Alike: il corto per riflettere sull'educazione dei nostri figli (VIDEO)

alike il video

Come bisogna educare i propri figli? Come bisogna far capire loro come funziona la vita? Utilizzando i soliti schemi imposti oppure con un pizzico di creatività?

Alike è un cortometraggio spagnolo ideato e prodotto da Daniel Martinez Lara e Rafa Cano Méndez che ci mostra i due lati dell’educazione dei figli. Standard vs fuori dagli schemi, abitudine vs novità. Alike ci racconta la quotidianità di un padre e di un figlio sotto una nuova prospettiva.

Alike, la vita di un padre e un figlio

Il corto inizia con una sequenza in cui un papà mette nello zaino del suo bimbo dei libri utili per la scuola. Tanti libri per un bimbo così piccolo, ma il sistema scolastico richiede quello. È così! Il piccolo ometto che corre felice per la casa, libero e gioioso ad un certo punto deve, quindi, mettere quello zaino pesantissimo per andare a scuola. Stessa sorte spetta al padre che ha nella sua ventiquattrore una quantità immensa di fascicoli che deve portare a lavoro.

La società in cui è ambientato Alike

In una città standard in cui tutti gli edifici sono uguali, le macchine pure e anche il colorito spento delle persone, i due protagonisti si recano insieme a scuola e in ufficio e nel tragitto incontrano una nota di colore: un violinista che suona felice sotto un albero in una piccola piazzola verde.

Il bambino si blocca felice ad ascoltare, ma suo padre gli ricorda, mostrandogli lo zaino pesantissimo, che deve andare a scuola. La giornata del papà è routinaria e poco stimolate, quella del bambino inizia in maniera gioiosa, ma poco alla volta il bimbo si accorge che non c’è spazio per la creatività in quella scuola, deve fare esattamente quello che il maestro vuole, senza variazioni, senza cambi, dunque senza personalità.

Cosa accadrà ai due protagonisti? Il piccolo si adatterà a questa società standardizzata? Oppure sarà il padre a cambiare il suo metodo educativo?

Vi consigliamo di vederlo fino alla fine perché ne vale la pena!

1 comment

Lascia un commento