Gaia Stella: storia di un angelo che aveva fretta di nascere

È il giorno di Pasquetta quando la futura mamma di Gaia Stella si accorge di alcuni filamenti rosati e telefona alla sua ginecologa, che le fissa un appuntamento per il giorno seguente.

Dopo un'ecografia, che non segnala problemi, la dottoressa la visita, e quello che scopre la preoccupa al punto da farle un'iniezione per bloccare le contrazioni e un'altra, di cortisone, per sviluppare i polmoni della piccola.

In ospedale spiegano alla mamma che la sua bambina potrebbe nascere prematura di lì a poche ore, come giorni o settimane, ma di certo non il 25 luglio, come era previsto. La piccola deve rimanere nella pancia per il maggior tempo possibile, per aumentare le sue probabilità di farcela, ma la notte del 13 aprile iniziano le prime contrazioni, e le acque, quando si rompono, sono grigiastre.

Gaia Stella non può più stare nella pancia della mamma: i medici le spiegano che c'è in corso un'infezione, e che la piccola deve nascere; le dicono anche che dovrà essere intubata, perché, a 25 settimane, è troppo piccola per respirare da sola.

Nonostante le difficoltà, la mamma riesce a partorire naturalmente, e Gaia Stella vede la luce.

Gaia Stella, una piccola grande lottatrice

Con grande stupore dei medici, Gaia Stella emette un vagito: riesce a respirare da sola, non deve essere intubata!

La corsa alla vita di Gaia Stella è iniziata: le viene applicata una "cipolla" per aiutarla a respirare, questa piccola cucciola di soli 770 grammi, e le viene messa una benda sugli occhi perché per lei è ancora troppo presto per vedere la luce.

Con grande tenacia, tanto latte di mamma e tanto amore, Gaia Stella ha raggiunto tre settimane di vita e 935 grammi di peso, ha tolto la benda sugli occhi e messo un bel cappellino bianco.

E le signore dell'Associazione Cuore di Maglia hanno sferruzzato un corredino fatto su misura per lei, così piccina, ma già attaccata tenacemente alla vita.

 Ci auguriamo che adesso Gaia Stella sia una bambina forte e sana. Tanti auguri!

81 comments

  1. Silvia Falivene 27 agosto, 2016 at 16:04 Rispondi

    Amore bellissimo solo vederti mi fai commuovere…sn dei guerrieri Anke mio figlio nato a febbraio di 28 settimane . Pesava ancora meno della tua. ..Ke Dio benedica tutti questi bimbi ke combattono già da dentro al nostro grembo ….ben venuta stella .😍

  2. Annarosa Scavullo 27 agosto, 2016 at 21:23 Rispondi

    Il mio guerriero domani compie un anno nato alla 24 sett. 480 grammi. 5 mesi di terapia intensiva. E stata dura ma lui e stato grande … E grande… Il mio guerriero… Il mio miracolo piu bello….

Lascia un commento