"Basta Tacere": la campagna contro gli abusi in sala parto

basta-tacere

Fino ad oggi il problema degli abusi in sala parto non era mai venuto alla ribalta della cronaca, ma grazie alla comunicazione bidirezionale consentita dalla rete, finalmente esso è emerso in tutta la sua tragicità.

Sala parto: quali abusi?

A farsi portavoce di questa iniziativa, denominata #BastaTacere, sono state Elena Skoko e Alessandra Battisti del Network internazionale “Human rights in childbirth”, coinvolgendo, in breve tempo, numerose mamme che hanno subito in prima persona abusi e maltrattamenti durante il parto: dalle manovre dolorose al collo dell’utero ai punti di sutura applicati senza effettuare l’anestesia, dall’eccessiva medicalizzazione del parto al menefreghismo dell’equipe sanitaria.

Una legge contro la violenza ostetrica

Proprio in virtù di questi comportamenti vessatori, le promotrici della campagna contro gli abusi, hanno deciso di chiedere a gran voce che sia quanto prima approvata dal Parlamento una legge ad hoc contro la violenza ostetrica.

In seguito al successo della campagna #BastaTacere, è stato creato l’evento Cerchio di racconti di parto, che si terrà il prossimo 13 aprile e che consentirà alle donne di raccontare la propria esperienza ospedaliera e tutte le emozioni legate al giorno del parto. 

305 comments

  1. Genny Chiaramonti 8 aprile, 2016 at 13:19 Rispondi

    La violenza più grande è non fare entrare il papà accanto alla mamma durante il cesareo. Con le dovute accortezze potrebbero stare dietro la mamma. In America lo fanno. Io mi sono sentita sola.

  2. Nicoletta Alfarano 8 aprile, 2016 at 13:21 Rispondi

    Io sono stata trattata malissimo dall’ostetrica durante il mio travaglio;non si è resa conto durante la fase espulsiva che c’era una grave sofferenza fetale (glielo ho detto io che sono un infermiera guardando il tracciato ) fortunatamente il dottore è entrato in sala parto e si è accorta che c’era qualcosa che non andava. La bimba era incordonata ho fatto un cesareo d’urgenza. Non ce l’avrebbe fatta a nascere naturalmente o se continuanuavo per quella via chissà quali complicanze avrebbe potuto avere.

    • Laura Grassi 8 aprile, 2016 at 15:20 Rispondi

      Idem trattata malissimo pure io come te, ho visto sul tracciato quando la bambina è entrata in sofferenza fetale ho avvertito il personale che era”sparito” come per magia, solo allora hanno capito che c’era qualcosa che non andava e mi hanno rotto le acque, se non è violenza questa, il loro aspettare poteva essere fatale per le nostre figlie, a me è rimasto il trauma, e tu Nicoletta lo sai, perché c’eri, sono contenta di questa iniziativa #bastatacere

    • Laura Grassi 8 aprile, 2016 at 15:26 Rispondi

      La bambina non si è mai incanalata e le acque verdi a momenti me la facevano morire, dopo aver firmato per il cesareo di urgenza non hanno eseguito bene nemmeno anestesia spinale e mi hanno causato problemi alla schiena insomma un disastro

  3. Carolina Pisani 8 aprile, 2016 at 13:24 Rispondi

    Anche x me è stato un dolore grande non avere accanto mio marito durante il cesareo… anche perché io non ricordo quasi nulla di quei momenti… almeno lui mi avrebbe raccontato il momento in cui nostro figlio è venuto al mondo!!!

    • Ylenia Pirisi ℓρ 8 aprile, 2016 at 13:28 Rispondi

      Idem cm te.. Delle prime ore di vita mi ricordo poco e niente.. L ho intravisto in pratica… Anke se ero circondata da anestesisti medici ecc mi sn sentita ugualmente tanto sola in sala operatoria.. E il pensiero di nn aver regalato a mio marito la gioia di vedere il figlio venire alla luce.. Mi fa tremendamente male!!

  4. Xenia Antonia Magli 8 aprile, 2016 at 13:25 Rispondi

    anche io sono stata trattata malissimo oltre ad essere derisa e non aiutata …infine dopo dieci giorni mi hanno dovuto fare un raschiamento …avevo due pezzi di placenta e tantissimi residui di membrana avevo dei dolori terrificanti e febbre ad oltre 39

  5. Ambra Scarpanti 8 aprile, 2016 at 13:26 Rispondi

    #bastatacere un giorno intero in sala Travaglio senza risultati,nn c’era dilatazione ma solo tante tante e forti contrazioni! 3/4 cambi turno tra ostetriche praticanti e medici,ognuno che arrivava entrava a sentire la dilatazione che nn c’era, pratica dolorosissima a me applicata di continuo. Hanno anche provato a dilatare manualmente ma senza risultati! 2 ostetriche erano amiche nostre e mi avevano promesso il meglio….nn credevo il meglio del loro peggio! Io senza epidurale speravo di riuscire a partorire naturalmente e tenevo duro pur vomitando e piangendo dal dolore Xchè ogni volta che entravano a sentire il collo dell’utero con la contrazione era un pianto infinito! Alla fine nn capivano Xchè nn mi dilatavo, con ecografia hanno visto che il bimbo nn era in posizione e sono intervenuti con il cesareo, ormai era il giorno dopo! Nn è accettabile! NO

    • Valentina Milici 8 aprile, 2016 at 13:32 Rispondi

      Ho avuto la tua stessa esperienza primo figlio quindi un trauma! Ma io per fortuna ho avuto un ginecologo fantastico che dopo 13 ore così. ..ha fatto eco e si è reso conto della rotazione sacrale del mio bambino ed è intervenuto subito con il cesareo!

    • Valentina Lancia 8 aprile, 2016 at 13:36 Rispondi

      Anche a me è successo uguale 4 mesi fà.. dopo 17 ore e un parto naturale quasi complwtato… ad oni spinta ho rischiato di spezzare il collo al mio ometto! Poi cedario d’urgenza… d
      Fortuna che è passato il medico sennò nn sò comesarebbe andata!

    • Veronica Rizzo 8 aprile, 2016 at 13:46 Rispondi

      Anche io stessa esperienza…dopo un giorno intero di travaglio,mia figlia non era incalanata e loro lo sapevano nn mi hanno fatto il cesareo ma decisero di tagliarmi sotto!!!e mi sono trovata con 40 punti e post parto tremendo

    • Teresa Cuomo 8 aprile, 2016 at 13:58 Rispondi

      Stessa esperienza con la prima figlia. ..dolori fortissimi ma senza dilatazione. .. quasi un giorno e mezzo passato così. .. poi finalmente un minimo l utero ha iniziato a dilatarsi ma di pochissimo alla volta e intanto io scoppiato dal dolore molto lentamente poi mi hanno rotto il sacco con le mani e fatto un grande taglio ( non ricordo il termine preciso ) tanto che la testa della bimba era giù gliela hanno tagliata un Po. .. cosa che noni hanno nemmeno detto me ne sono accorta io dopo..
      Medici senza cuore..

    • Maria Bonaria Casu 8 aprile, 2016 at 14:40 Rispondi

      Denunciate queste torture! Perché vi deve restare la voglia di mettere al mondo meravigliosi bambini e non traumi pisicologici e paura di partorire una seconda volta. Vi Abbraccio tutte splendide e coraggiose mamme💝

    • MaiRetta TiramisU' Tittoni 8 aprile, 2016 at 15:25 Rispondi

      Ho avuto un esperienza simile…dopo 26 ore di travaglio(attaccata all ossitocina),parto aperto di soli tre cm,tre cambi turno,pianti ,imprecazioni e dolori estenuanti,finalmente arriva il mio ginecologo a visitarmi e si accorge che il bambino si era girato!! Cesareo d urgenza …quando mio figlio nasce senza spiegarmi l ostetrica me lo fa vedere (dopo mezz ora )e mi dice che è nato con un tumore da parto in testa!! Niente di che x fortuna era solo dovuto al fatto che era incanalato male per tante ore e il rigonfiamento si è riassorbito dopo poche ore…ho pianto perché non capivo finché non mi hanno spiegato…sono uscita dall ospedale e il mio bimbo è dovuto restare una settimana in più perché troppe ore con il sacco rotto aveva la pcr alta!!ringrazierò all infinito il mio ginecologo x avermi salvato da quella tortura …Hanno rovinato un bel momento…è stata dura riprendersi!!! Ho pianto tanto…credo di aver avuto anche una leggera depressione…mi sono ripresa grazie al mio compagno che mi è sempre stato accanto!!! Per la cronaca due settimane dopo l ostetrica giudicata incompetente e grazie allo zampino del mio medico è stata mandata in ferie forzate!!!

    • Caterina Marchetti 8 aprile, 2016 at 15:58 Rispondi

      La mia esperienza è stata devastante..
      30 ore di travaglio.. Xkè bisogna far vedere che nel nostro ospedale ci sono il 90% parti naturali e solo il 10% di cesari..
      GRANDIIIIII!! Ma nel frattempo uccidiamo le mamme dai dolori..
      Parto indotto con gel per rottura delle acque.. Dopo 24 ore ero dilatata di 1 cm.. Una notte passata a piangere dai dolori ai reni che mi stroncavano.. Passavo dal bagno, al letto, al muro del corridoio.. Un orologio attaccato alla porta della camera mi ricordava ogni 5 minuti (questo era il tempo che passava dall’ultima volta che l’avevo guardato) che ad arrivare alle 9 la mattina (il mio prox controllo) era lunga..
      Una tortura.. Sono andata a pregare piangendo che mi facessero il cesareo.. Ma sono stata derisa.. Mi è stato risposto: “se si facesse il cesareo a tutti quelli che lo chiedono, sarebbe un continuo.. Credevi di fare il primo figlio in un’ora?!? Ahahah cara non è così.. Resisti.. Dai dai.. Li fanno tutti..”
      Nel mentre avevo questi dolori volevano farmi i tracciati stando ferma.. Ehhhh gia.. Anke ferma a letto dovevo stare.. Flebo di antibiotici.. Insomma.. Fortunatamente la mattina dopo mi hanno consigliato l’epidurale pur non avendo partecipato a gli incontri.. Fatta quella.. Ho dormito 2 ore.. Per poi farmi l’ossitocina e finalmente liberarmi da questo inferno..
      Non ho visto nemmeno la mia bambina.. Appena uscita sono come svenuta sul lettino.. Ero distrutta, tagliata ovunque e arrabbiata con tutte..
      Ma la mia bambina mi ha ridato la forza.. È stupenda!! 😍😍😍💕💕❤️❤️

    • Valentina Lancia 8 aprile, 2016 at 16:01 Rispondi

      Sn stata ricoverata in quella sett che in italia sn decedute mamme cn bimbi….. se nn passava quel.medixo non so se adesso sarei potuta essere quì ad allattare il mio ometto. Tanta paura……… adesso lo racconto…

    • Valentina Lancia 8 aprile, 2016 at 16:04 Rispondi

      È stato pericoloso x il mio piccolo che ad ogni mia spinta gli piegavk il collo in senso inverso e lui pativa .. fortuna che il suo collo ha resisyito alle mie spinte… 10 m di dilatazione…. 16 ore a spingere.. n hanno voluto farmi l’epidurale dicevano che era presto…. io chiedevo aiuto.. urlavo che secondo me stava succedendo qualcosa al bimbo.. mio marito disperato… e loro??? Signora ècolpa sua.. nn sà spingere!!! .. paura x me… emorragia e tantoooo sanue andatoooo x colpa di quelle incompetenti!

    • Valentina Lancia 8 aprile, 2016 at 16:05 Rispondi

      Poi di corsa in sala opetatoria…. e il primario.. accortosi dell’errore eclatante ha fatto ebtrRe anche mjo marito dopo tutto quello che ci hanno fatto passare…… ma alla vista del bisturi è crollato… è voluto uscire…. se nn avessi avuto lui… li cn me e dopo a casa………

    • Sara Lombardi 8 aprile, 2016 at 18:54 Rispondi

      Leggo queste storie e vedo la mia… MaiRetta TiramisU’ Tittoni abbiamo avuto quasi la stessa esperienza e leggendoti mi veniva da piangere
      A me era “troppo grande” a 40 settimane e quindi candeletta.
      Ma la testa non s’incanalava e i dolori erano atroci e l’osterica di turno “e questo non è niente se piangi adesso dopo che fai… cerca di calmarti” 24 ore a piangere per i corridoi, dolori che io glielo dicevo che nn erano normali… ogni ora interminabile per il controllo successivo per controllare se ero aperta… è stata una tortura, ho implorato di aiutarmi e farmi qualcosa e alla fine cesareo d’urgenza per un principio distacco della placenta
      Ci sono voluti 3mesi per riprendermi dal trauma e dai pianti incessanti
      Grazie al mio compagno che è stato vicino a me e lo è ancora
      Povero il mio cucciolo che ha avuto una mamma debole e assente all’inizio…

    • MaiRetta TiramisU' Tittoni 8 aprile, 2016 at 19:54 Rispondi

      Sara Lombardi io ci piango ancora oggi quando ci penso…mi hanno fatto sentire una nullità!!! Ma sono sempre state cosi e quando mia madre mi disse che a lei quando stava partorendo mia sorella alla tenera età di 15 anni mentre lei urlava x il dolore l ostetrica le diceva: cosa urli!? Ti è piaciuto il dolce?! Adesso caghi l amaro 😭😭😭 pensavo esagerasse nel racconto e invece no!!!sono delle iene!!!

  6. Hope Faith 8 aprile, 2016 at 13:29 Rispondi

    Durante il mio travaglio mi è stata affiancata una specializzanda. Io soffrivo per le contrazioni e lei rideva. Prima che venisse fuori il piccolo mi e stata praticata l episiotomia, e dopo sono stata cucita senza anestesia, con un filo 10 perche I 6 erano terminati. Due punti il ginecologo che li ha praticati sono stati sbagliati perche non hanno attraversato entrambi I lati della carne. Menomale che è passato tutto!

    • Consuelo Trovò 8 aprile, 2016 at 13:39 Rispondi

      Ti capisco…Anch’io episiotomia senza anestesia;un dolore lancinante…e dopo 2 ore dal parto i punti interni sono saltati formando coagulo di sangue,e mi hanno portata in sala operatoria x mini-raschiamento…inutile dire che x più di un mese nn riuscivo a sedermi senza avere fitte dolorosissime😢…

    • Hope Faith 8 aprile, 2016 at 13:44 Rispondi

      No no io per fortuna no! I punti hanno tenuto e certo ce n era qualcuno di troppo. E ppoi la settimana dopo anche se faceva male li ho fatti togliere dalla mia ginecologa cosi ho ricominciato a sedermi e camminare normalmente.

  7. Santina Iaria 8 aprile, 2016 at 13:31 Rispondi

    Nn mi hanno appoggiato il piccolo se lo sono portati subito via lo rimpiangero tutta la vita .manovre dolorose travaglio in piedi punti senza anestesia travaglio di 22 ore . ..

    • Jenny Cherubino 8 aprile, 2016 at 13:44 Rispondi

      Non spaventarti:) diverse son le storie negative ma migliaia son le storie bellissime!!! Ho fatto due cesarei a distanza di 15 mesi…ho un maschietto di quasi 2 anni ed una femminuccia.di quasi 7 mesi…e’ andata bene entrambe le.volte e l ultima volta ancora meglio, dopoo qualche ora gia passeggiavo x l ospedale! Andra’ tutto bene…!!! 👍😊

    • Adriana Sarca 8 aprile, 2016 at 13:53 Rispondi

      Beata te. .Io quasi 2 ani fa cesareo d’urgenza. .travaglio bello, dilatazione 10, ma non voleva scendere, ostetrica non brava, a quanto ho sentito parlare, il secondo cesareo si può fare dopo 2 ani,vorrei un altro bebè, ma aspettavo che passase 2 ani.Allora si può anche prima.

    • Elisa Dulcini 8 aprile, 2016 at 14:15 Rispondi

      Non avere paura e stai tranquilla! Ogni caso è a se! Io ho un cucciolo di 2 settimane nato con parto naturale senza epidurale, 5 ore in sala parto e travaglio totale di 6 ore, mi hanno dato 4 punti e prima mi hanno dato uno spray anestetizzante..li ho sentiti ma sopportabile! Sii positiva , essere negativi non serve a niente

  8. Cinzia Gabriel Nicolas Giosuè 8 aprile, 2016 at 13:33 Rispondi

    Fortunatamente mi sono affidata alla clinica S.Famiglia di Roma ed alla bravura oltre che della mia ginecologa anche e soprattutto di Filomena Aloisio una bravissima ostetrica che ama il suo lavoro e lo svolge con grandissima passione e professionalità non tralasciando i valori umani…la consiglio vivamente…prima gravidanza bimbo con tre giri di cordone, tre spinte, parto naturale senza epidurale, con 3 punti. secondo parto naturale senza epidurale e senza esser tagliata, due spinte ed è nato…io l’adoro!!!😍😍😍

  9. Giada Brescia 8 aprile, 2016 at 13:40 Rispondi

    Voglio rincuorare le future mamme con la mia storia… Due parti spontanei e assolutamente normali. Il personale sempre disponibile e gentile in entrambi i casi. Io vivo a Catanzaro. Solo con il primo figlio ho avuto 4 punti senza anestesia ma non facevano cosi male..

  10. Loredana De Nicola 8 aprile, 2016 at 13:41 Rispondi

    A me hanno massacrato le gambe per mettermi le calze antitrombo.. perché si erano dimenticati di farlo in reparto e me le hanno messe sul letto operatorio.. risultato. . Frattura delle dita dei piedi non potevo neanche camminare

  11. Oana Raluca Racoti 8 aprile, 2016 at 13:44 Rispondi

    #bastatacere Purtroppo è una questione di mentalità in quello che riguarda il parto…”la donna deve soffrire e basta” e quello che ho sentito più spesso durante la gravidanza e durante il travaglio! Sono stata ricoverata per induzione…tre giorni senza riposo, contrazioni dolorose, dilatazione zero e alla fine ho fatto un cesareo e lo rifarei mille volte. Comunque alcune ostetriche non hanno ancora capito che ognuna donna è diversa e non siamo tutte uguale in quello che riguarda il dolore è la tolleranza sul dolore.

  12. Federica Giuliani 8 aprile, 2016 at 13:46 Rispondi

    La mia esperienza, 9 mesi e mezzo fa: parto naturale in un’ospedale rinomato per essere a servizio della mamma e della totale naturalità del parto, rispettato in ogni sua fase fisiologica…Allora: le cose in realtà x me sono andate moooolto diversamente!!!!! 20 tremende ore di travaglio senza una dilatazione efficace, senza una delicata e professionale assistenza, solo “ma guardi che il peggio deve ancora arrivare”, oppure “non urli perché tanto non serve a niente, sta sbagliando!!!” …. Dopo mie richieste insistenti finalmente epidurale che ha sbloccato la situazione grazia al cielo, il mio bimbo aveva già aspirato meconio e liquido amniotico, causandoci inevitabili difficoltà non superate per l’inizio dell’allattamento…Che purtroppo non c’è mai stato…Lui aveva lo stomaco pieno di liquido, due giorni per rimuoverlo completamente..Nelle due ore dopo il parto nessuno che sia venuto da noi per attaccare il piccolo al seno o perlomeno farci vedere, spiegarci come fare…Completamente abbandonati a noi stessi, al nido stessa cosa, metodi brutali all’estremo per tentare di farlo poi attaccare..Gente molto scortese..In un momento così delicato!!!! :( Ora aspettiamo il secondo pupetto e una cosa è certa: si cambia ospedale!!!!!! NON devono esistere queste cose!!!!!!

  13. Giusi Baccaro 8 aprile, 2016 at 13:46 Rispondi

    Ragazze nel leggere le i vostri post mi ritengo davvero fortunata, ho fatto due parti naturali e ringrazio tutto il personale dell’ospedale santissima annunziata di taranto… dire che oltre la grande professionalità ho anche appezzato il lato umano dalle infermiere, alle ostriche e tutti i medici in particolare al Dott. Nucci Vincenzo!!!!! bravissimi tutti!!!! E nonostante il mio ultimo parto è avvenuto il giorno di ferragosto nn è mancata efficienza anzi mi sono stati tutti vicino!!!!

  14. Paola Lenzi 8 aprile, 2016 at 13:50 Rispondi

    Sul personale non posso dire nulla, ma sul travaglio si. Per me è stato dolorosissimo senza epidurale ovviamente perché nel grande ospedale della Provincia dove vivo non la fanno perché non hanno sufficienti anestesisti. Ho chiesto parto in acqua e me lo hanno negato nonostante la vasca fosse libera. Mi si sono bloccate le contrazioni e non riuscivo a far uscire il bimbo allora mi sono buttati sulla pancia tre quattro volte senza risultato, mi hanno fatto la ventosa.Dio che male e poi mi hanno dato tanto di quei punti che non ricordo. Io non ricordo nulla e ancora adesso a tre mesi di distanza non riesco a dimenticare. No non si può non fare neppure epidurale.

  15. Roberta Longo 8 aprile, 2016 at 13:51 Rispondi

    Dopo oltre 24 h dalla rottura del sacco il parto non si apriva.. Non ero attaccata al monitoraggio (ogni 4 ore andavo per il controllo). L’ostetrica di turno dormiva e stavamo per perdere il battito di mio figlio perché era in sofferenza.. Quando le ho chiamate perché non ce la facevo più dalle contrazioni e mi hanno attaccata al monitoraggio.. Si sono accorte del problema e in 2 minuti c’erano tutte le dottoresse del reparto intorno a me ed eravamo in sala operatoria per un cesareo d’urgenza.. Ma è stato così d’urgenza che non hanno nemmeno aspettato l’effetto dell’anestesia! Quando mi sono svegliata lui non c’era vicino a me e il mio pianto non è stato di gioia.. Ma di spavento! Ora per fortuna sta benissimo.. Ma di certo è stata l’esperienza più traumatica della mia vita!!!

  16. Noemi Vagnoli 8 aprile, 2016 at 13:53 Rispondi

    #bastatacere 1^ figlio : 10 ore in sala travaglio dilatazione completamente manuale (un dolore che non auguro a nessuno)
    2^ figlio: collo dell’utero per niente schiacciato ma avevo perso il tappo da una settimana quindi hanno voluto farlo nascere per forza… stimolato il parto ci sono volute ben 22 ore in sala travaglio svenuta più volte senza poter bere un goccio d’acqua… dopo poco tempo dal parto è venuto fuori che i miei svenimenti erano dovuti da un principio di embolia polmonare…. ora aspetto il 3^ figlio e sono letteralmente terrorizzata all’idea di partorire!!!

  17. Antonella Bileti 8 aprile, 2016 at 13:53 Rispondi

    Sentite questa….signora e’ esagerata!!! Non puo’ sentire continuamente dolore!!! Il fatto e’ ke e’ chiara e tutte le kiare non sopportano il dolore diversamente dalle more!!! Ps lei era mora….😰

  18. Carmen De Rosa 8 aprile, 2016 at 13:55 Rispondi

    Alloooora ti racconto il mio 😳 Giorno 7 luglio a 39+2 di mattina sono andata in clinica per fare il tracciato e fino a li tutto bene 0 contrazioni.. Poi dopo 10 minuti e arrivata la mia ginecologa e mi visita internamente la bimba era ancora alta,poi dopo mi manda a fare la flussimetria mi dice il dottore signora ma in questi giorni avete perso del liquido andate a prendere la valigia per oggi o domani avrete la bimba… Poi alle 6 di mattina il dottore mi disse signorina dobbiamo fare un cesareo la bimba e rimasta senza liquido e sta soffrendo… Ero così tranquilla che stato una passeggiata la ripresa e tutto ottimi dottori e infermieri… La bimba stava con me 24 su 24…

  19. Francesca Cavalera 8 aprile, 2016 at 13:59 Rispondi

    Ragazze mi piacerebbe molto leggere le vostre esperienze ma la mia è stata cosi traumatica che non riesco a finire di leggere nemmeno un post….mi torna la memoria e sento ancora dolore! Sto male ancora dopo quasi tre anni!!! Ho persino il terrore di rimanere incinta di nuovo. Questa iniziativa per me è fantastica oltre che doverosa… finalmente!grazie

  20. Carmen Ier 8 aprile, 2016 at 14:09 Rispondi

    Invece di fare la campagna #bastaTacere quando avete partorito vi rivolevate alle autorità conpetenti e denunciavate invece di lamentarvi su Facebook!!! Dopo la #sfidaDelleMamme doveva pur uscire un’altra stronzata -.-

    • Fiore Rinaldi 8 aprile, 2016 at 15:33 Rispondi

      Beh è importante anche questo. Una mia amica che ha partorito in Campania in clinica privata non ha potuto avere a fianco a se nè il compagno, né la mamma. Ma ti pare??? I non addetti ai lavori non sanno come dovrebbero andare le cose.

  21. Monica Feraboli 8 aprile, 2016 at 14:09 Rispondi

    Il primo 6 ore di travaglio mi hanno messo in acqua x tranquillizarmi. Parto cmq stupendo. Col secondo dalla rottura delle acque sala parto 3 spinte è nato nessun travaglio. Con l ultima arrivata che ero 8cm già con le preparatorie. An andata direttamente in sala parto dove ho rotto le acque e in un ora è nata. Ottima équipe. Ottimeble ostetriche simpatiche amorevoli e mi circolavano con tutti e 3 i parti. Dottore ottimo e presente. Anzi x il secondo talmente è stato veloce ero sola e l ostetrica oltre a far nascere il mio bambino mi teneva la mano 😍

  22. La Sammy 8 aprile, 2016 at 14:09 Rispondi

    Io sulle ostetriche che ho incontrato nei miei due parti potrei dirne a non finire. Alcune di una indelicatezza assolutamente NON ACCETTABILE per una donna in travaglio che ha dolore paura eccetera eccetera eccetera…mi fermo qui. Per non parlare dell ‘epidurale, nel secondo parto era gratuito (per legge) e hanno trovato delle gran scuse per non farmela. NO COMMENT

  23. Fabiana Alano 8 aprile, 2016 at 14:10 Rispondi

    Quasi due giorni di travaglio senza dilatazione. A 3 cm finalmente portano in sala parto… Dove le contrazioni cominciano ormai a diminuire e mi sentivo scoppiare. Lavaggi di ossitocina… Niente!!! Dopo 8 ore decidono di usare la ventosa perché era troppo tardi… Senza avvertirmi di cosa stavano x farmi, mi sono sentita strappare via la mia bimba, che ha avuto come conseguenze un cefaloematoma che è andato via dopo 2 mesi (e mi ritengo fortunata perché poteva andare peggio). È inutile dire che mi hanno stracciato i tessuti e intaccato la vescica. Sono passati 9 mesi e mi ritengo una tosta… Ma ancora ora se penso a quel momento, mi viene da piangere!

  24. Beatrice Nolè 8 aprile, 2016 at 14:14 Rispondi

    Cara Roberta Longo ho vissuto più o meno la tua stessa esperienza.. tranne la mia dilatazione 10e due ore di espulsione per finire a cesareo… mia figlia nn scendeva ma niente ecografia… battito basso e acque verdi… meglio nn ricordare

  25. Lisa Balestra 8 aprile, 2016 at 14:17 Rispondi

    Il primo e unico parto e’ stato un trauma!! Non mi hanno ricoverato a quasi 4 cm rimandandomi
    A casa per poi dover tornare dopo poche ore con 10 cm di dilatazione… Essendo il cambio turno lasciata su una panchina per un oretta… Poi dalle 8 di mattina entrata in sala parto dopo 2 epidurale a vuoto con catetere montato male e senza aiuto dal anestesista mia figlia e’ nata quasi alle 16 del pomeriggio del 30 dicembre con ventosa in quanto aveva 2 giri di cordone e nessuno se ne era accorto 😰😰per fortuna stava bene!!! E’ stupenda ma questo parto ha segnato profondamente la mia psiche !

  26. Alessandra Undefined 8 aprile, 2016 at 14:17 Rispondi

    L’ostetrica che mi diceva ironica “sei svenevole” quando mi ci sono volute 2 trasfusioni di sangue e 2 sacche di sangue in vena per riprendermi. Quando mi lamentavo per i dolori di episiotomia e lasceranno di terzo grado mi dicevano che era normale dopo il parto, peccato che per un mese potessi stare solo sdraiata, non potevo nemmeno sedermi al tavolo per mangiare. Non mi hanno fatto il cesareo d’urgenza e la bimba è nata senza respirare dopo un’ora di spinte…

  27. Bianca Meo 8 aprile, 2016 at 14:27 Rispondi

    Io per partorire il primo figlio ci ho messo 2 giorni xo’ sinceramente anche se entravano ogni 5 minuti x vedere se ero dilatata ma niente ho fatto 3 epidurali ero sfinita la mattina del secondo giorno mio marito dice al ginecologo di farmi il cesario ma il medico gli risponde anche un po arrabbiato che il medico era lui e che io potevo farlo tranquillamente normale ma niente non mi dilatavo poi decisero di indurmi il parto due gocce di liquido e iniziarono le spinte il medico mi sali’ sulla pancia e le ostetriche con la ventosa e finalmente usci’ con il primo figlio e’ stata lunga e dolorosa ma non posso dire di essere stata trattata male il medico logicamente aveva ragione
    Con la mia seconda figlia non posso dire niente ho avuto un parto bellissimo il tempo di arrivare in ospedale che me la sono trovata tra le braccia

  28. DenyeVicio Cioppo 8 aprile, 2016 at 14:30 Rispondi

    Nel leggere le vostre esperienze mi ritengo fortunata. Ho partorito a Palermo in una clinica. Anche se prima andavo in ospedale e credetemi trattata da animale addirittura ad una signora in sala tracciato dissero di ritornare a casa perché tanto aveva solo 4 cm di dilatazione. Se dilatava di più poteva tornare. Io da fine sesto mese quasi ogni giorno ero in ospedale e le contrazioni arrivavano al 100% ma mi rimandavano sempre a casa. Poi il mio ginecologo mi ha ricoverata presso la clinica villa serena di palermo. Mi hanno subito ricoverata. Mi davano assistenza ogni secondo sopportando anche il mio stress mentale. Ho avuto altre complicazioni e mi sono state vicine. Mi hanno fatto partorire d urgenza con un Cesario. La dottoressa è arrivata da San Vito lo capo senza porsi problemi il dottore mi aveva chiamato quella sera stessa per chiedermi se stavo bene come se se lo sentisse è arrivato subito anche lui. Insomma uno staff da numero uno. Hanno dato subito soccorso anche al mio bimbo il tempo che arrivasse l ambulanza che lo portasse in ospedale e grazie al loro primo soccorso mio figlio è vivo e sano. Ringrazio tutto lo staff di Villa Serena specialmente l infermiera Concetta la mia ostetrica preferita isabella la dottoressa Anna piazza e soprattutto il mio carissimo amico fratello e Angelo custode Giuseppe Valenti. Grazie di vero cuore per come trattate i vostri pazienti che poi non veniamo trattati da pazienti ma da esseri umani .

  29. Machia Rocru 8 aprile, 2016 at 14:33 Rispondi

    Primo parto ..fatto naturale, entrata alle 14,30alle 21,31nato il mio cucciolo…solo che dicevo che non stavo bene..da subito (e per una che in pratica ha fatto il travaglio a casa da sola…beh ho una soglia del dolore alta…)mi hanno cucita..e poi fatta alzare sono ricaduta sul lettino..perché nn ci riuscivo ma niente, mi hanno fatta scendere preso in braccio il piccolo entrata in camerata.bimbo attaccato al seno, tiro fuori la mano da sotto al lenzuolo era sporca di sangue il mio compagno alza il lenzuolo eravamo coperti entrambi sia io che il bimbo di sangue..me lo staccano nn dolcemente, mi portano dicono loro a fare “controlli”,dopo un ora che nn tornavo il mio compagno chiede ulteriori spiegazioni…beh “dovrà subire un intervento”…no comment ma nn è finita qui perché il medico che c era non è stato in grado di fermare l emorragia… (ha messo solo una stupida garza a tampone e io continuavo a perdere sangue)infatti uscita dalla sala operatoria..stavo malissimo e il medico se n è uscito con “a io ho messo una garza a tampone ho fatto quel che potevo”….dopo di che arriva un altro(chiamato d urgenza)e via in sala operatoria ancora in tot due interventi due anestesie un sacco di punti…e la seconda volta mi si è spenta proprio la luce, prima dell anestesia…ringrazio il signore che sono ancora qua ma è stata davvero dura..se non era per quello il parto era una cosa che avrei rifatto …ma adesso sono terrorizzata!

  30. LelaCri Ste 8 aprile, 2016 at 14:34 Rispondi

    Dopo il parto(4 anni e mezzo fa ormai, ma lo ricordo come se fosse ieri):
    La vice primaria: – signora dobbiamo metterle i punti perché si è lacerata fino a dietro.
    Io: * Va bene..
    – Ok iniziamo, tu (specializzanda) prendi ago e filo e inizia a cucire
    Specializzanda: + Va bene dottoressa quali prendo?
    * (…)
    – prendi questi e inizia.
    +: ok.. (Sospiro)
    Dopo due punti torna la primaria.
    – No sono troppo corti, taglia e rifai..
    * : (…)
    + ah OK…
    Dopo altro metti e togli:
    * scusate un po’ di anestesia si può avere? fa un male bestia!!!
    – SIGNORA HA GIA AVUTO L’EPIDURALE COSA VUOLE DI PIÙ??!! NON VI ACCONTENTATE MAI…
    Morale della favola: 20 minuti di taglia e cuci tra dolori assurdi. Alla fine sono svenuta e ci hanno messo 10 minuti per svegliarmi (e io nel frattempo stavo vivendo un’altra vita in mezzo ad un prato verde stupendo)

  31. Safé Argoubi 8 aprile, 2016 at 14:34 Rispondi

    Eh ci sta!! Quelle che partoriscono sono esseri umani non animali, ormai neanche un animale ci si può permettere di maltrattare, sinceramente ho avuto la fortuna di trovare un équipe di persone estremamente buone ma sentito qualche racconto che fa piangere

  32. Slv Barbie 8 aprile, 2016 at 14:38 Rispondi

    Idem… secondo parto ma x la.prima volta naturale. 10 ore di Travaglio senza dilatazione finche si son decisi di farmi l epidurale. Non potevano intervenire prima??? Vergogna

  33. Maria Angela Inzirillo 8 aprile, 2016 at 14:40 Rispondi

    Io mi ritengo fortunata…diciamo che il travaglio l’ho fatto a casa perchè quando sono arrivata in clinica già ero dilatata di 4 cm…comunque sono stati molto professionali e mi hanno aiutato per accellerare i tempi e farmi partorire…devo dire che tra l’altro la bambina era in posizione quindi alla terza spinta è nata…posso solo dire Grazie…

  34. Roberta Isidoro 8 aprile, 2016 at 14:41 Rispondi

    Due cesarei programmati terribili in sala parto.
    Anestesisti incompetenti.
    Nel primo mi hanno dovuta sedare dopo l’uscita della bambina perchè l’anestesia non mi aveva presa nella parte superiore della pancia e sentivo un dolore fortissimo nella fase dell’asportazione della placenta e pulizia.
    Ma nel secondo cesareo, dopo 3 anni, andai serena, pensando che sarebbe andata molto meglio..invece dopo la spinale avvertivo ancora la sensibilità alle gambe, ho detto più di una volta che non ero addormentata ma senza ascoltarmi mi hanno iniziato a tagliare a carne viva e di tagli ne ho subiti ben tre, prima che capissero che le mie urla di strazio fossero vere, non di paura…intubata d’urgenza per anestesia totale, mi sono svegliata dopo due ore e mezza e sono stata male per oltre due mesi con gli strascichi di tutta quella anestesia in corpo.
    Non auguro a nessuno di essere trattata così.
    Nemmeno ad una bestia.

    • Pina Saviano 8 aprile, 2016 at 21:33 Rispondi

      Stessa cosa successa a me, ma l’ anestesista insisteva nel dire che era solo impressione, anzi mi disse di non dire nulla al dottore e di stare zitta. Io zitta e muta, ho sofferto e sopportato dolori atroci trattenendo anche le lacrime. Per tutto il tempo ho creduto di poter morire da un momento all’altro. Maledetta anestesista

    • Roberta Isidoro 8 aprile, 2016 at 21:39 Rispondi

      io non avrei mai potuto trattenermi…
      Ti giuro ero completamente sveglia, ad un certo punto ho dovuto alzare le gambe dopo i tre tagli per far capire loro che non mi aveva preso nulla.

    • Federica Giuliani 8 aprile, 2016 at 22:23 Rispondi

      Madonna che esperienza atroce…Ti prego dimmi in che ospedale è successo…Vorrei saperlo, io ora sto programmando il mio primo cesareo all’ospedale di Rivoli (To)…. Ed inutile dire che me la sto facendo sotto dalla paura perché nn so nulla di come sia….

    • Luisa Balzano 9 aprile, 2016 at 01:36 Rispondi

      Stessa esperienza 7 mesi fa…taglio cesareo programmato, a quanto pare da tutta l’equipe medica, meno che dall’anestesista che si è presentato con notevole ritardo, facendo slittare l’intervento di oltre un’ora ( lasciandomi seduta sul lettino operatorio x 1 ora ). Una volta arrivato, prima di centrare il punto giusto x la spinale, mi ha bucato la schiena x 3 volte…io nonostante ciò, avevo ancora la percezione tattile e muovevo le gambe, ma lui affermava fosse normale nonostante gli dicessi che x me non lo era ( era il mio secondo cesareo e del primo ad anestesia effettuata, nn sentivo nulla…ero totalmente paralizzata dalla vita in giù). Rimasto in sala operatoria si e no 2 minuti, x poi dileguarsi, ho sentito tutto l’intervento fino all’estrazione di mio figlio, in maniera soft. Appena nato il bambino l’anestesia era svanita… il dottore cercava ed ha fatto cercare l’anestesista ovunque ( aveva fatto perdere le sue tracce) e alla fine mi ha dovuto ricucire “a crudo” perché perdevo troppo sangue e la situazione stava degenerando…x cercare di farmi avvertire meno dolore, mi avevano attaccato flebo di antidolorifico a go go, che tuttavia non hanno alleviato il dolore… e quello s***** dell’anestesista è tornato dopo 45 min, quando ormai avevano quasi finito, con la puzza di fumo addosso. Mi guardò e chiese: xkè la signora ha la testa che le pende dal lettino? E un infermiere gli aveva risposto che x il dolore saltavo tanto che alla fine avevo assunto quella posizione. Una esperienza che non augurerei a nessuno…

    • Roberta Isidoro 9 aprile, 2016 at 01:41 Rispondi

      Luisa cara, questa gente va fermata!
      Io se ripenso a quello che è successo ho ancora lo choc!
      Pensa che a settembre devo rifare un cesareo a distanza di soli 15 mesi…
      Cambio ospedale, ovvio, ma la paura rimane eccome!
      Spero di farcela, ma sarà dura…
      Mi dispiace tanto per te, so come ci si può sentire in quel momento, io ho sofferto tantissimo sia durante ma anche nel post.
      Pensa che dopo una settimana dal parto è morta anche mia nonna, ero davvero distrutta.
      Solo l’amore per le mie due figlie mi ha salvata.

    • Noemi Spalluto 9 aprile, 2016 at 14:02 Rispondi

      Dio mio,sto piangendo leggendo le vostre storie! Cavolo,trattate peggio delle bestie..è vero che di per sè è un’esperienza dolorosa..ma arrivare a questo è fantascienza!!! Grazie a Dio ho 3 bambini,la prima è nata di notte con un pò di malcontento da parte dell’ostetrica di turno,travaglio doloroso ma parto tranquillo…per gli altri 2 parti mi sono affidata a una dottoressa bravissima…ho partorito in un altro ospedale dove le ostetriche erano dei veri angeli..un pò meno le puericultrici che non affiancano le mamme x l’avvio dell’allattamento

  35. Roberta Radeglia 8 aprile, 2016 at 14:45 Rispondi

    Il ginecologo di turno mi ha obbligato a stare sdraiata a letto durante le 4 ore di travaglio in cui c è stato lui, le ostetriche mi bucavano con dei tubicini grandi per più volte non trovando una vena evidentissima, episiotomia e sutura a crudo senza anestesia. Ovviamente posso solo dire che il mio parto è stato un trauma.

  36. Gabriela Ciobanu 8 aprile, 2016 at 14:46 Rispondi

    Travaglio 16 ore da sola (hanno mandato via mio marito )al tracciato il bimbo non si muoveva . E nato con il cordone intorno al collo e non respirava ..I punti senza anestesia. .17 giorni in terapia intensiva. .un parto così non l ho auguro a nessuno . nemmeno al peggiore nemico

  37. Alessia Ʊ Pastorelli 8 aprile, 2016 at 14:52 Rispondi

    A me hanno estratto male la placenta, mi si era rotta nell’utero … Due mesi e mezzo di cure e perdite.. Praticamente uno strazio… Peró non mi lamento dei dottori, apparte i grandissimi dolori e tanti pianti, dopo 6-7 ore di travaglio é nata la nostra piccola

  38. Luisa Farina 8 aprile, 2016 at 14:53 Rispondi

    Io x fortuna non ho avuto complicanze anche se ho sofferto tanto ma sia i medici che le ostetriche sono stati bravi. .io sono andata ad Avellino al Giuseppe moscati un bel reparto di ginecologia. ..

  39. Ilenia Caruso 8 aprile, 2016 at 15:04 Rispondi

    X me sono stati non bravi ma bravissimi….. Xo so ke ci sono donne che hanno sofferto x i punti senza anestesia non è stato il mio caso …. Ma sono con loro dalla parte delle donne sempre!!!!

  40. Sara Cardillo 8 aprile, 2016 at 15:05 Rispondi

    Io sono entrata in ospedale alle 5 di lunedì mattina,alle 9 di sono rotte le acque con le correzioni e fino alle 11 di sera sono rimasta in camera aspettando una buona dilatazione,poi in sala parto mi hanno detto l’epidurale e bene fino alle 6 della mattina,sulle 11 ero pronta per partorire è arrivata l’anestesista che mi ha fatto un’iniezione di epidurale così alle 13 con manovre da far mancare il fiato (dicevo di morire) mi hanno tirato fuori,la mia bimba che si era incastrata con il braccino!Tremenda esperienza!!!

  41. Dany Eola 8 aprile, 2016 at 15:10 Rispondi

    Io ormai quasi 1 anno fa
    Il 15 aprile cominciai con lievi contrazioni e dilatazione pelvia di 1 dito ma mi dissero torna a casa
    Il 18 (quindi 3 giorni dopo) corsa in clinica dilatazione 2 dita quasi, ma a loro avviso nessuna contrazione….
    Tornai il 20 notte con contrazioni ogni 3 minuti non riscontrate nel tracciato di 1 ora
    Mi rimandano a casa il 24 controllo e mi dissero è tutto fermo a 1 cm ( da giorni ormai) la dilatazione regrediva
    Il 25 rotte le acque in casa verdi ero di 40+6
    Cesario d’urgenza la bambina beveva meconio
    Epidurale l’anestesista mi fece 24 punture perché non riusciva dopo oltre 2 ore hanno chiamato il primario e subito riuscì.
    Intanto il cuore della mia bimba non batteva più
    Dio ci ha protette appena la presero le riprese a battete il cuore….
    Loro non scrissero nulla di tutto questo in cartella, ma stiamo combattendo x la sordità parziale x colpa dell’infezione da acque tinte, ma ringrazio Dio xke è tra le mie braccia e tutto passa

  42. Anita Marmoreo 8 aprile, 2016 at 15:10 Rispondi

    #bastatacere io tralascerei le manovre per la dilatazione, clistere inopportuno, manovra per la rottura delle acque…si sono accorti che l epidurale non aveva fatto effetto solo nel momento in cui hanno cominciato a suturare. Passerei direttamente al momento del risveglio dopo l anestesia, ancora in sala parto: avevo il corpo pesante, non riuscivo a muovermi…sentivo freddo e avevo bisogno di soffiarmi il naso. Ho chiamato qualcuno per un tempo -per me- interminabile…aveva i guanti. Mi ha spalmato la faccia di muco.
    Non credo ci sia nulla da aggiungere per poter immaginare quello che è stato il travaglio. È passato un anno e mezzo…e ho ancora gli incubi…

  43. Patrycja Alessandro Del Fino 8 aprile, 2016 at 15:15 Rispondi

    Ottobre 2015, durante il tracciato di routine compaiono le contrazioni subito ogni 10 minuti, dopo 3 ore mi rivisitano e decidono di ricoverarmi con le contrazioni ogni 5 minuti già da un paio d’ore…cambio turno: le contrazioni cessano e compare il dolore forte in basso ventre e cocige…..me ne sono accorta subito che il bambino si è girato storto ma l’ostetrica mi disse: “abbiamo fatto il tracciato e sta bene, non ti inventare cose che non ci sono”. Ogni ora controllo manuale della dilatazione bloccata a 2 cm, quindi tecnicamente neanche si parla di travaglio, fatto con tanta violenza e cattiveria. Dolori atroci ma nessuno mi prendeva sul serio…arrivato il turno di notte, cacciano il mio marito e comincia l’inferno…tutta la notte in piedi perché non riuscivo a stare né stesa né seduta, mi sono forzata sul lettino per il tracciato. Nonostante stavo a digiuno dalla mattina precedente e dopo cena non potevo bere, mi è venuto a vomitare. L’ostetrica di turno mi dice “vedi che sei esagerata, senza le contrazioni è IMPOSSIBILE che tu abbia i dolori”…comunque mi fa mezza flebo di ossitocina e dopo mezz’ora sto già a 6 cm….mi dice di andare in sala parto intanto cambia di nuovo il turno….forzata sul lettino (nonostante ho detto che non riuscivo a stare in quella posizione) e ormai ero anche senza forze, mi insultano di continuo “sei esagerata”, “il bimbo te lo sto spingendo io, tu non ti impegni”, “vuoi che uso la ventosa?”, “il bimbo è andato in sofferenza per colpa tua”….
    L’episiotomia fino all’ano, i punti messi a vivo e con filo grosso, conseguenze disastrose per il mio corpo: la diastasi della sinfisi pubica e depressione, ancora se ci penso mi viene da piangere….dopo due figli penso seriamente alla sterilizzazione perché l’idea di un altro parto mi terrorizza…

  44. Esperina Delia 8 aprile, 2016 at 15:18 Rispondi

    Io ho avuto una esperienza bellissima. Personale qualificato che mi è stato vicino in ogni momento. Peccato che il migliore reparto di ostetricia e pediatra della zona – Mercato San Severino 😮(Sa) Sia stato chiuso!

  45. Eva Totis 8 aprile, 2016 at 15:27 Rispondi

    Secondo me dipende tanto da diversi fattori..prima di tutto lo stato d’animo con cui una neo mamma entra in ospedale, che non e’ poco..io personalmente mi sono trovata entrambe le volte benissimo con l’equipe di san daniele, in entrambi i parti ho avuto l’ostetrica e basta durante il travaglio a parte qualche sporadico intervento della ginecologa di turno x le consuete visite, sono state professionali, gentilissime, hanno risposto a tutte le mie domande, certo non posso dire nulla, primo parto in 4 ore, al secondo 45 minuti..e entrambe le volte ho avuto la ginecologa da un lato e mio marito dall’altro che mi tenevano la mano..ok, non si puo competere con un travaglio durato 10 ore, nemmeno posso immaginare il dolore e la stanchezza, io personalmente sono stata felicissima, pre-durante e post ricovero seguitissima sia io che le bimbe..che dire..boh, sara’ magari solo fortuna..ma io parlo dei miei parti come la cosa piu bella (anche se dolorosa) del mondo!!!

    • Noemi Spalluto 9 aprile, 2016 at 14:14 Rispondi

      Non credo che possa essere così,come dici tu, al primo parto..una neo-mamma non sa cosa aspettarsi,c’è un misto di emozioni..diciamo che sei stata anche fortunata..buon per te :)

    • Eva Totis 9 aprile, 2016 at 15:09 Rispondi

      Sicuramente fortunata Noemi, pero’ sai, ce anche da dire che avevo 21 anni x la prima, sono andata in ospedale xche avevo mal di pancia e avevo gia fatto 2 ore di travaglio a casa, poi fortunatamente e’ stato breve ma l’equipe mi ha seguita benissimo..x quello dico, bisogna arrivare al parto con la massima serenita’ x poterlo poi affrontare al meglio!!!!! ;)

    • Eva Totis 9 aprile, 2016 at 15:09 Rispondi

      Sicuramente fortunata Noemi, pero’ sai, ce anche da dire che avevo 21 anni x la prima, sono andata in ospedale xche avevo mal di pancia e avevo gia fatto 2 ore di travaglio a casa, poi fortunatamente e’ stato breve ma l’equipe mi ha seguita benissimo..x quello dico, bisogna arrivare al parto con la massima serenita’ x poterlo poi affrontare al meglio!!!!! ;)

  46. Violeta Tanase 8 aprile, 2016 at 15:29 Rispondi

    Ho letto le vostre esperienze, mi dispiace tanto per tante di voi
    Io ho partorito un anno fa al MaterDei a Bari ed è stata l’esperienza più bella della mia vita,
    Adesso sono di nuovo incinta :) spero che vada come la prima volta

  47. Sara Gallea 8 aprile, 2016 at 15:35 Rispondi

    #bastatacere a causa di un aumento improvviso della pressione mi hanno ricoverata alla 37esima settimana. Dopo diversi giorni di prelievi del sangue, esami delle urine, controllo della pressione anche nel cuore della notte, pastiglie varie decidono di farmi partorire… Una mattina quasi senza avvertirmi. Mi lasciano senza colazione senza un motivo, mi praticano il distaccamento delle membrane quasi senza avvertirmi e senza aspettare ne l’arrivo del mio compagno né di mia mamma. Mi trovo sola ad aspettare qualcuno con il terrore che il dolore cominci prima dell’arrivo di una faccia conosciuta. Arrivano i miei famigliari, mi portano in sala parto, mi rompono le acque con l’uncino, mi iniettano l’ossitocina. Dalle nove della mattina partorisco le 17.44. In quelle ore a parte il dolore tremendo causato dall’ositocina, il catetere inserito così a tradimento, 5 ostetriche quasi sedute sulla mia pancia per far uscire il piccolo ( quasi dando la colpa a me a parole ) la dilatazione che non aumenta la decisione di negarmi il cesareo e farmi l’episiotomia e darmi non so quanti punti. Il mio bimbo in braccio al padre e io a pezzi. Dopo, non contente, terrore psicologico su possibili e
    Inserimenti di cateteri se non mi muovevo a fare la pipì ( questo mezz’ora dopo il parto ) e poi nessun aiuto per l’attamento ( ” eh probabilmente è colpa dei tuoi capezzoli se il bambino non si attacca ” è ancora ” vorrei tenere il bimbo vicino nel letto ma ho paura di fargli male” risposta ” si può essere ” ). Forse mi sto dimenticando qualcosa ma in sostanza questa è la storia.

  48. Mina Uva 8 aprile, 2016 at 15:41 Rispondi

    13anni fa e nato mio figlio un parto veloce in venti minuti l’ostetrica capace per me a far partorire solo cavalli mi diceva si sbrigha signora perche quella bestia di ostetrica doveva andare via e stato un parto veloce ma brutto senza ginecologo di turno io l’infermiera e quella sottospecie di ostetria e ora e mio figlio che paga le spese

  49. Fiore Rinaldi 8 aprile, 2016 at 15:44 Rispondi

    A leggere queste storie mi sento un’eletta! Paura! Comunque la mia bimba è nata alla San Giuseppe a Milano e ci sono stati tutti vicini, ostetriche, infermiere del nido…unica pecca i ginecologi, rapporto freddissimo, per non parlare di quello che mi ha dato i punti, da togliergli la laurea. Tutto sommato però esperienza positiva.

  50. Fabiola Campagna 8 aprile, 2016 at 15:46 Rispondi

    Anche io ho avuto una brutta esperienza : ricoverata lunedì sera per rottura membrane; il martedì inserimento dilatatori, flebo, ecc… una volta iniziate le contrazioni, riuscivo tranquillamente a gestirle stando in piedi facendo gli esercizi che avevo imparato al corso preparto ma loro mi hanno bloccata a letto con cardiotocografo e flebo e mi hanno obbligata a rimanere a letto soffrendo come un cane mentre li pregavo di farmi alzare… dopo ore di agonia mi hanno fatto l’epidurale senza che mai ne avessi fatta richiesta…mi hanno fatto firmare il consenso senza neanche farmi leggere e senza aver fatto gli esami necessari. E cmq ho partorito il mercoledì mattina alle 10:00 e sn stata in sala travaglio x 2 giorni senza vedere ne mio marito ne mia mamma xké lì Non poteva entrare nessuno. Tutto questo al policlinico di bari

  51. Loredana 8 aprile, 2016 at 15:46 Rispondi

    12 ore di travaglio, scollamento manuale delle membrane,dilatazione minima,perdita delle acque alle 19 con la bimba che nasce alle 24 rischiando la vita… Frasi del tipo: Non urlare ci fai diventare sorde,tu non vuoi far nascere tua figlia, non ce la farà.” ed altre che evito di scrivere… Mio marito fuori la sala in attesa di entrare e ai sente dire: Non è il caso di assistere non potrebbe reggere… Quasi 4,100 di amore e me l hanno fatta vedere per 15 secondi. Senza epidurale ,non per mia scelta, senza anestesia i tanti punti di sutura. Mi obbligano a sedermi sulla sedia a rotelle per raggiungere la stanza…mi lasciano lì per tre ore senza un minimo di controllo,emorragia e vengo ricucita. Dopo due ore mi obbligano ad alzarmi per andare in bagno,dopo un giorno mi dimettono e non riuscivo nemmeno a stare seduta al letto . Ai mie lamenti fatti al ginecologo che mi seguiva,che non si é degnato di essere presente durante il parto, mi sento dire: L ostetrica che l ha seguita ha avuto un aborto spontaneo e non riusciamo più a recuperarla….. 18 mesi sono passati e sto ancora pagando fisicamente e psicologicamente tutti i danni provocati. Solo chi ha avuto esperienze simili può capire…

  52. Agata Scorrano 8 aprile, 2016 at 15:47 Rispondi

    Io credo che dipenda molto da tantissimi fattori…stato d’animo della mamna,capacità di sopportazione del dolore,fiducia in se stesse…naturalmente è fondamentale la competenza e la professionalità degli “addetti ai lavori” però trovo che raccogliere testimonianze così drammatiche riguardanti il momento del parto sia controproducente…l’elemento dolore per quanto mi riguarda credo sia una componente “normale” durante il parto e,secondo il mio personale punto di vista,rende ancora più grande la gioia di una vita che nasce.Io ho 2 figli di 6 e 2 anni,entrambi partoriti a Casarano ospedale Ferrari.2 esperienze meravigliose nonostante le 17 ore di travaglio del 1* figlio

  53. Valentina Calderini 8 aprile, 2016 at 15:51 Rispondi

    io ho fatto due parti entrambi presso l’ospedalr Le Scotte di Siena. Nessun problema alta ptofessionalitá da parte di ostetriche,medici e praticanti. Lo consiglio a chi drve partorire e abita in provincia di Arezzo.

  54. Lucia Diaz 8 aprile, 2016 at 16:00 Rispondi

    13 ore di travaglio…tutto, a partire dall’induzione, è stato fatto troppo frettolosamente, pensando che il corpo della donna è una macchina che funziona a comando. L’induzione iniziata con le “classiche” candelette di prostaglandine che non sono servite a niente, e poi l’epidurale che una pensa ti allevi il dolore ma in realtà ti accompagna fino all’inizio dell’inferno e poi te la cavi tu, la rottura manuale dei 2 sacchi ammiotici e la cosa più terribile…l’apertura forzata della cervice, un dolore inenarrabile…2…3 dosi di ossitocina per stimolare le contrazioni ma niente, nessuna contrazione efficace, solo la dolorissima apertura manuale del collo uterino…sangue, lacrime e la disumana crudeltà dell’ostetrica che mi dice…”guarda che se piangi li fai soffrire i tuoi bambini!!! È colpa tua!!! Cosa credi che mi diverto a stare ore e ore con le mani nella tua vagina??!!! Dai smetti di lamentarti!!!!”…io che mi lamento solo quando per DAVVERO non ce la faccio più!!! All’ultimo dopo aver trovato le forze non so dove…sono collassata e l’anestesista è stata fatta arrivare di corsa perchè il cuore non ce la faceva più. Quest’esperienza e la settimana passata in ospedale, sono ancora un traumache non riesco a digerire.

  55. Noemi Giordo 8 aprile, 2016 at 16:07 Rispondi

    Purtroppo è vero ! È tutto trattato con molta leggerezza … Anche qui da noi !!! Eh questa cosa deve finire ci vorrebbero più controlli! Troppe mamme che rischiano il proprio bambino per colpa di medici ed ostetriche . Il fatto che sia una cosa naturale avere un figlio non significa che non sia difficile o traumatico …

  56. Tiziana Titina Riservati 8 aprile, 2016 at 16:09 Rispondi

    Parto a domicilio come una volta…. Si può scegliere l ostetrica che si vuole al proprio fianco e lo stato rimborsa le spese sostenute! Cosa c’è di più bello che partorire nell’intimità della propria casa? Se non si vuole la medicalizzazione del parto dobbiamo tornare a questo! La normativa prevede che l’ospedale sia ad una certa distanza massima in modo da poterlo raggiungere per le urgenze…..

  57. Mery Screpanti 8 aprile, 2016 at 16:14 Rispondi

    Arrivo per un monitor a 40 settimane esatte e la gine senza dirmi nulla mi scollamento manualmente la membrana. …un dolore atroce!!!mi ricovera e nel pom mi fa l induzione con la fascetta. …dopo 7 si rompono le acque e iniziano i dolori al massimo……insomma 17 ore da morire….prima flebo per rallentarle poi flebo per idratarmi poi flebo per farle ripartire …nel frattempo i turni cambiavano e chiunque arrivava mi infilava le dita nella vagina….alla fine arriva l ora di spingere…mi ritrovo col ginecologo che pratica la manovra e l ostetrica che effettua l episiotomia. ……..tutte cose che già al corso sapevo di non volere ma in quei momenti non ci ho capito nulla e niente mi è stato chiesto.

  58. Denise Di Sciuva 8 aprile, 2016 at 16:16 Rispondi

    Tutto bellissimo 2 figli parto naturale…. taglio e cuci un inferno x entrambi…. senza anestesia…. mi hanno detto che dopo i dolori del parto non sarebbe stato peggio il dolore qnd sopporta…. vuoi vedere che hai partorito e hai sopportato il dolore del parto ora x i punti no ??!!! E a dir la verità noooooooo un male cane 😢

  59. Annarita Manf 8 aprile, 2016 at 16:17 Rispondi

    Spero tanto venga approvata questa legge! Io 3 anni fa ho avuto 1 esperienza traumatica, di cui porto ancora i segni….ho avuto 1 gravidanza molto difficile e purtroppo non sono stata seguita bene,tante paure, preoccupazioni, trattata male e con estrema superficialità iniziando dal Ginecologo(molto conosciuto e di buona fama) x cui oltre ad 8 mesi difficili ad 1 cesareo d’urgenza, tanti problemi che mi sono portata dietro a livello cardiologico e fisico ma soprattutto psicologico….in sala parto ricordo ancora che mi sentivo 1 bestia al macello, trattata malissimo con freddezza e tanta ironia….dopo, grazie alla mia Cardiologa, ho capito cosa mi era successo:gestosi latente dal 2° mese di gravidanza e le ovvie conseguenze devastanti visto che nn sono stata seguita a dovere, malgrado le mie insistenti domande e perplessità a chi aveva la mia vuta e quella di mio figlio tra le mani….abbiamo rischiato molto, ma grazie a Dio mio figlio sta bene ed io non male! In varie crisi che mi vennero durante a gravidanza (in cui non è mancato nulla!)avrei voluto farmi visitare e seguire da altri Dottori, ma poi mi facevo convincere di non mischiare le carte, poi c’era ancora fiducia in quel “professionista”che aveva seguito le mie sorelle ed amiche in modo buono! Poi sono venuta alla conclusione,anche se tardi,che 1 bravo Medico si vede quando ci sono dei problemi e non quando va tutto bene! Cmq sarei veramente contenta se, soprattutto in ambito sanitario ed ospedaliero ci fossero più controlli x gli operatori e gli “addetti ai lavori”, non tutti svolgono queste delicate professioni con passione, compassione ed umanità!

  60. Matia Tedeschi 8 aprile, 2016 at 16:24 Rispondi

    Grazie molte donne potranno stare meglio …per me sono passati tanti anni e credetemi che le mie 16 ore di travaglio non sono state nulla in confronto alla cattiveria di alcune ostetriche e dottori ginecologi che non mi pensavano perché non erano i miei dottori. ….poi dopo 16 ore hanno spezzato il braccino del mio bambino mi hanno messo i punti e mi è venuta una crisi dopo tre giorni dal parto per l’indifferenza verso una mamma che non sapeva come si allatava (me lha spiegato una mamma che aveva avuto 3 figli ) mio padre non vuole che abbia un altro figlio perché in quelle 16 ore nessuno mi ha visto e ha avuto notizie su come stavo. …grazie a Dio che per secoli le donne hanno partorito anche da sole e in casa

  61. Giovanna Fonte 8 aprile, 2016 at 16:26 Rispondi

    La mia esperienza di 8 anni fa…….rottura membrane prematura a 8 mesi……vengo ricoverata per 10 lunghi giorni! Per due giorni…….vengo indotta con gel………al terzo giorno…….contrazioni e in sala travaglio ……vengo lasciata sola come un cane e con flebo ossitocina e tracciato! Sento lo stimolo di spingere………chiamo le ostetriche……suono il campanello…….niente fa fare! Inizio a spingere da sola………a un certo punto…….arriva un ginecologo tutto vestito e con la borsa…….arrivate va finito il turno! Guarda il mio tracciato……e grida come un pazzo! mia figlia era in sofferenza fetale per troppa ossitocina! Arrivano le ostetriche……..che iniziano a gridare dietro, dicendo che dovevo chiamare! Mi hanno stretto nata e perfino un altra schifosa mi ha detto
    …….che ti gridi……ti è piaciuto prima!!! Il ginecologo tutto scocciato e nervoso ripeteva…….avevo finito il turno c…….dovevo essere già a casa e ora mi tocca questa! La faccio breve, io spingevo w mia figlia non usciva! Mi hanno fatto episotomia SENZA anestesia…….mi hanno messo la ventosa e i gomiti! Morale……mia figlia aveva il cordone intorno al collo ed era blu come un Puffo! Avrei dovuto denunciarli. Sono stata trattata peggio di una bestia! Il ginecologo per la sua fretta di andarsene a casa non mi ha fatto l anestesia e in più dopo il parto…….ho iniziato a tremare in tutto il corpo e lui stava cuocendo e bloccando le gambe, mi disse……..ferma c…….! Questa è stata una vera violenza psicologica, tanto è vero…….che non volevo più avere figli! Per fortuna……non tutte le strutture ospedaliere sono così! Ho avuto altri 3 parti……..che on personale stupendo

  62. Francesca Lupo 8 aprile, 2016 at 16:27 Rispondi

    Il mio parto è stata un’esperienza bellissima grazie all’equipe della clinica Malzoni ad Avellino. Parto gemellare, indotto per problemi metabolici insorti nelle ultime due settimane, travaglio piuttosto rapido in 4 ore hanno potuto fare l’epidurale con calma e serenità, ogni passaggio mi veniva spiegato, l’assenza di dolore mi ha permesso di godermi ogni istante…i miei gemelli sono nati senza subire un cesareo.

  63. Alessandra Blesce 8 aprile, 2016 at 16:32 Rispondi

    Posso sl dire qst:ero in piena gestosi e invece mi era stato detto ke ero ingrassata e dovevo mangia di meno(mangiavo e vomitavo!)…la bimba non cresceva e loro tranquilli dicendo ke avrebbe messo peso in qlc giorno……alla fine ,a36 sett ,ho iniziato ad avere contrazioni pazzesche ke non avevano un orario e un senso!pronto soccorso… Insulti vari xke non bevevo,non parlavo e chiedevo aiuto stringendo una mano a un infermiera….flebo messa nella piega del braccio nero pieno di una contrazione… Mi hanno rotto le acque CN una delicatezza di un caterpillar…e alla fine ho avuto un parto spaventosamente doloroso CN un ostetrica poco delicata sia nei modi ke nel parlare…aiutata da stagiste!!!!!!!e dopo ore ho saputo ke la mia bimba era più piccola di qnt dove va essere..un mese in utin… E nel foglio delle dimissioni scopro ke tt qst era dovuto da una gestosi e ke la mia bimba e nata senza respirare…….. Non esistono scuse.….non esistono spiegazioni x atteggiamenti del genere…tra silenzi e prese im giro!

  64. Angelica Califano 8 aprile, 2016 at 16:44 Rispondi

    Sono passati 18 mesi e la notte x me sono incubi . L anestesista fece storie xke qui le donne vogliono fare i figli e poi non li vogliono partorire . Io avevo paure la mia prima gravidanza un esperienza che mi avrebbe cambiata la vita . Ho partorito a 41 settimane e 2 gg. Il giorno prima il mio gine mi gmfa ricoverare da un altra dottoressa e di qua tt apposto mi rassicura che ci vediamo il gg dopo ma non mi aveva detto che nel frattempo mi faceva fare manovre e stimolazioni . Io sconvolta ero sola in ospedale tento era solo ricovero . Quel giorno niente nn si dilata nulla visto che al otto mesi mi hanno ricoverata e mi hanno fatto siringhe x chiudere l utero e mi fecero venire la tachicardia. Il giorno dopo venne il mio gine e dopo 4 ore ad aspettarlo alla impedì xke ci volevo parlare mi dice che potevo pure arrivare a 42 settimane ma io nn ho accettato e mi dice allora signora decede lei nn mi ha dato nemmeno il tempo di parlare cm mio marito allora signora avete deciso ? Io dico si facciamo il cesareo . Lui allora si mette al suo posto e quando esce il tempo visto che non era programmato faccio anche a lei . Alle 2.30 scendo in sala parto e li e iniziato il mio incubo l anastesista fa polemiche xke stava mangiando e mi fa l anestesia a volo e se ne va io vomito tt l anestesia o forse intollerante nn lo so io dico dottore lei sta tagliando io mi faccio male urlo così tanto dal dolore che mi sento di morire e lui dice fatela tacere si è messa nelle orecchie mi spinge così tanto sullo stomaco xke era bloccata e troppo grande la bambina che mi manca il fiato . Io dico cn un filo di voce aiutatemi ma niente ossigeno niente anestesia in più ne mascherina nasce la mia piccola 4 chili e io penso ora posso morire . Ero sudata sembravo che uscivo dalla doccia infreddolita mi cuce e sento ancora dolore . Finalmente mi portano fuori e mio marito nel vedermi capisce che ero sofferente e va a parlare cn il dott ma dice tt bene . Lui nn si è fatto vedere tt e 3 gg ma chi stava cn lui mi ha consigliato di denunciare ma nn lo fatto . Dopo una settimana mi toglie i punti e gli chiedo dottore xke ho sentito tutto e lui dice nn e vero e parla cn mio marito dicendo che se voleva aveva un buon psicologo . Ho detto tutto

  65. Alessia Cerioli 8 aprile, 2016 at 17:01 Rispondi

    #bastatacere Pessima esperienza al San Raffaele di Milano. Andrea stava per nascere su una barella nonostante continuassi a chiamare le ostetriche.Per loro stavo sbagliando a gestire il tutto…e invece stavo avendo un travaglio ”precipitoso” per un’ora e mezza mi sono cronometrata da sola le contrazioni. Sola perche’ non c’era nessuno con me…il mio compagno non poteva a detta loro stare con me…e loro chissà a che pensavano. Ho provato un senso di abbandono ed inadeguatezza che non augurerei nemmeno al mio peggior nemico.Si sono rese conto che q.sa non andava quando ormai ero di 9 cm…da non credere…Andrea e’ nato con ventosa ostetrica poiche’ era andato in sofferenza…ovviamente questo ha comportato una lunga sutura fatta da un’inesperta tirocinante.Se l’assistenza fosse stata adeguata non ci sarebbe stato bisogno della ventosa.Per non parlare poi dell’incapacita’ delle ostetriche ad in serie i la canulina della flebo…mi hanno bucato 8 volte …il giorno dopo avevo ematomi vergognosi…Reparto Ostetricia San Raffaele da migliorare!!!!!!!!!

  66. Rita Rossini 8 aprile, 2016 at 17:17 Rispondi

    5 mesi fa è nata la mia seconda bambina con un taglio cesareo , equipe medica ed infermieristica in sala operatoria fantastica , sono stata praticamente coccolata durante l’intero intervento, ma in sala parto ho trovato un’ostetrica che in due secondi mi ha rotto le vene perché diceva che il Dott l’aveva fatta innervosire e poi nessuna delicatezza e solidarietà femminile. Anche in reparto era più o meno così una buona e una no ho avuto il braccio gonfio e dolorante per un mese! Per fortuna ero a casa dopo tre giorni

  67. Jeniffer Ruiz Fernando Aquije 8 aprile, 2016 at 18:06 Rispondi

    Non interessa dove partorisci, ma il personale che é di turno.
    Io sn arrivata al P.S un venerdì alle 8:00 sn stata ricoverata alle 9:00 ho partorito sabato alle 21:30, emorragia dopo lo stacco forzato della placenta parto normale ma con 12 punti di sutura, essendo una neo-mamma ho chiesto: mi fa i punti??
    Alla risp.: certo, o vuoi rimanere aperta come un tacchino..??
    Poi le suture dolorose ma dopo 2 giorni di travaglio i punti non erano niente hahahahaha…
    La stesa cosa cn la seconda, 2 giorni di travaglio, parto naturale, placenta attaccata, emorragia, questa volta raschiamento, 15 punti di sutura, 4 sacche di sangue x trasfusione.
    Con la seconda volevo l’epidurale, non potevano xche avrei dovuto fare dei controlli con l’anestesista, volevano fare tutto a modo loro, mi hanno tenuta sdraiata, x me stare sdraiata era la tortura peggiore!
    Quando guardo 24 ore sala parto e dico maaaa… Queste ostretriche xche non ne trovo manco una…

  68. Jeniffer Ruiz Fernando Aquije 8 aprile, 2016 at 18:06 Rispondi

    Non interessa dove partorisci, ma il personale che é di turno.
    Io sn arrivata al P.S un venerdì alle 8:00 sn stata ricoverata alle 9:00 ho partorito sabato alle 21:30, emorragia dopo lo stacco forzato della placenta parto normale ma con 12 punti di sutura, essendo una neo-mamma ho chiesto: mi fa i punti??
    Alla risp.: certo, o vuoi rimanere aperta come un tacchino..??
    Poi le suture dolorose ma dopo 2 giorni di travaglio i punti non erano niente hahahahaha…
    La stesa cosa cn la seconda, 2 giorni di travaglio, parto naturale, placenta attaccata, emorragia, questa volta raschiamento, 15 punti di sutura, 4 sacche di sangue x trasfusione.
    Con la seconda volevo l’epidurale, non potevano xche avrei dovuto fare dei controlli con l’anestesista, volevano fare tutto a modo loro, mi hanno tenuta sdraiata, x me stare sdraiata era la tortura peggiore!
    Quando guardo 24 ore sala parto e dico maaaa… Queste ostretriche xche non ne trovo manco una…

  69. Manuela Mura 8 aprile, 2016 at 18:11 Rispondi

    Io penso che una volta si partoriva da sole a casa, e che certi dolori non te li toglie nessuno e che siamo un popolo di lamentosi che si deresponsabilizzano e che danno la colpa agli altri per ogni cretinata. Senza contare querele inutili.

    • Claudia Baglivo 9 aprile, 2016 at 11:27 Rispondi

      Non penso che avessi detto la stessa cosa se ti avessero tagliato la pancia senza anestesia come è successo a me e se ti avessero provocato un’emorragia tale da perdere 2 litri di sangue o ti avessero fatto fare un travaglio inutile visto che il bimbo era podalico ed era il terzo figlio!ho rischiato di morire xè era notte e i cesarei di notte non si fanno… Mi dicevano così!ora dimmi se sono lamentosa!

    • Claudia Baglivo 9 aprile, 2016 at 11:27 Rispondi

      Non penso che avessi detto la stessa cosa se ti avessero tagliato la pancia senza anestesia come è successo a me e se ti avessero provocato un’emorragia tale da perdere 2 litri di sangue o ti avessero fatto fare un travaglio inutile visto che il bimbo era podalico ed era il terzo figlio!ho rischiato di morire xè era notte e i cesarei di notte non si fanno… Mi dicevano così!ora dimmi se sono lamentosa!

    • Manuela Mura 9 aprile, 2016 at 11:41 Rispondi

      Il parto è un’esperienza violenta e traumatica, la dignità della donna viene meno, perdiamo il controllo di noi stesse e dei nostri filtri, dipendiamo dalle persone a cui ci affidiamo perché hanno studiato per questo. Sappiate riconoscervi nelle mie parole o accuse, non sono generalizzate

  70. Manuela Mura 8 aprile, 2016 at 18:11 Rispondi

    Io penso che una volta si partoriva da sole a casa, e che certi dolori non te li toglie nessuno e che siamo un popolo di lamentosi che si deresponsabilizzano e che danno la colpa agli altri per ogni cretinata. Senza contare querele inutili.

  71. Maria Francesca Oldenburg 8 aprile, 2016 at 18:27 Rispondi

    Ce anche una domanda dove dice. Quali sono le vostre personali esperienze???? So che ci sono stati casi particolari e io che sono nuovamente in cinta potrebbe capitarmi. “spero di no” però la domanda non dice di scrivere solo le esperienze negative

  72. Maria Francesca Oldenburg 8 aprile, 2016 at 18:27 Rispondi

    Ce anche una domanda dove dice. Quali sono le vostre personali esperienze???? So che ci sono stati casi particolari e io che sono nuovamente in cinta potrebbe capitarmi. “spero di no” però la domanda non dice di scrivere solo le esperienze negative

  73. Imma Christian Ivan Montella 8 aprile, 2016 at 18:53 Rispondi

    Mamma mia mi dispiace tantissimo sentire queste storie il parto dovrebbe essere un ricordo doloroso si ma bellissimo e invece vedo che a volte le donne vengono trattate senza rispetto… io ringrazio il Dio 3 figli x fortuna e andato tutto a meraviglia ma senza l aiuto di ostetriche e niente o fatto da sola e in 1 ora o fatto tutto 3 parti uguali l ultimo addirittura l ostetrica mi disse sei una macchina x figli incredibile nn ci poteva credere mi aveva visitata dopo 5 minuti che era i iniziato il travaglio ed ero solo di 2 centimetri il tempo di una doccia e di sedermi mi sentivo spingere glielo dico al ostetrica e mi fa e signora e normale la.bimba e in basso io capi invece che avrei fatto da sola come successe x gli altri 2 e allora mi stesi sul lettino l ostetrica mi Voleva visitare e invece con una sola mano prese mia figlia dicendo passati il guanto che sta uscendo fate presto :)

  74. Carola Pizia Pannichide 8 aprile, 2016 at 19:52 Rispondi

    #Bastatacere Milano. Mangiagalli. Abbandonata per 24 ore in sala travaglio. Allo scollamento dell’utero, non avvisata, non trattengo più dolore e stanchezza. L’ostetrica, parlando con la sua collega e facendosi sentire, “È una primipara, sono tutte scene”. Volevo ucciderla. Zero sostegno.

  75. Maria Teresa Paolella 8 aprile, 2016 at 20:06 Rispondi

    Due parti naturali: il primo un bambolotto di 3,78 kg con episiotomia non troppo piacevole, ma quel punto avrei accettato tutto pur di finire e aiutata da due dottoresse che mi hanno aiutate le ultime spinte, il secondo parto due belle gemelle. Partorito in un piccolo ospedale ma davvero bravi!

  76. Antonella Ricotta 8 aprile, 2016 at 20:12 Rispondi

    Stimolazione indotta per assenza di liquido amniotico. Dilatazione ferma a 2 cm in 12 ore di travaglio…rottura (ostetrica) delle acque, rottura (sempre per mano dell’ostetrica) delle membrane, medico che mi sale addosso per spingere la bambina verso il basso, io che non riesco a spingere perché il medico mi comprime i polmoni…morale della favola: la bambina (con una bella testolina) nasce 4.160 kg (precedentemente previsto), le slogano entrambe le spalle per farla uscire ed io…distrutta, perdo così tanto sangue che l’emoglobina scende ad 8 . Ma questo particolare non lo scoprono in ospedale…ma la pediatra della mia bimba che mi vedeva pallida e abbattuta (e letteralmente distrutta). Premetto…in gravidanza ho solo messo 9kg, con un bacino abbastanza piccolo. Conseguenza di ciò…ho paura a fare un altro bimbo! Paura matta!

  77. Claudia Marsiglia 8 aprile, 2016 at 20:42 Rispondi

    Posso solo dire che hanno straziato me e la mia piccola….e non solo…insulti e poca considerazione! Villa betania a Ponticelli. ..un ospedale da chiudere…e non parlo solo della mia esperienza!

  78. Michela Francesca Bacis 8 aprile, 2016 at 21:36 Rispondi

    Per fortuna il mio parto è andato bene epidurale ok 4 ore per arrivare alla dilatazione giusta per spingere ️l unica pecca non riuscivo a spingere ,(1 ora e mezza con la testa già li )così mi hanno praticato la famosa manovra senza però farmi male ,episotomiA e punti con anestesia ..brave le ostetriche …mi spiace per chi abbia sofferto …dovrebbero essere umane e dolci con una donna che soffre così tanto

  79. Michela Francesca Bacis 8 aprile, 2016 at 21:36 Rispondi

    Per fortuna il mio parto è andato bene epidurale ok 4 ore per arrivare alla dilatazione giusta per spingere ️l unica pecca non riuscivo a spingere ,(1 ora e mezza con la testa già li )così mi hanno praticato la famosa manovra senza però farmi male ,episotomiA e punti con anestesia ..brave le ostetriche …mi spiace per chi abbia sofferto …dovrebbero essere umane e dolci con una donna che soffre così tanto

  80. Lucia Proietto 8 aprile, 2016 at 21:49 Rispondi

    Beh io sono davvero una vittima 😤 ho fatto 24 ore di travaglio per giunta indotte perché ho rotto le membrane prematuramente a casa sono arrivata alle 23 del 27/01/2015 ho partorito esattamente 24 ore dopo😧 hanno insistito x il naturale,mi sono lacerata e mi hanno tagliata in 2 punti ho avuto più di 60 punti interni,si sono anke scuciti x viadell’allattamento e nn rimarginati bene, e fuori altrettanto 60 circa a qst punto vorrei dire ke il parto è doloroso si sa ma soffrire x egoismo e brutto ce andato di mezzo mio figkio ke è nato nero e nn respirava e me l’hanno ricoverato 1 sett… Nn è giusto!!!! Si poteva evitare. 😡 ma Dio è grande e siamo qui sani e salvi… e presto arriverà la sorellina ke mi auguro nn patisce questo…

  81. Giulia E Gaspare Capuano 8 aprile, 2016 at 22:01 Rispondi

    #bastatacere della mia prima bimba, mi hanno letteralmente torturata viva! Dopo ore di travaglio e manovre interne assurde, la mia bimba è entrata in sofferenza fetale, e mi hanno fatto un cesareo d’urgenza! Grazie a Dio la mia bimba sta bene e ha 6 anni adesso♥

  82. Isy Capone 8 aprile, 2016 at 22:04 Rispondi

    Io ho avuto esperienze positive, ma quando amiche o conoscenti in attesa mi chiedono consigli sul parto, io dico soltanto di farsi sentire, di imporsi, di affidarsi ma seguire anche il proprio corpo e il proprio istinto. Sentirsi spaventate, terrorizzate, impreparate è normale. #bastatacere

  83. Luisa Sutera 8 aprile, 2016 at 22:24 Rispondi

    Io sono siciliana premetto che ho avuto una gravidanza meravigliosa….mi ricoverati perché il mio gine disse che ero di 41+2 e doveva nascere il mio piccino.dopo tutte le analisi e ricovero mi disse che ero di 39+2.mi hanno rotto le membrane il mercoledì e fino al sabato induzione a gogo perché non mi dilatano e ogni mattina pomeriggio sera controllavano la dilatazione che non c’era.mi rimproveravano pure perché la notte durante i tracciati dormivo.il mio bimbo nacque il sabato dopo aver fatto un clistere perché pensavo che dovevo andare in bagno e invece era lui che calava dalle 7.30 che mi visitò l ostetrica dicendomi che facevo solo traffico perché non era ora.alle 7,45 alla visita di un altro medico partorii l amore della mia vita che ora ha 4 mesi.ho sofferto 3 giorni e 3 notti e mi hanno tagliato tutta.speriamo che se ripenseremo ad una seconda gravidanza non mi facciano soffrire così tanto.perché come hanno scritto altre il mio aveva il prc è mi hanno detto tante cazzate

  84. Valentina Perilli 8 aprile, 2016 at 22:31 Rispondi

    Esperienza negativa… Il mercoledì mi sono cominciate le contrazioni , all’ospedale mi hanno rimandato a casa nonostante io avevo contrazioni ogni 5 minuti. Il venerdì mi hanno ricoverato per rottura del sacco, ma niente non mi dilatavo , mi hanno somministrato l’ossitocina ma niente, mi hanno fatto tre manovre sullo stomaco di cui ho un ricordo bruttissimo , pensavo di morire ma niente, mia figlia e’ uscita con la ventosa e a me hanno dovuto fare l’ anestesia per tirare fuori la placenta. In tutto questo ho perso un sacco di sangue e ho dovuto fare due trasfusioni. Ostetriche incapaci e spazientite senza un minimo di umanità .

  85. Rosy La Barbera 8 aprile, 2016 at 22:47 Rispondi

    Io terzo parto sapevo già che doveva essere un cesareo già che i primi due lo erano stati . La mia bimba decide di nascere a 36 settimane x rottura del sacco ..andiamo in ospedale preparata x il cesareo l’anestesista mi fa la spinale ma non mi ha fatto effetto anche se lei insistito che non era possibile …io muovevo le gambe e avevo sensibilità. ..allora si decide x la totale ..quando mi risveglio la mia bimba fortunatamente sta benissimo …solo che nel reparto non c’era un letto libero cosi resto dalle 3 del mattino fino alle 13:00 del pomeriggio nella sala Pre operatoria sola senza poter vedere nessuno e al freddo xche come sapete le sale operatorie hanno una temperatura bassissima …questo è solo quello che mo è successo durante il parto …non parliamo della degenza che nella normalità e di tre giorni x me sono stati 10 giorni d’inferno

  86. Nunzia Caccamo 8 aprile, 2016 at 22:58 Rispondi

    Ciao a ttt io alle 5:30 del mattino del 17 gennaio 2016 mi sono cominciate le contrazioni a 99% mi anno detto benissimo entro pomeriggio avrà il suo bimbo tra le braccia!!! Io felicissima anke se ero molto dolorante!!! Ma pultroppo Nn ne stato così o passato la mattinata è anke il pomeriggio dove verso le 15:30 mi si sono rotte le acque e cominciano i dolori devastanti si sono fatte le 18 ed ero dilatata di sei cm e loro mi gridavano di Nn spingere ma di respirare!!! Ma x me Nn c’era Nnt da fare spingevo km una pazza e facevano visita e tracciato ma Nn si sono accorti e Nn si davano una rx xke io spingevo e Nn respiravo solamente!!! Arrivati alle 21:00 mi anno portata in sala parto con la sedia a rotelle e mi anno messa nel lettino e mi anno dilatata del ttt loro fino a ke arrivati a mezzanotte e venti mi anno messa sulla sedia e mi facevano spingere ma Nn si accorgevano che pultroppo mio figlio era incanalato storto e poggiava sul ovaio sinistro dopo ke si sono accorti pstetrica e dottoressa che avevano fatto male a mio figlio si sono guardati in faccia e anno fatto uscire mio marito kn me in stato sciock e mi anno fatto il Cesario d’urgenza e Nn sol mi sono add sotto i ferri e mio figlio era nato kn la testolina a forma del mio utero beh che dire un parto bruttissimo traumatizzata ma il mio bimbo adesso sta benone ed è qst qll ke konta

  87. Maria Rosaria Lettieri 8 aprile, 2016 at 23:01 Rispondi

    Io non so’ come possa essere il parto naturale perché ho fatto due cesareo… Non so’ cosa siano le contrazioni o il travaglio… Ma una cosa ve la posso dire…dopo il cesareo…appena mi hanno staccato le flebo mi sono alzata ed ho camminato! Quindi io adoro il cesareo e poi c’è da dire che i bimbi nascono con meno sofferenza! Io lo consiglio…poi la cosa è soggettiva!

  88. Greta Pirlona Modarelli 8 aprile, 2016 at 23:31 Rispondi

    Mi hanno indotto il parto il 6 marzo 2015 a 37 settimane perché con L ipertensione gestazionale non arrivava più nutrimento al bambino, L induzione è partita applicandomi il palloncino per ben 2 volte ho perso una marea di sangue prima di accorgersi che ero già dilatata di mio😡
    Mi hanno messo il gel er ben 2 volte a distanza di 12 ore ma niente allora mi hanno rotto le acque ed è partito il terrorismo psicologico da parte di 2 ginecologhe, 2 oatetriche e 2 anestesiste che mi hanno praticamente obbligata a fare L epidurale che non volevo fare, chiamatelo sesto senso o no ma mi hanno fatto ben 9 buchi e L epidurale non è riuscita quindi scoraggiata e demoralizzata con un mal di schiena tremendo mi mettono L ossitocina iniziano le contrazioni che durano 6 svengo ad ognuna di essa è al risveglio mi ritrovo ostetrica e stagista a controllare la dilatazione (nonostante avevo chiesto alla stagista di evitare dato il mio stato ma se n’è fregata) alla fine riesco a partorire in agonia durata 27 ore e 4 giorni dopo alla visita per le dimissioni ho pianto come una disperata perché mi sentivo come se mi avessero stuprata e L ostetrica ha avuto il coraggio di mettermi fretta perché doveva andare a casa.. Non so se potrò mai superare..
    #bastatacere

  89. Katia Cavallero 8 aprile, 2016 at 23:35 Rispondi

    Mi sento davvero molto fortunata leggendo i vs post…..dovrebbe essere x tutte un giorno speciale, anche se doloroso, quello del parto visto che conosciamo il ns bimbo…..purtroppo non è sempre così. ….a me e’ andata bene (x tre volte) e mi dispiace tantissimo per tutte le donne che non possono dire altrettanto

  90. Grace Diana 8 aprile, 2016 at 23:37 Rispondi

    Durante il mio Travaglio per il primo figlio, eran 23 ore che soffrivo e non si apriva il parto e una ostetrica di turno mi disse mentre ero dolorante : e tu così vuoi essere mamma ??? Non scorderò mai la sua faccia viscida e lurida . Ringrazio che mia figlio sia nato ad un ennesimo cambio turno e ci sono state due angeli di ostetriche a farlo uscire tanto brave che neanche mi hanno fatto il taglio è messo i punti … Magari potessi denunciare la precedente e parlare in favore delle altre

  91. Raffaella Salvemini 8 aprile, 2016 at 23:54 Rispondi

    Parto indotto perché il dott doveva andare in vacanza…ovviamente non ero pronta…dopo 24 ore di travaglio con, gel, visite,ossitocina,rottura deĺle membrane siamo arrivati al cesareo.io ero fuori di me e ho chiesto l’anestesia totale, tra i rimproveri dell’anestesista, non vedendo così neanche i primi istanti di vita di mio figlio.
    Poi purtroppo ho dovuto subirne altri due perché di vbac neanche a parlarne.

  92. Cristina Pontarolo 8 aprile, 2016 at 23:55 Rispondi

    Io ho fatto il primo con cesareo e il secondo naturale… non è semplice capire le vere dinamiche…. a volte i medici e le ostetriche sono incompetenti a volte le partorienti esagerate… Non è proprio facile capire dove sta la verità… Bisogna sempre ricordarsi di mettersi nei panni dell’altro… in entrambi i casi ci dovrebbe essere rispetto comunicazione e fiducia… Come tutte le leggi italiane , anche questa non servirà comunque a nulla per tutelarci… io ringrazio sempre Dio per ciò che mi ha donato, due splendidi figli… E visto la marea di coppie che non riescono ad averli naturalmente… Non riesco proprio a lamentarmi … avrei sopportato qualsiasi dolore… altro discorso se si mette a rischio la vita della madre o del bimbo….

  93. Daniela Diso 9 aprile, 2016 at 00:03 Rispondi

    Io punti a crudo peggio che un travaglio e manovre di dilatazione x ben due figli la stessa cosa… il primo figlio invece tutta un altra cosa tranquillo e naturale e più punti con un anestesia fatta come si deve

  94. Graziella Mulone 9 aprile, 2016 at 00:05 Rispondi

    Dio mio, leggo questi commenti e non posso che ritenermi fortunata. Sono vicino a tutte queste donne, che invece di essere ammirate perché offrono se stesse per dare la vita, vengono trattate…boh, non so come definire! Vi abbraccio tutte! SUPER DONNE e sicuramente super mamme! ❤️

  95. Sabrina Ferruggia 9 aprile, 2016 at 01:26 Rispondi

    Io ho avuto i punti nn solo senza anestesia,ma dopo essere stata cucita,scucita e ricucita , perché la specializzanda , nn aveva fatto bene per l’ostretica.
    Ho avuto un parto bellissimo;veloce con un travaglio facile.
    i punti ;sono l’unico ricordo negativo,nn potevo dormire la notte x il dolore.
    Macellai!!!

  96. Kelly Innocente Jolanda 9 aprile, 2016 at 02:26 Rispondi

    Io ho la pelle d’oca a leggervi e in più post mi son scese le lacrime, il mio parto è stato stupendo lungo ma stupendo con ostetriche che cercavano di toccarmi il meno possibile durante le contrazioni ricevevo carezze e parole sussurrate poi finalmente l’epidurale…il mio compagno che era stanco è stato riempito di attenzione ed al momento delle ultime spinte mi hanno detto se ti aiuta urla! Placenta uscita da sola punti con la bimba in braccio, unica lamentele un ostetricia puzzava di fumo……. So che le vostre sono storie vere,purtroppo è toccato anche ad amiche mie, ma come può essere che ci siano figure mediche così? Leggo le vostre storie e vorrei abbracciarvi tutte!

  97. Elena Salomone 9 aprile, 2016 at 04:20 Rispondi

    Mi vengono i brividi a leggere certe storie! Io ho fatto 3 cesarei per scelta mia, non ho mai sentito dolore nemmeno i giorni dopo l’intervento. Li rifare altre cento volte, cesareo tutta la vita!!

  98. Barbara Bianchi 9 aprile, 2016 at 07:11 Rispondi

    3 giorni di induzione con battito della bimba che calava a ogni contrazione (che io non avvertivo). Chiedo cesareo alle 22 del 1 luglio perché ne ho 4 attorno a me preoccupate, la gine chiamata dice di andar avanti con induzioni che tanto esiste cesareo d’urgenza. Mattina del 2 luglio pretendo e ottengo il cesareo (dichiarando tocofobia e minacciando di cambiare ospedale al volo portandomi dietro il tracciato in cui si leggeva sofferenza fetale). Mentre ero fuori dalla sala operatoria in attesa del cesareo, passa un’osteria che mi dice che inizio proprio male la mia vita da mamma se rinuncio a darla alla luce io x paura del dolore. Mi dice che sono una mamma di serie B. Mia figlia oggi ha 10 anni e una sorellina dj 4 nata con cesareo programmato. Come tutte le mamme, sono di serie A. Lei invece era da espellere.

  99. Anna Maria Idini 9 aprile, 2016 at 08:55 Rispondi

    Leggo i vostri commenti e mi vengono i brividi… sono una mamma fortunata, ho due figli… un parto naturale a Sassari e un cesareo a Tempio, stesso ginecologo, mio marito accanto a me e un esperienza più che positiva…

  100. Milena Manzini 9 aprile, 2016 at 09:29 Rispondi

    Le mie2 esperienze completamente diverse l’una dall’altra la prima 24 anni 13 ore ma nn ricordo molto perché hanno dovuto mettere la morfina più pilotato perché avevo la pressione alle stelle ma poi è tornato tutto normale in poco tempo. .. il secondo 38 anni sarà l’età 6 ore belle intense pilotato fatto il travaglio tutto in piedi va beh!!…. poi i punti signora le dobbiamo mettere 2 punti perché si è strappata … ok … insomma nn finivano più con un anestesia che secondo me nn esisteva il problema è che doveva insegnare all’ostetrica molto giovane a mettere i punti e io scusate ma io sento male !su signora ha appena partorito una bimba e si lamenta per 2 punti…!!!!!

  101. Mariella Grassi 9 aprile, 2016 at 11:48 Rispondi

    8 anni fa, con contrazioni dal giorno precedente, tornata 3 volte a casa, con bimbo in sofferenza fetale, 27 ore d Travaglio, per giunta dopo il parto ho dovuto minacciare le ostetriche che avrei spaccato i polsi alla ginecologa se nn mi avesse operato, mi stavo dissanguando e nessuno faceva nulla, con i polsi della dottoressa mi sono fatta riportare in sala parto, mi hanno riaperto scoprendo di avermi dimenticato metà placenta all’interno

    • Mariella Grassi 9 aprile, 2016 at 11:51 Rispondi

      Invece secondo parto bellissimo 15 mesi fa in un ospedale che hanno tentato in molti d screditare a Milano, seguita da 5 ostetriche, 3 ginecologi e 1 anestesista tt il tempo, è stato tutto spettacolare..,lo rifarei milioni di volte

  102. Claudia Baglivo 9 aprile, 2016 at 12:02 Rispondi

    Novembre 2015 sono in attesa del mio terzo figlio:sono di Livorno, ma sono stata seguita per tutta la gravidanza da un ginecologo dell’ospedale di Cecina ( provincia di Livorno) il bimbo si presenta podalico il ginecologo mi programma il parto cesareo per il 28 novembre ( sarei stata di 37+5 xè gli altri bimbi sono nati il primo nel 2010 38+4 e la seconda nel 2013 37+2 con parto spontaneo) faccio presente che secondo me non supererò le 37+2 ma non vengo ascoltata, dal 18 nov mi reco più volte a Cecina dicendo che stavo perdendo il tappo mucoso ( negli altri due ho perso il tappo una settimana prima di partorire, la differenza è che questa volta è podalico)… La notte tra il 24 e il 25 novembre si rompe il sacco chiamo a Cecina, ma mi dicono di recarmi a Livorno( l’ospedale più vicino) arrivo in reparto a mezzanotte visita, tracciato ed eco… Mi dicono che non c’è fretta xè anche se ho contrazioni e il sacco è rotto non sono in travaglio e i cesareo la notte non si fanno… Mio marito viene mandato a casa e il cesareo programmato per le 8,30…nel frattempo chiamo più volte le ostetriche xè perdo parecchio liquido e ho contrazioni, mi dicono che sono troppo agitata,alle 6 inizia il travaglio, mi fanno andare in sala parto a piedi, dopo poco mi rivisitano e tutti iniziano ad agitarsi sento due ostetriche che parlano tra loro dicono che si sentono le parti del bambino… Mi fanno l’elettrocardiogramma, mi metto l’ago canula e alle 7 sono in sala operatoria, mi fanno la spinale, ma siccome ormai c’é un piede di fuori non c’è tempo di aspettare, iniziano a tagliare e io sento tutto, un dolore lancinante, inizio ad urlare, a chiedere aiuto, nei primi minuti nessuno mi considera, poi mi mettono la mascherina per addormentarmi e ci vuole ancora qualche minuto prima che mi addormenti… Mi risveglio piena di aghi e monitor, mi raccontano che il bimbo è in terapia subintensiva perchè pesa 2470 kg e che io sono in quello stato xè durante l’operazione ho avuto un’emorragia interna che non riuscivano a fermare, ho perso 2 litri di sangue, alla fine l’hanno fermata inserendo una specie di palloncino nell’utero che poi è stato tolto qualche giorno dopo…ho sofferto e ho rischiato di morire x colpa della negligenza dei medici e ostetriche di quella notte!il bimbo non l’ho mai visto i primi due giorni, mi sono ripresa abbastanza in fretta xè mi sono auto motivata dicendo che i miei bimbi avevano bisogno di me soprattutto il piccolino, il giorno dopo tutto ciò mi sono fatta portare il tiralatte a letto e ho iniziato a tirarmi il latte che c’era già e questo mi ha motivato ad alzarmi per andare dal mio piccolo che aspettava il mio nutrimento alimentare ed affettivo… Quando dopo 2 giorni sono andata in terapia subintesiva non sapeva nemmeno qual era…me l’hanno indicato e io ho iniziato a piangere dall’emozione… Quando l’ho messo al seno nonostante fosse piccolo si è attaccato subito è iniziato subito a bere tanto del mio latte (90-100 ml facevano la doppia pesata) ed io mi sono sentita orgogliosa xè dopo pochi giorni era aumentato tanto di peso e siamo potuti andare a casa dal babbo, dai fratelli e dai nonni! Questa è la mia storia… Per molto tempo ho avuto gli incubi!!

  103. Ylenia Alexandra Zoletti 9 aprile, 2016 at 13:13 Rispondi

    Sono passati 10 mesi e ancora se ci penso ho paura si paura….. 25 ore di travaglio …. Con urla e pianti che mi sentivano tutti… Attacchi di panico…. Senza epidurale e senza un assistenza di persone che potessero mettermi calma tra lo staff…. Urlavo di volere il cesareo perché oramai ero esausta e la paura era troppa non riuscivo più a spingere…. Avevo mollato e loro invece di sostenermi mi urlavano che mi avrebbero portato via il mio bimbo chiamato gli assistenti sociali perché ero ridicola …. Dopo 25 ore con attacchi di panico io ridicola…. Forse spaventata…. Poi per farmi paura se ne sono andate mi hanno lasciata sola hanno fatto uscire i miei famigliari x vedere se mi scuotevo.. Ed io invece ho perso le speranze avevo mollato…. Sono tornate e mi hanno tagliato perché ero poco dilatata poi in 3 sopra alla mia pancia con gomiti a spingere…. Finalmente il mio bimbo che è stato più forte di me e uscito… 20 punti senza anestesia ma veramente non li ho nemmeno sentiti da quanto ero distrutta… Punti che il giorno dopo mi hanno dovuto rifare e mi hanno asportato anche unpo di pelle da quanto ero lacerata… Conseguenze:3 mesi di pianti durante la notte… Paura che qualcuno mi portasse via mio figlio…. E le loro parole che pesano come macigni… Mio figlio rimarrà figlio unico credetemi nel 2016 queste cose non possono succedere …. Ok io forse non sono stata abbastanza coraggiosa ma avrei anche pagato x il cesareo ma a loro di me non è interessati nulla.. Anzi dalla paura ho perso anche il latte… Grazie ospedale e staff siete proprio persone che di umanità non cononscete nulla..

  104. Claudia Profumo 9 aprile, 2016 at 13:50 Rispondi

    Primo figlio, arrivò in ospedale con emorragia all’ottavo mese, riescono a bloccarmela anche se Nn capivano da dv arrivasse il sangue. Dopo quattro gg entrò in travaglio di nuovo con emorragia, contrazioni fortissime ma senza dilatazione… Continuavano ad imbottirmi di ossiticina X farmi dilatare ma anche di buscopan X rallentare le contrazioni xke ad ognuna perdevo un sacco di sangue. 20 e passa ore cosi.. Mi hanno rotto il sacco manualmente xke il bimbo Nn voleva scendere.. Ho fatto 3 cambi turni e nessuno riusciva a capire da dove arrivasse tutto quel sangue ma Nn volevano fare un Cesario.. Alla fine sono riuscita a partorire con estrema difficoltà xke ero totalmente esausta e senza forze a causa della grossa perdita di sangue.. Infatti ho Avuto anche un’emorragia post parto…che Nn riuscivano a fermare…Mi sono lacerata in una maniera impressionante, infatti mi hanno dovuto inserire uno zaffo X riuscire a fermare il sangue. Un’esperienza tremenda come primo parto… Ho perso più di due litri di sangue.. E ho dovuto curare la forte anemia per più di sei mesi dopo il parto!!!!

  105. Nunzia Setola 9 aprile, 2016 at 19:37 Rispondi

    La mia esperienza più di 40punti senza anestesia perché nn c’era tempo stavo andando in emorragia. ..peggio di una bestia. Se nn era x mio marito che stava co me mi manteneva le gambe nn so se riuscivano a cucirmi.

  106. Giusy D'Agostino 10 aprile, 2016 at 00:50 Rispondi

    Io ho fatto 2 parti normali: il primo la ginecologa di turno mi ha tenuta nel letto x tutto il tempo,sl al cambio turno l’ostetrica di turno mi ha fatto scendere dal letto,andare in bagno e cs il bambino ha incominciato a scendere.Mi fece 1anestetico locale alle zone intime e mi praticò l’episiotomia(ho fatto 1figlio di 4kg ed io sn piccola di bacino),poi mi ha di nuovo fatta qst anestesia x cucirmi,una trentina di punti;ma io sentivo sl 1pizzico.Il secondo parto ero abbastanza tranquilla, invece è stata 1trauma:neanke il tempo k si rompessero le acque e quell’ostretrica animale,già mi voleva visitare. Poi sul lettino in sala parto,vrs la fine della dilatazione quelle maledette manovre k erano + dolorose delle contrazioni.Voleva farmi partorire sul lettino!!! 1altra ostetrica dice k nn è il caso e mi mettono sul lettino del parto.Conclusione:ho sofferto tantissimo,mia figlia mi ha lacerato e mi hanno messo i punti a crudo !!! Ho fatto 1figlio di 4 kg e nn ho sofferto qnd x la bimba di 3240kg.Quella notte partorimmo in 3,ricordo ancora le urla di tutte!!!LA FORTUNA STA NELL’INCONTRARE OSTRETRIKE UMANE!!!

  107. Mamme in Movimento 10 aprile, 2016 at 11:00 Rispondi

    Finalmente una campagna per raccontare quel che capita in sala parto. Le mie mamme che arrivano “preparate” in sala parto, mi raccontano le “lotte” che devono affrontare in ospedale, per respingere le proposte e le “manovre” che secondo il personale dovrebbero aiutare, ma spesso ostacolano il parto.

  108. Calvo Amy 10 aprile, 2016 at 12:12 Rispondi

    Io per fortuna avuto un meraviglioso parto naturale al centro nascita Margherita a Firenze. Le mie richieste di lasciare in sala travaglio solo io mio marito e una ostetrica è stato accolto, mio marito ha dormito tutte le due notte che siamo stati lì. È stato una meravigliosa esperienza.
    So che ci sono tanti abusi, però non dobbiamo tacere, devi partire una denuncia dalla parte delle mamme abusate. A volta pure capisco che sono sconvolte e vogliono solo tornare a casa per stare insieme in tranquillità con il pargoletto, però se niente è fatto questo continuerà. Ora sono incinta di nuovo e proverò un parto a casa.
    Auguro a tutte le mamme di avere una esperienza meravigliosa e indimenticabile come la mia. Bella vita a tutti! ❤️❤️

Lascia un commento