No al co-sleeping: le 5 ragioni di una mamma

co-sleeping pro o contro

Il co-spleeping fa bene o fa male? È giusto o è sbagliato?

Una mamma che ha provato entrambe le esperienze ha trovato la sua personale risposta. Voi cosa ne pensate a riguardo?

Co-sleeping, i pro e i contro di dormire nel letto con i bambini

La questione del sonno quando si diventa mamma è fondamentale. Il pensiero di non dormire la notte è una vera tortura, soprattutto se poi accade veramente.

Per questo sono tante le mamme che si chiedono se non sia meglio provare la pratica del co-spleeping. Il far dormire il bambino nel letto è un'abitudine molto diffusa perché, una volta eliminate le vocine fastidiose che la scoraggiano per non viziare il piccolo, diventa una comodità. Infatti, lo si può allattare nel letto senza alzarsi, lo si può coccolare, calmare e controllare senza muoversi più di tanto.

Fino a quando durerà tutto questo? Per alcune donne il tempo della nanna con il proprio bambino potrà essere lungo, per altre si risolve nel giro di un anno, ognuna decide in base alle sue necessità.

I 5 motivi per dire no al co-spleeping

Una mamma che ha provato entrambe le esperienze ha le idee ben chiare e suggerisce 5 buoni motivi per dire di no al co-spleeping.

Noi ve li proponiamo, aspettiamo di sapere cosa ne pensate.

  1. Le mamme hanno bisogno di dormire per avere energie necessarie al mattino. Se dormono insieme al bambino il loro sarà un sonno vigile, si preoccuperanno ad ogni respiro e a ogni movimento e non riposeranno bene.
  2. Le mamme durante il periodo di co-sleeping trattengono la pipì per non andare in bagno, evitando così di svegliare il piccolo. Questa pratica però fa male alla salute, soprattutto nel periodo post parto.
  3. Separarsi durante la notte crea delle buone abitudini di sonno per la vita. I cuccioli imparano a non aver necessità della presenza materna per riaddormentarsi ed è un esperienza che li renderà più autonomi nel dormire.
  4. Si può avere una conversazione e una ritrovata intimità con il proprio partner. A volte diventa difficile anche dirsi "buonanotte" per paura di svegliare il neonato.
  5. I bambini hanno bisogno di dormire per stare bene e la presenza della mamma, i suoi movimenti o il timore di perdere il suo contatto durante la notte possono disturbare anche il sonno dei figli.

68 comments

  1. Antonella Floridia 16 ottobre, 2017 at 21:21 Rispondi

    Sono d’accordo tranne per il punto num 5. Io in ogni caso a parte 2 volte l’ho fatta dormire in culla proprio per la paura di poterla schiacciare nel sonno. Un conto è magari come capita a volte per il riposino pomeridiano dove nel lettone siamo solo io e lei e dorme dove dormirebbe mio marito. Ad ogni modo meglio se dorme nel suo lettino

    • Noi Fede Giuse 17 ottobre, 2017 at 00:30 Rispondi

      La mia bimba oggi compie 2 anni allattata fino 17/18 mesi nn prendeva il ciuccio ogni ora era attaccata di notte… da quando le ho tolto il seno piano piano ha cominciato cn il ciuccio ( solo x dormire) x darle forse meno distacco forte dal seno. 😊 dorme nel suo lettino accanto al nostro letto ma il più delle volte viene da me… 😍

    • Daniela Matta 17 ottobre, 2017 at 06:15 Rispondi

      Maddi Maddi quando deciderai do togliere il seno ti consiglio questo trucchetto del mio ginecologo: ho messo due cerotti sui capezzoli dicendo che la mamma aveva male lei ha capito e sopportato piccola . Questi bimbi hanno più risorse di quelle che crediamo

  2. Clara Bernardelli 16 ottobre, 2017 at 21:33 Rispondi

    Ciao!!! Anche io sono d’accOddo con te… questi due giorni stava male e vomitava lo tenevo nel lettone perché avevo paura che soffocava col vomito.. ieri sera si è addormentato col papà nel lettone ma visto che stava meglio quando sono arrivata l ho trasferito nel lettino… sta sera visto che oggi non ha mai vomitato, l’ho messo subito nel lettino… una tragedia… pianti e urli… ma io sono ferrea… niente lettone. Sbaglierò x qualcuna ma io lavoro e devo poter riposare come si deve e poi la coppia ne risente. Tutti miei pareri personali non voglio offendere nessuno.

  3. Lidia Peron 16 ottobre, 2017 at 21:44 Rispondi

    Senti, già mi sta appiccicato tutto il giorno. Mi corre incontro urlando tetteeeee!!!!
    Ci manca il farlo dormire con me…Poi col cavolo che me ne sbarazzo a 20anni! (E lo dico, con la presunzione di una che non dorme per 18 mesi a figlio, cioè 36 in totale!)

  4. Sabrina Piu 16 ottobre, 2017 at 21:49 Rispondi

    La foto rispecchia il nostro letto 😂😂😂 tranne il cane ma il fatto e i 3 figli che si addormentano rigorosamente nel loro letto, ma la mattina te li ritrovi nel lettone 😂😂😂😂

  5. Ele Nuàr 16 ottobre, 2017 at 21:50 Rispondi

    Sacrosante siano le 5 ragioni di opposizione al co-sleeping, come sacrosante siano le 5 ragioni che sostengono il co-sleeping. Messe insieme fanno 10 ragioni e non ce n’è una, dico una sola, che sia fallace. A ogni mamma (e papà!) il diritto – dovere della scelta.
    Per tutti gli altri, per quelli che sanno tutto a priori, si aprano le porte della santificazione. Amen.

  6. Santopietro Sabrina 16 ottobre, 2017 at 21:53 Rispondi

    A parte la numero 4 le altre sono cavolate estreme. Se il bimbo è in altra stanza non dormi per sentire se respira, si va in bagno lo stesso, non lo schiacci e non lo svegli. Nessun altro animale fa dormire i propri cuccioli lontano dal corpo materno..ci sarà un motivo..ed una volta si dormiva per terra.

    • Ilaria Liut 16 ottobre, 2017 at 22:27 Rispondi

      Mia figlia che dormiva abbracciata a me si svegliava se solo mi muovevo, e per fortuna non sono una che va in bagno di notte. E conosco altri bimbi che pur dormendo nel lettino ma vicino al lettone, come la mamma si alzava per andare in bagno o cambiava stanza, si svegliavano. Non dormire per sentire se il figlio respira è in ansia della madre, io ho sempre dormito e mia mamma pure con tre figli tutti e tre da subito nel proprio letto. Anche perché se ce l’hai nel lettone e ti addormenti non ti accorgi comunque del respiro (senza parlare del fatto che si alza il pericolo di morte per soffocamento perché il bimbo rischia di venir schiacciato e finire sotto le coperte e purtroppo è successo). Poi ognuno faccia come vuole, ma i rischi sono maggiori ed è dimostrato.

  7. Florina-cristina Ardelean 16 ottobre, 2017 at 22:10 Rispondi

    Se la scienza ci deve dire se è sbagliato o no dormire nel lettone con il proprio bambino ..allora siamo messi davvero molto male…
    Mi domando se fosse un cane o un gatto subito nel lettone senza nessun ma…
    Ogni mamma fa quello che sente meglio di fare …
    Gente!!! i bambini non restano per sempre bambini…

  8. Lucilla Polosa 16 ottobre, 2017 at 22:11 Rispondi

    Non sono per niente d’accordo. Io ho scelto il co-sleeping, dormo ugualmente bene, vado in bagno se ne ho bisogno. La vicinanza corporea con il bambino è di fondamentale importanza nel suo sviluppo. Tenerezza e vicinanza gli regalano la sicurezza e la fiducia di base per poi rendersi veramente autonomo. Certo il solo fatto di dormire insieme non è tutto, ma ha un ruolo importante. La vita di coppia si trasforma e trova altri modi e luoghi. Ogni coppia, ogni famiglia e ogni mamma sceglie in ogni caso la soluzione che ritiene personalmente più idonea ed è giusto che sia così.

    • Katja D'Armi 16 ottobre, 2017 at 23:02 Rispondi

      Quindi i bimbi che non dormono nel lettone ‘sviluppano’ male? Mia figlia sta benissimo, cresce meravigliosamente bene e non ha nessun problema di fiducia. Sarà un’aliena… Dire che per voi va bene così, senza metterci di mezzo valutazioni ‘mediche’ personali, pare brutto? P.S. la vicinanza dei corpi e la tenerezza trovano spazio anche in mille altri momenti della giornata, per dire.

    • Cristina Fanton 16 ottobre, 2017 at 23:55 Rispondi

      No veramente ha scritto che ogni famiglia, ogni coppia e ogni mamma valuta se optare o meno per il cosleeping e che è una scekta personale e sicuramente la.scelta piu giusta per se stessi e per il proprio bambino..

    • Katja D'Armi 17 ottobre, 2017 at 10:11 Rispondi

      @cristina, Lucilla ha parlato di sviluppo. Non dovrebbe pensare neanche lontanamente di dare pareri di questo tipo. Lo sviluppo dei bambini non è legato al cosleeping. Se a lei come a tante altre sta bene così, non ci sono problemi. Ma i bimbi crescono sani e in perfetta forma anche senza dormire nel lettone! Non sopporto chi pone le proprie scelte in un ambito che non le compete! Nessun medico ha mai sostenuto che i bimbi che dormono nel lettino abbiano carenze di crescita! Dopodiché anche io qualche volta ho fatto dormire mia figlia con me, ma lei preferisce di gran lunga sentirsi libera nel suo lettino e io sono tranquilla così.

  9. Ilaria Liut 16 ottobre, 2017 at 22:21 Rispondi

    Io contraria al bimbo nel lettone! Anche se il primo mese ho voluto tenerla accanto a me, ma era una necessità solo mia visto che per 2 mesi e mezzo la bimba era ricoverata in tin. Dopo un mese di notti insonni per tutti e schiena distrutta per me, mi sono convinta a metterla in carrozzina e finalmente abbiamo iniziato a dormire tutti (anche se purtroppo la mia schiena non tornerà a posto). È stato bellissimo dormire abbracciata a lei, ma era più importante il benessere di tutti, il sonno e la vita di coppia, per le coccole c’è sempre tempo.

  10. Elga Chieffo Guidone 16 ottobre, 2017 at 22:26 Rispondi

    Io non ho mai messa la prima nel lettone con me, solo che poi per forza maggiore ho dovuto farlo e per farla abituare al lettino ce ne voluto…ora ha 5 anni e ancora avvolte si sveglia e se ne viene nel lettone, mentre il piccolo non l’ho mai messo e dorme beato nel suo lettino, se lo metto sul letto con me tutto da tranne che dormire

  11. Dede Giuliano 16 ottobre, 2017 at 22:37 Rispondi

    Io mio figlio lo faccio dormire con noi quando capita , se no dorme nel suo letto ma io mi metto vicino a lui e lo faccio addormentare ..!!! 💖 è un momento dolce ci coccoliamo gli leggo o racconto una favola o gli canto le canzoncine ..!!

  12. Laura Mori 17 ottobre, 2017 at 09:06 Rispondi

    Domanda stupida: ma quando il bambino si sveglia la notte, come naturale per tutti i bambini fino ai 3 anni, che fa? Lo lascia piangere e neppure lo sente? Si svegliano i vicini per andare a vedere cos’abbia?

  13. Ilaria Agata Francesca Borri 17 ottobre, 2017 at 09:14 Rispondi

    Mia figlia come me e suo padre ama star tranquilla mentre dorme. Se sta nel lettone non riesce a dormire ma gioca. Da subito l’ho messa nella next to me per paura di schiacciarla ora dorme tranquilla nel lettino vicino al papà e dorme tutta la notte serena! Guai a toccarla! Come per noi! Coccole si ma non durante la nanna!

  14. Veronica Marin 17 ottobre, 2017 at 09:42 Rispondi

    Personalmente ho scelto il co-sleeping proprio per riposare bene ed avere le energie necessarie per affrontare la giornata! Con il piccolo accanto a me NON mi devo alzare per allattarlo o calmarlo. Lui dorme sereno ed io pure! Inoltre non ho alcun timore di svegliarlo perché accanto a me si riaddormenta in un battibaleno

  15. Sara Congiu 17 ottobre, 2017 at 10:46 Rispondi

    Ma davvero qualcuna di vuoi ha SCELTO l’una o l’altra? Noi avremmo tanto voluto abituarla a dormire nel lettino, ma appena la appoggiamo piange come una disperata. Qui ha deciso lei dove dormire 😂

  16. Pamela Ottaviani 17 ottobre, 2017 at 12:59 Rispondi

    Io ad un mese l’ho messo nel lettino e ci stava pacioso se si svegliava di notte lo mettevo con me nel lettone x sopravvivenza dato che ho sempre lavorato….ora ha la sua cameretta ma se nella notte si sveglia mi metto nel lettino con lui. È importante l’autonomia del bimbo x crescere ma anche la rassicurazione che la vicinanza di una mamma sa dare quando serve.

  17. Chiara La Rosa Rizzi 17 ottobre, 2017 at 16:16 Rispondi

    Io sono d’accordo solo sul punto 4. Per il resto…
    Punto 1: se mia figlia dorme bene, che sia nel suo lettino e nella sua stanza o che sia accanto a me, io dormo. Al massimo mi potrei svegliare con l’impronta del piedino sul viso.
    Punto 2: di trattenere la pipì non se ne parla, sennò mi viene mal di pancia!
    Punto 3: si e no. Sta di fatto che quando mia figlia non vuole venire nel lettone non mi faccio problemi e la lascio nel suo lettino, se invece vuole venire, perché impedirlo… A me e a mio marito di sicuro non da fastidio, anche perché lei tante volte cerca anche lui, non solo me!
    Punto 5: se dorme, vuol dire che sta bene li dov’è, no!?

    Io non le capisco queste prese di posizione inutili…. Una madre sarà libera di fare ciò che vuole coi suoi figli no!?

  18. Lucilla Polosa 17 ottobre, 2017 at 18:03 Rispondi

    Chiaramente ognuno è libero di scegliere la propria linea. Io faccio solo ancora una domanda. Vi siete mai chiesti perché i bambini spontaneamente desiderano di dormire nel lettone? Invito solo a riflettere su questo loro bisogno istintivo.

Lascia un commento