Viaggiare in camper con i bambini: alcuni utili suggerimenti

L'estate è arrivata e con essa la voglia di vacanze. Quando in famiglia ci sono bambini la pianificazione verso mete turistiche si fa più difficile e scrupolosa.

Meglio affittare un appartamento o prenotare un albergo? Un'alternativa originale e confortevole alle due classiche opzioni potrebbe essere il viaggio in camper, a tutti gli effetti "una casa su quattro ruote".

Il viaggio itinerante potrebbe essere un'ottima occasione per regalare ai bambini un'esperienza divertente e allo stesso tempo istruttiva. Per renderla davvero tale tuttavia bisogna adottare specifiche accortezze e piccoli stratagemmi nel rispetto delle esigenze dei più piccoli, sicuramente diverse da quelle degli adulti.

Di seguito riportiamo alcuni pratici suggerimenti ispirati all'esperienza di Dario Femiani, responsabile della sede italiana di Yescapa, nota piattaforma di camper-sharing.

Prima della partenza controllare le condizioni del camper

Pur somigliando a una casa, il camper rientra tra i grandi mezzi di trasporto e come tale, per la sicurezza di tutti i viaggiatori, prima della partenza, è buona norma sottoporlo a revisione completa: controllo freni e gomme, validità del bollo e dell'assicurazione, rifornimento completo di carburante e scorte di cibo e acqua da tenere in dispensa e da utilizzare nel momento del bisogno.

Controllare le condizioni del traffico e mettersi alla guida di sera

In presenza di bambini conviene spostarsi con il camper nelle ore serali oppure durante la notte in modo da non sottoporre i più piccoli ai disagi del caldo e di un clima afoso.

Inoltre è opportuno controllare sul portale autostrade.it le condizioni del traffico stradale per non mettersi al volante in giornate da "bollino nero" e passare intere ore imbottigliati tra una macchina e l'altra.

Costellare l'itinerario di molte aree di sosta attrezzate per i bambini

La vivacità dei più piccoli è proverbiale, pertanto difficilmente sapranno pazientare nella prospettiva di raggiungere la meta.

Gli adulti quindi, attraverso siti specializzati e apposite applicazioni per smartphone, possono decidere preventivamente dove sostare con il camper e scegliere molteplici aree di sosta dotate di energia elettrica, giochi per i più piccoli e soprattutto acqua potabile.

Se poi si vuole optare per una zona camping sicuramente più appartata e confortevole, alcune famiglie affittano il loro giardino a camper e caravan per un esperienza intima e in totale privacy.

Coinvolgere i bimbi nell'organizzazione del percorso e intrattenerli durante il viaggio

È consigliabile informare i bambini riguardo le mete più interessanti del viaggio al fine di accendere il loro entusiasmo e stuzzicare la loro curiosità.

Si possono raccontare aneddoti e storie divertenti sui luoghi nei quali sostare e chiedere ai più piccoli se c'è qualcosa di particolare che vorrebbero vedere. In tal modo si sentiranno anche loro dei piccoli viaggiatori on the road.

Durante il tragitto in camper si può contrastare la noia dei bimbi proponendo loro giochi da tavolo oppure la visione di un film sul tablet o sul pc.

Un'accortezza molto importante da tener presente è quella di munire i bambini di un braccialetto con il loro nome e i recapiti degli adulti responsabili, in modo da evitare ogni possibile rischio di smarrimento nei rari momenti in cui i componenti della famiglia dovessero separarsi.

Lascia un commento