Bonus mamme disoccupate: come funziona e chi può ottenerlo

bonus-mamme-disoccupate-come-funziona-e-chi-puo-ottenerlo

È in arrivo una nuova agevolazione che sarà erogata direttamente dell’INPS ed è rivolta a tutte le neomamme che non hanno un’occupazione e non percepiscono la Naspi, ma anche alle lavoratrici con reddito ISEE molto basso. Scopriamo assieme quali sono i requisiti e i documenti da presentare per poter presentare la domanda ed ottenere il nuovo bonus per le neomamme.

Chi può richiedere il Bonus Mamme disoccupate

Il nuovo contributo spetta a tutte le mamme che hanno già partorito o partoriranno dal 1 gennaio al 31 dicembre 2022 e che sono inoccupate senza percepire però l’assegno di Naspi o che, seppur lavoratrici, hanno un ISEE basso con importo non superiore ad € 17.747,58 euro.

In questo caso, la futura mamma non non deve aver già diritto al congedo di maternità INPS (ad esempio per le mamme casalinghe non è previsto), infatti le due forme di sussidio non risultano compatibili e cumulabili tra loro.

Il Bonus può essere erogato sia per le neomamme che hanno avuto o avranno figli naturali, ma anche per i piccoli presi in adozione o affido, sempre rispettando i termini previsti dal regolamento.
Qualora in situazioni particolari la mamma non possa presentare formalmente la domanda, il sussidio può essere richiesto anche dal papà, da un genitore della madre, da chi adotta il bambino ed anche dall’affidatario.

Il video della settimana

Come richiedere il Bonus Mamme

La domanda può essere inoltrata, entro e non oltre il compimento del sesto mese del figlio/a, direttamente attraverso l’area dedicata nel Comune di residenza che poi si inoltrerà la domanda all’INPS. La richiesta può essere effettuata da tutte le neomamme che hanno la cittadinanza italiana o che siano provenienti da un altro Stato membro dell’UE o anche extracomunitario, purché in ogni caso abbiano la cittadinanza italiana.

Per la presentazione della domanda è necessario allegare tutta la documentazione necessaria (documento di identità, codice fiscale, eventuale permesso di soggiorno, attestazione ISEE aggiornata al 2022, un autocertificazione che attesti il rispetto di tutti i requisiti e l’IBAN su cui l’INPS dovrà accreditare il sussidio). Per evitare lungaggini burocratiche è sempre opportuno controllare che tutti i dati siano corretti prima di inoltrare formalmente la domanda.

Bonus Mamme e altre forme di sussidio: come funziona

Il Bonus Mamme per lavoratrici con basso reddito o per le mamme disoccupate non è cumulabile con la Naspi e non può essere erogato in combinazione al congedo di maternità INPS.

Nel caso in cui però le future mamme percepiscano già altre forme di sussidio, se quest’ultima risulta inferiore a quello previsto dal nuovo Bonus Mamme, l’INPS riconoscerà la differenza tra i 2 importi integrando la somma spettante.

Qual è l’importo del Bonus 2022

Il bonus mamme 2022 ha una durata di 5 mesi a partire dalla presentazione della domanda per un importo totale di € 1.773,65 euro che corrispondono ad un assegno mensile pari ad € 354,73 (mentre nel 2021 era pari ad € 348,12).

La pratica richiede almeno 30 giorni per l’accoglimento e poi ci sono i tempi tecnici per l’elaborazione del primo pagamento (circa 45 giorni di tempo da quando l’INPS registrerà i dati trasmessi dai Comuni).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.