè sono divuta tornare subito a lavoro( sono una lavoratrice autonoma). Con la prima figlia i due pediatri con cui ho parlato mi hanno dato della pazza e non vi nascondo che non ho avuto la prontezza di rispondere a tono. Con la seconda mi ero preparata e devo dirvi che le mie bimbe stanno bene entrambe. E io sono una mamma che ha scelto di non allattare in modo consapevole..se tornassi indietro farei la stessa scelta.

  11. Ambra Cuomo Caricato 1 aprile, 2016 at 12:51 Rispondi

    Alcuni commenti sono illeggibili. Quanta cattiveria e quante sputasentenze.
    Io non allatto perchè avevo poco latte e insistere mi faceva sentire un gran disagio.
    La mia serenitá è quella di mio figlio. Se allattare mi creava stress e disagio ora sono serena. Il mio bimbo sta bene e siamo entrambi sereni…e anche il papá mi aiuta.
    Chi vede l’amore solo come “capacitá di sacrificarsi”a mio parere fa un grosso errore di valutazione..oltre a essere inopportuno verso il prossimo.

    • Mariano E Andreana Musti 1 aprile, 2016 at 14:13 Rispondi

      Mi sembra di rileggere la mia vicissitudine… All’inizio ho insistito ma vedere la mia bimba affannarsi e innervosirsi mi ha convinto che era meglio lasciare perdere… Inizialmente l’ho vissuta malissimo perché mi sono sentita sconfitta come mamma, ma d’altra parte non potevo mettere a rischio la crescita di mia figlia per appagare la ricerca di un orgoglio. Ora lei cresce, è tranquilla e a saperla serena lo sono anche io. La serenità dei nostri bimbi è l’obiettivo di ogni brava mamma e non fa alcuna differenza se la si infonde col latte materno o quello artificiale

    • Francesca Borsari 1 aprile, 2016 at 15:12 Rispondi

      Anche io ho passato lo stesso,poco latte,lei piccola e cresceva poco,io triste per aver fallito,tanti pianti e se ci ripenso una lacrimuccia scende,ma non ce la facevo proprio più,dopo 4 mesi di allattamento misto sono passata all’artificiale e basta…Adesso cresce ogni giorno più di prima ed io sono più tranquilla..

  12. Karen Pippo 1 aprile, 2016 at 12:55 Rispondi

    Io ho allattato entrambi i miei bimbi fino a quasi 6 mesi ovvero finché non è andato via da solo il latte,allattare è una scelta difficile,molto stressante a volte soprattutto all’inizio,chi non lo fa è una madre esattamente uguale a chi sceglie di farlo..una cosa certa è che il mio seno non è quello di prima non dite che non vi interessa del vostro aspetto fisico anche perché non è giusto per voi stesse,a me non è interessato quando ho deciso di allattare ma un po di sconforto viene quando lo guardi e pensi a com’era prima diciamoci la verità!

  13. Andrea Francesca Castorio 1 aprile, 2016 at 12:57 Rispondi

    Non capisco il senso di questo post sinceramente. Tra l’altro va contro i pareri di pediatri e anche dell’oms tutti concordi nellaffermare che l’allattamento al seno è importante x la crescita e lo sviluppo del bambino. Quindi non capisco come questo post possa essere d’aiuto a qualcuno mahh

  14. Francesca 1 aprile, 2016 at 13:13 Rispondi

    La maggior parte dei commenti qui sotto sono l’esatta conferma all’analisi della citata madre.
    Giudizi e solo giudizi! C’è chi riscontra grossi problemi ad allattare in pubblico, non certo per “più sode o meno”!
    Parliamo di egoismo? Allattare fino a che il bambino è grande e vaccinato che cos’è? Fatevi qualche domanda serve più a loro o a voi?

  15. Alexandrah Cuocolo 1 aprile, 2016 at 13:23 Rispondi

    Vorrei precisare che non considero meno mamma chi non allatta, ci possono essere varie ragioni per non farlo è solo chi le vive in prima persona le può capire davvero. Il mio commento era una riflessione su chi sceglie di non allattare esplicitamente per non rovinare il seno.

  16. Marilena Zappalà 1 aprile, 2016 at 13:29 Rispondi

    Sempre le stesse discussioni. Chi non allatta non è meno madre, se il latte va via non è colpa di nessuno, i bimbi crescono bene comunque, non bisogna criticare. In questo argomento bisogna parlare per oggettività, ovvero verità indiscutibili. Il latte materno è il miglio alimento, tutte hanno il latte, il latte non va via da solo. Punto. Altre verità, mi dispiace, ma non ne esistono… esistono scelte, infatti il post parlava di questo.

    • Laura Stella 1 aprile, 2016 at 16:36 Rispondi

      Sono verità anche quelle che hai scritto sopra: “i bambini crescono bene comunque” e “non bisogna giudicare”. No perché se non si è d’accordo nemmeno su questo, allora “latte materno o latte artificiale” mi pare l’ultimo dei dilemmi…

    • Marilena Zappalà 1 aprile, 2016 at 19:41 Rispondi

      Di crescere, crescono … come sono cresciuta io che non sono stata allattata. Però sono stata privata di un nutrimento prezioso, questo è inconfutabile. L ho già specificato che non giudico, si tratta di scelte e le scelte sono personali

    • Milena Vezzali 2 aprile, 2016 at 06:27 Rispondi

      Volere è potere..le ragadi vengono perchè il bambino non si attacca bene, il latte va via perchè ormai viene data a tutti l’aggiunta e con meno il bimbo si attacca con meno latte si produce…poi ognuna è libera di fare quello che vuole ma come ho detto prima..volere è potere…con il primo la montata ha tardato ad arrivare e mi avevano prescritto l’aggiunta, arrivata a casa lo attaccavo solo al seno..allattamento esclusivo al seno fino ai 3 mesi, poi sono rientrata al lavoro…con il secondo avevo un seno infiammato perchè si attaccava male, non ho mollato e ho corretto l’attacco e anche con lui solo seno fino ai 6 mesi e fino ai 10 lo prendeva anche la sera…

  17. Monica Meraviglia 1 aprile, 2016 at 13:58 Rispondi

    Io certe cose nn le posso sentire…..Io ho provato ad allattare mio figlio ho avuto mastiti ragadi tagli dolori….Ma dovevo sempre dargli l aggiunta cn il biberon….piangevo ogni volta che si attaccava…certe mamma passano al biberon perché devono…Ma nn giudicatele…mio figlio ha 16 mesi nn si é mai ammalato.. nonostante sia cresciuto cn il latte artificiale…e il nostro legame è tanto forte cm qualunque altra mamma che ha allattato! E il prossimo figlio nn lo allatterò di sicuro…ognuno è fatto a modo suo…impariamo a rispettare gli altri..e le loro scelte…è questo quei che dobbiamo insegnare ai nostri figli!

  18. Roberta Addamo 1 aprile, 2016 at 14:55 Rispondi

    È assurdo non volere allattare. E se poi lo fai x ragioni estetiche è patetico. Laddove non sia possibile,ok. Ma privarsidi una gioia così bella ed esclusiva è incomprensibile. Questa madre lo sa che il latte materno è l alimento migliore x il suo bambino? Lo sa che allattando al seno migliora anche il suo utero?

  19. Saetta Maya McQueen 1 aprile, 2016 at 15:50 Rispondi

    Il primo ho provato, ho patito le pene dell’inferno. Il secondo, chiunque dica quel che vuole, non ci provo nemmeno. Preferisco essere serena con un biberon che stressata e dolorante. Chi parla lo fa perché ha la bocca.

    • Laura Stella 1 aprile, 2016 at 16:42 Rispondi

      Non sempre è così. Ormai non c’è ospedale in cui non ti facciano una resta così sul l’allattamento al seno. Io ho avuto ostetriche brave e pazienti in ospedale e dopo, eppure nessuna di loro ha saputo fare nulla per le mie ragadi. Perché non era un problema di attacco (perfetto) ma il mio cucciolo mi apriva comunque i capezzoli ad ogni poppata. Dolore atroce, ormoni del post gravidanza, altro bimbo piccolo da seguire. Ho smesso dopo 1 mese di sofferenza, senza rimpianti. E quando mi dicono “non eri informata! Non ti hanno seguita poverina!” mi viene davvero prurito alle mani. Non se ne può più. Bisogna anche accettare che non tutto va sempre perfettamente e come ce lo siamo immaginato.

  20. Serenella Tesan 1 aprile, 2016 at 16:33 Rispondi

    Ogni uno vive le proprie esperienze e nessuno deve giudicare…io ho allattato entrambi i miei figli ed è stata un ‘esperienza fantastica che a volte ripensandoci mi manca xrche ‘ il contatto, lo sguardo sono indimenticabili…..

  21. Rosalba Diliddo 1 aprile, 2016 at 17:14 Rispondi

    Io ritengo che siamo troppo presi da noi stessi e dai nostri bisogni per poter prendersi cura di un altro essere .quindi meglio ponderare bene prima di mettere al mondo un figlio e non farlo solo perché lo fanno tutti.allattare tuo figlio è il gesto più altruista che si possa fare.

  22. Melania Schettino 1 aprile, 2016 at 22:56 Rispondi

    Scusate ma davvero mettete in dubbio la capacità di essere madri di coloro che non hanno allattato? Guardate che non potete tenere i vostri figli attaccati alla tetta quando andranno al liceo. Sono d’accordo che sia fondamentale per la crescita di un bimbo, ma ridurre il percorso del crescere un figlio al solo allattamento mi sconcerta. Ah, il latte a me è andato via senza pillole…..

  23. Michela Bollini 2 aprile, 2016 at 01:02 Rispondi

    Ma come diavolo vi permettete di consigliare alla gente di non mettere al mondo figli perché non vuole allattarli??? Ma chi vi credete di essere??? Una mamma che SCEGLIE di non allattare, qualunque sia la ragione più o meno condivisibile, non ama i suoi figli meno di chi li allatta al seno e di certo non deve sentirsi inferiore!!!
    Vergognatevi!!!

  24. Wilma Mele 2 aprile, 2016 at 11:35 Rispondi

    Direi un Po discutibili queste motivazioni.. capisco se non si riesce, se è doloroso, se si hanno problemi di salute.. Ma non volerci nemmeno provare perché il seno resti sodo lo vedo un Po un atto di egoismo.. allattare è la cosa più naturale del mondo, anche gli animali allattano i propri cuccioli. Prendere una medicina per bloccare un processo naturale la vedo una forzatura immotivata per le ragioni che leggo. Anche io mi sono sempre fatta mille problemi ad allattare in pubblico e ho sempre cercato discrezione e intimità e con pochi accorgimenti ho risolto il problema, basta veramente poco. Il dolore non è detto che ci sia, quindi anche questo lo vedo un ragionando un Po così.. E il seno che “si rovina” mi sembra l’unica vera preoccupazione…

  25. Miky Miky 2 aprile, 2016 at 14:31 Rispondi

    La capisco, purtroppo , ancora oggi, ci sono ” vecchie ostetriche ” ancora reticenti sulla scelta di una donna/mamma di non allattare…..ma questo nn sarebbe nulla, purtroppo ho sentito di mamme ” insultate, denigrate, guardate male, solo per aver detto di non voler allattare…..io ho scelto x vari motivi di non allattare, con tutti e due i bimbi, e per mia fortuna, sono stata assistita da personale con mente aperta, che non mi ha ostacolato né mi ha fatto sentire “in colpa” per la mia scelta.
    Penso che se una donna decide di non allattare abbia le sue buone ragioni, che nn è tenuta a spiegare e non deve giustificare

  26. Miky Miky 2 aprile, 2016 at 14:33 Rispondi

    Ma chi l’ha detto che solo allattando trasmetti amore? Io non ho allattato la mia bimba e non sto allattando il bimbo che ha 3 mesi, e li amo da morire, e loro sentono tutto il mio amore, sempre

  27. Valentina Raco 2 aprile, 2016 at 23:44 Rispondi

    Finalmente non mi sento sola. Leggere di tutte voi mi ha rincuorato tanto. Quelle che giudicano mo dispiace ma avranno anche dato il migliore degli alimenti per un bambino ma non il migliore degli esempi per l’uomo/ donna che sarà domani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.