"Vi racconto chi è papà Paolo Villaggio": le parole di Piero

paolo-villaggio-figlio-piero

È uscito in questi giorni il libro di Piero Villaggio, figlio di Paolo, che parla della sua vita in "Non mi sono fatto mancare niente".

È un libro sarcastico e cupo, dal quale emerge un padre davvero, davvero pessimo.

Lontano persino dalle sporadiche tenerezze che sullo schermo riservava alla sua bambina-bertuccia. Un padre egoista, megalomane, poco presente, come lo sono spesso le persone che fanno questo lavoro. Un padre che considerava chiunque non si ergesse sopra la normalità un totale fallimento.

E il figlio, che conosce l’eroina ad appena 17 anni, impiega letteralmente tutta la vita ad affrancarsi da questa figura così ingombrante.

Dice che non aver dovuto mai lavorare per vivere è stato in realtà un problema, mentre è grazie alla Comunità di San Patrignano che è riuscito ad uscire dalla sua dipendenza.

Ora il rapporto con il padre è migliorato: Piero Villaggio racconta che sarà perché è ormai molto anziano e malato, ma sembra provare per lui una qualche forma di tenerezza. È davvero il caso di dire meglio tardi che mai.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.