Per un allattamento prolungato non lavorate più di 20 ore a settimana!

Da una recente studio condotto da un team di  ricercatori australiani e pubblicato sulla prestigiosa rivista scientificaPediatrics” è emerso che le mamme che lavorano meno di 20 ore a settimana riescono ad allattare al seno i propri pargoli per almeno 6 mesi, senza alcun tipo di problema (proprio come previsto dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità).

All'aumentare delle ore di lavoro settimanale della madre decresce, invece, la probabilità di un allattamento prolungato: più tempo in ufficio, infatti, significa avere meno ore a disposizione per dedicarsi alla nutrizione del proprio figlio.

D’altra parte va pure rilevato che sono pochi i posti di lavoro che riservano alle madre spazi dedicati per tirarsi il latte in tutta tranquillità. Una simile circostanza determina la rinuncia anticipata  a questa pratica di nutrizione.

I vantaggi dell’allattamento al seno

Eppure i pediatri di tutti il mondo raccomandano l’allattamento esclusivo per almeno sei mesi, in quanto esso riduce il rischio per il piccolo di contrarre patologie infettive, la sindrome della morte improvvisa nella culla, il diabete e l’obesità.

Non mancano inoltre una serie di notevoli benefici anche per le stesse mamme.

18 comments

  1. Trilly Jade 18 maggio, 2016 at 13:08 Rispondi

    Con i nidi nelle aziende sarebbe un gran problema risolto…. e si renderebbe di più anche al lavoro… devo allattare?? Scendo allatto e torno…. mi chiamano perché al piccolo cola il nasino e non lo tengono più? ??? Scendo e magari se è tranquillo riesco a fare quell’ ultima ora di lavoro che altrimenti dovrei chiederne il permesso… e non dovrei correre via al minuto spaccato avendolo li… magari ti fermi quei 10 minuti x finire quel lavoro che altrimenti ti porteresti dietro il giorno dopo…sono tante le cose che si risolverebbero

  2. Francesca Loto 18 maggio, 2016 at 13:11 Rispondi

    Magari si potesse.ho lavorato dal 5 mese al 12 mese di vita di mia figlia 30ore settimanali.da 1 mese faccio 40 ore.mia figlia a giorni compirà 14 mesi e nonostante tutto riesco ad allattarla

    • Annarita Indennimeo 19 maggio, 2016 at 11:05 Rispondi

      O forse dovresti pagare una baby sitter e poi lei dovrebbe accompagnarlo dove tu lavori…..e se una partorisce a dicembre come me gli si fa venire pure la bronchite al bimbo…..Che cavolate!!!!!!io sono in congedo parentale xke a 3 mesi nn avrei mai lasciato mio figlio con una babysitter o in un asilo nido…..ora ho iniziato lo svezzamento xke ha 5 mesi….x farlo mangiare ci metto minimo un’ora….pensate che una babysitter o in un asilo si mettano a perdere il tempo e a fare i giochi che faccio io x farlo mangiare??????In Italia siamo troppo indietro e si fanno solo e solo chiacchiere……BLA BLA BLA
      Ps.Ah dimenticavo al compimento di un anno di mio figlio la legge nn mi tutela più x il posto di lavoro e mi licenziano anche!!!!!!

  3. Anna Carettoni 18 maggio, 2016 at 23:16 Rispondi

    15 mesi che allatto…20 ore le faccio in 2 gg 1/2…
    Non ho maternità. ..ho lavorato sino a tre gg proma per il mio primo figlio e il giorno prima per la mia seconda…ci sono mamme che si lamentano dopo aver fatto a casa tutta la maternità e fino all’anno di vita del bimbo…ma cosa volete di piu???

Lascia un commento