Menù vegano a scuola per tutti: è giusto?

menù vegano mensa scuola

A Torino la decisione di inserire un menù vegano nella mensa scolastica una volta al mese ha scatenato una serie di polemiche come quella del nutrizionista Calabrese.

Il menù vegano sì, ma anche quello di carne per tutti

Il dottor Giorgio Calabrese, esperto nutrizionista, ha dichiarato che l'idea di inserire una volta al mese nella mensa scolastica un menù vegano, con lo scopo di educare i bambini al rispetto degli animali e di guidarli alla scoperta di nuovi sapori, può andar bene ma bisogna anche fare il contrario.

Ovvero far provare ai bambini vegani almeno una volta al mese un menù di carne, sempre con lo scopo educativo. I bimbi devono avere la possibilità non solo di assaggiare nuove pietanze, ma di conoscere la dieta mediterranea tipica della nostre tradizioni.

È giusto scegliere un alimentazione unica per i bimbi?

La polemica accende di nuovo una serie di domande sull'importanza di offrire un'alimentazione completa ai bambini. I genitori sono molto attenti a quello che i piccoli mangiano, ma la scelta di una dieta vegana fin da piccoli è quella giusta o i bimbi hanno bisogno di un nutrimento completo con pasta, pane, frutta, verdura e pesce?

63 comments

  1. Arianna Magri 21 luglio, 2017 at 17:04 Rispondi

    No perché la carne serve nella dieta… Se un bambino non vuole carne basta che la lascia da parte. Comunque i genitori che non danno carne ai bambini devono vergognarsi, non possono imporre le proprie scelte ai figli

  2. Sartori Elena 21 luglio, 2017 at 17:09 Rispondi

    Io do tutto alla mia bimba anche quello che a me nn piace come cavallo agnello coniglio ma lei è giusto che assaggi e impari i gusti poi quando sarà grande sceglierà lei che dieta seguire purché sia sana e controllata

  3. Elisabetta Alessandro 21 luglio, 2017 at 17:17 Rispondi

    Una dieta sana ed.equilibrata contiene tutto : legumi,pasta,carne rossa e bianca,pesce ,uova ,latticini,frutta e verdura. Quindi nelle mense scolastiche ogni giorno della settimana deve variare tutto il cibo elencato sopra.

    • Lavinia Culcasi 22 luglio, 2017 at 01:50 Rispondi

      L’unica differenza sta in queste due cose: solo negli alimenti di origine animale è presente la vitamina B12 che i vegani assumono spesso con integratori specifici, ed è presente il ferro cosiddetto “eme”, più facilmente assimilabile attraverso il nostro organismo. Quello di origine vegetale si chiama “non eme” e per essere meglio assimilato bisogna associarlo ad esempio ai carboidrati,sia essi semplici che complessi.
      La dieta vegana è fortemente consigliata in presenza di determinate malattie quali tumori ecc ecc… perché bisogna seguire una dieta altamente alcalina.
      Detto ciò, bisogna comunque essere consapevoli delle proprie scelte.
      Non ci sono altre differenze.

  4. Anna Maria Pinciroli 21 luglio, 2017 at 17:23 Rispondi

    I bambini devono assaggiare tutto e penso che una dieta sana debba contenere un po di Tutto, carne e pesce compresi. Poi starà a loro decidere cosa preferiscono, quindi a maggior ragione la mensa scolastica deve offrire un po’ di tutto. Non vedo perché imporre una dieta vegana

    • Valentina Garrone 21 luglio, 2017 at 17:38 Rispondi

      Giovanna Fallea che stupidata. I bambini musulumani mangiano altri tipi di carne, quindi la loro dieta comprende tutto eccetto la carne di maiale!
      I bambini hanno bisogno di una dieta equilibrata. Punto.

    • Manuela Guercio Moretti 21 luglio, 2017 at 17:46 Rispondi

      Giovanna Fallea se una famiglia vegana, musulmana, celiaca ha bisogno di un menu particolare, lo deve e puó richiedere. Ma io, da onnivora, non vedo perché devo togliere la carne di maiale dal mio perché sei musulmana tu o la pasta perché il vicino non la digerisce. Ma che di base, tutti debbano mangiare solo verdure, non lo trovo corretto.

    • Giovanna Fallea 21 luglio, 2017 at 17:56 Rispondi

      Manuela, sono d’accordo. Forse mi sono spiegata male. Ognuno deve poter scegliere, così come i musulmani scelgono di non dare carne di maiale, i vegani scelgono il menu vegetale. Gli onnivori sceglieranno il menu onnivoro.

    • Giovanna Fallea 21 luglio, 2017 at 17:59 Rispondi

      Non sono d’accordo sul fatto che i genitori non possano fare scelte per i figli. Se ci pensi le facciamo ogni giorno! Condivisibili o meno, l’importante è scongiurare i rischi per la salute (come dicevo, dieta vegana sì ma seguiti da nutrizionista), poi per il resto io sono per la libertà. Ps. Sono onnivora, cattolica e mio figlio mangia di tutto

    • Elena Lela Bassi 21 luglio, 2017 at 18:07 Rispondi

      Io credo.che l attenzione sia incentrata esclusivamente sull’ aspetto salutistico quando si parla di veganesimo e si dimentica che c é un aspetto psicologico da gestire da non sottovalutare. In più credo che la dieta vegana é stato.dimostrato che “”fa bene”” agli.adulti…..per forza!obbligatemi dopo 30anni che mangio.di tutto comprese schifezze a fare un anno a insalata….rinasco. ma i.vegani.di oggi erano.onnivori da bambini….non abbiamo ancora prove di come saranno.in futuro da adulti gli attuali.baby vegan quindi fossi in loro.sarei mooolto.prudente a.dire che fa bene anche ai bambini

    • Claudio Sara Bertolini Farina 21 luglio, 2017 at 18:11 Rispondi

      Allora mio fratello è vegano e ha inculcato a suo figlio di 9 anni la dieta vegana……primo non ha trovato nutrizionista che gli facesse dieta vegana ha detto che i bambini non possono farla al massimo vegetariana…..e poi vederlo mangiare come un uccellino e al mattino dover prendere vitamina c…vitamina B12 perché nella dieta vegana non esiste ed è fondamentale per le cellule del cervello…..È proprio una bella vita per un bambino che lo fa solo per far piacere al padre….cmq adesso lo abbiamo convinto e fare dieta vegetariana e quando sarà grande sceglierà quello che vuole…..aaaaa mi ero dimenticata che deve fare prelievi ogni 2 mesi per tenere tutto sotto controllo.

    • Claudio Sara Bertolini Farina 21 luglio, 2017 at 18:15 Rispondi

      Noi siamo dovuti intervenire sulla scelte di mio fratello perché il bimbo non aveva più forze non giocava più così mia madre ha convinto mia cognata a fargli le analisi ed è venuto fuori di tutto poverini…per quello poi è stato costretto da mia madre e mia cognata ad andare da un nutrizionista vegano ….che ripeto gli ha detto che i bambini non possono farla!

  5. Mara Ravasi 21 luglio, 2017 at 17:33 Rispondi

    Se per i medici dietologi è corretta, non vedo perché no.
    A me piacerebbe vedere proposte di menù vegani equilibrati anche nelle altre mense e nei ristoranti in generale, ma ancora in Italia non ci sono molti ristoratori preparati sull’argomento, e senza preparazione meglio non affidarsi al fai da te di qualche imprenditore che voglia cavalcare l’onda di quella che crede essere una moda.

  6. Laura Scola 21 luglio, 2017 at 18:29 Rispondi

    Nessun nutrizionista serio darebbe una alimentazione vegana ad un bambino (e a dire il vero difficilmente anche ad un adulto) perché mancano dei nutrienti fondamentali per il corretto sviluppo fisico e psichico. Ricordiamoci che ci sono stati dei bambini morti e alcuni con gravi ripercussioni a causa di diete vegane. E anche se i genitori cercassero di dargli una alimentazione più equilibrata possibile, dovrebbero comunque dargli degli integratori…e allora rispetto a preparati chimici non è meglio dare ai bambini tutto quello che gli serve con gli alimenti?

    • Lavinia Culcasi 22 luglio, 2017 at 01:50 Rispondi

      L’unica differenza sta in queste due cose: solo negli alimenti di origine animale è presente la vitamina B12 che i vegani assumono spesso con integratori specifici, ed è presente il ferro cosiddetto “eme”, più facilmente assimilabile attraverso il nostro organismo. Quello di origine vegetale si chiama “non eme” e per essere meglio assimilato bisogna associarlo ad esempio ai carboidrati,sia essi semplici che complessi.
      La dieta vegana è fortemente consigliata in presenza di determinate malattie quali tumori ecc ecc… perché bisogna seguire una dieta altamente alcalina.
      Detto ciò, bisogna comunque essere consapevoli delle proprie scelte.
      Non ci sono altre differenze.

    • Lavinia Culcasi 22 luglio, 2017 at 01:53 Rispondi

      L’unica differenza sta in queste due cose: solo negli alimenti di origine animale è presente la vitamina B12 che i vegani assumono spesso con integratori specifici, ed è presente il ferro cosiddetto “eme”, più facilmente assimilabile attraverso il nostro organismo. Quello di origine vegetale si chiama “non eme” e per essere meglio assimilato bisogna associarlo ad esempio ai carboidrati,sia essi semplici che complessi.
      La dieta vegana è fortemente consigliata in presenza di determinate malattie quali tumori ecc ecc… perché bisogna seguire una dieta altamente alcalina.
      Detto ciò, bisogna comunque essere consapevoli delle proprie scelte.
      Non ci sono altre differenze.

  7. Anna Bai 21 luglio, 2017 at 21:50 Rispondi

    Io sarei già soddisfatta avere nelle mense dei nostri figli cibi sani, possibilmente freschi e di stagione. Per quanto riguarda il menù vegano sono contraria, almeno fino a quando non saranno in grado di capire e decidere come nutrirsi.

  8. Patrizia Pellicano 21 luglio, 2017 at 23:46 Rispondi

    Non sono una esperta di nutrizione, sono stata vegetariana solo per 7 anni, poi in gravidanza sono rientrata per volontâ mia e suggerimento della ginecologa al regime normale….la libertá di far scegliere un menù piuttosto che un altro lo condivido a pieno, perchè magari nelle scuole la nutrizionista puó bilanciare i pasti anche meglio di quello che possono fare alcuni genitori in casa. Faccio solo una osservazione, (sapendo gia che qualcuna puntigliosa e stizzosa fará la sua controsservazione)ogni volta che opero una vegetaria o un vegano, mi faccio il segno della croce e prego tutti i Santi perchè il 90% delle volte ho problemi con la loro coagulazione e soprattutto cicatrizzazione, la recuperazione nei miei interventi diventa eterna, e mi dispero😜qualcosa che non va alla fine c é, rispetto al paziente onnivoro o schifezzivoro…..

    • Lavinia Culcasi 22 luglio, 2017 at 01:53 Rispondi

      Scusami, e perché? Qui c’entra il ferro? Non tutti i vegetariani e vegani seguono una corretta alimentazione comunque… molti fanno il fai da te.

      Lo riscrivo anche qui:
      L’unica differenza sta in queste due cose: solo negli alimenti di origine animale è presente la vitamina B12 che i vegani assumono spesso con integratori specifici, ed è presente il ferro cosiddetto “eme”, più facilmente assimilabile attraverso il nostro organismo. Quello di origine vegetale si chiama “non eme” e per essere meglio assimilato bisogna associarlo ad esempio ai carboidrati,sia essi semplici che complessi.
      La dieta vegana è fortemente consigliata in presenza di determinate malattie quali tumori ecc ecc… perché bisogna seguire una dieta altamente alcalina.
      Detto ciò, bisogna comunque essere consapevoli delle proprie scelte.
      Non ci sono altre differenze.

  9. Valentina Fanfoni 22 luglio, 2017 at 04:48 Rispondi

    Prima di introdurre il menù vegano (io, comunque, non sarei assolutamente d’accordo) consiglierei ai nutrizionisti di controllare la qualità dei cibi che vengono serviti ai bambini… a Milano (negli asili e scuole pubbliche) ogni giorno vengono buttate via tonnellate di cibo perchè di pessima qualità!!! Oltre allo spreco di cibo, di soldi per le rette (e se ne spendono tanti) i bambini rimangono a digiuno e questo non va bene!!!

  10. Celeste Rossi 22 luglio, 2017 at 08:54 Rispondi

    Hanno rotto con sta dieta vegana… I bambini devono assolutamente mangiare d tutto un po …la dieta vegana che la facciano i genitori.. Xke ormai son tutti fissati con sta dieta vegana ma x moda …non x esigenza o necessità…

  11. Antonya Ammirati 22 luglio, 2017 at 16:06 Rispondi

    Io sono una mamma vegetariana e ho una bimba di un anno. X lei ho scelto una dieta completa ed equilibrata. Mangia carne pesce latticini. Quando sarà grande deciderà lei x ora io provo solo a farla crescere senza carenze alimentari

  12. Cry Logan 24 luglio, 2017 at 23:13 Rispondi

    Assolutamente no I bambini devano essere onnivori (ho il compagno vegano nato vegetariano, famiglia completamente vegetariani no miele no pesce no carne no uova) ma i bambini devano mangiare tutto, e se quando hanno 20 anni decidono per loro scelta di essere carnivoro frutti(come si chiamano loro) e compagnia bella bene potranno esserlo ma con le rispettive integrazioni e visite dai dottori competenti. La dieta mediterranea è la. Dieta più ricca e. Variegata. Del mondo e non c’è cosa. Più sana e adatta ai bambini di questa, lo dico io che vengo dalle favelas dove ti arrangi a mangiare quello che trovi.

Lascia un commento