La regressione del fratello maggiore non è solo gelosia

regressione fratello maggiore

La nascita di un fratello può provocare reazioni inaspettate nel figlio maggiore, che può reagire tornando indietro e mostrandosi come un bambino piccolo da accudire costantemente. Perché succede questa regressione nel figlio maggiore e come noi genitori possiamo aiutarli a superare questa fase?

La regressione del fratello maggiore: cos'è

Diventare fratello maggiore per molti bambini è un'esperienza molto difficile da affrontare: all'improvviso tutte le attenzioni ricevute fino a quel momento dai genitori sembrano sparire, rivolte a un altro soggetto d'amore. I piccoli non riescono a esprimere le loro emozioni, soprattutto quelle negative, ma in molti casi possono iniziare a cambiare i loro comportamenti. Infatti, li si vede prendere di nuovo il ciuccio o bere dal biberon o succhiare il pollice. Spesso tornano a fare la pipì nelle mutandine o nel letto, hanno difficoltà ad addormentarsi e si svegliano continuamente. Non si vestono più da soli, vogliono essere imboccati, non vogliono più andare a scuola, a volte ricominciano a gattonare o a usare il vasino.

Questi sono alcuni dei sintomi della regressione del fratello maggiore. In psicoanalisi questo passo indietro è un sistema di difesa che i bambini utilizzano per attirare l'attenzione, ma anche per imitare il nuovo arrivato così da ricevere le stesse attenzioni e cure di mamma e papà. Non si tratta di gelosia, ma di un disagio psicologico che i bambini non sanno emotivamente affrontare.

Come superare la regressione nei bambini?

Ci vuole calma e tanta pazienza: questi sono gli elementi di base per poter superare la fase di regressione del fratello maggiore. I genitori devono capire che il comportamento del bambino non è fatto apposta per fare un dispetto, ma è un segnale di una difficoltà emotiva. Sgridarlo non servirà a nulla, anzi potrebbe peggiorare la situazione, ci vuole comprensione e attenzione, senza farlo sentire in colpa.

Per iniziare si deve trovare del tempo esclusivo e di qualità da dedicare al primogenito magari grazie alla lettura di una fiaba, un gioco da fare insieme o uscire a passeggiare assieme. È molto importante coinvolgerlo nella vita del nuovo nato, e far sentire che la sua collaborazione è indispensabile può aiutare a migliorarne il suo stato d'animo.

Nel caso in cui il bambino si trasforma a tutti gli effetti in un bebè, rendete questo suo desiderio un gioco consapevole, divertente ma che, come tutte le attività ludiche, ha un termine. Non fategli mancare una dose di coccole in più rispetto al solito e fatelo sentire amato.

Anche voi avete attraversato una fase di regressione con vostro figlio? Raccontateci le vostre esperienze.

21 comments

  1. Marilisa Licata 16 novembre, 2017 at 03:02 Rispondi

    🙋presente….vita mia lo ama da morire il fratellino…però ha sentito eccome la sua presenza una regressione per attirare l’attenzione è stata iniziare a mettere tutto in bocca non l’ha mai fatto ma siccome ci ridiamo sul piccolino di 5 mesi che mette tutto in bocca lui lo coppia😢😢😢😢😢😢

Lascia un commento