Cresce il numero di bambini che sopravvivono all'aborto

aborto-bambini-sopravvissuti

I giornalisti Liz Jeffries e Rick Edmonds hanno condotto una accurata inchiesta in merito all'enorme numero di bambini che sopravvivono all'aborto. Questo reportage, lo ricordiamo, è valso loro la candidatura al Premio Pulitzer.

Addirittura da questa inchiesta è emerso che negli States sopravvivono annualmente alle tecniche abortive tra i 400 e i 500 bambini (si tratta di un dato ufficiale che, tuttavia, potrebbe celare numeri ben più alti).

Ma cosa accade a queste creature che non “soccombono” nel grembo materno?

La risposta è davvero sconcertante: i sopravvissuti, infatti, sono praticamente lasciati morire. Si tratta, in altri termini di una realtà agghiacciante che richiederebbe di essere quanto prima regolamentata da normative e controlli più rigidi e severi.

I dati nel Regno Unito, dove l'aborto è ammesso fino alla 24esima settimana

In Inghilterra l’aborto è ammesso fino alla ventiquattresima settimana di gestazione: praticamente ben oltre la prima metà della gravidanza (si tratta del più alto limite consentito in un Paese europeo). In questo caso il “rischio” di sopravvivenza aumenta considerevolmente.

Secondo quanto riportato dal Daily Mail nel Regno Unito, mediamente, sopravvivono e sono poi abbandonati alla morte circa 66 feti ogni anno. 

9 comments

    • Dania Prioli 6 aprile, 2016 at 00:58 Rispondi

      Gli abotyo over 20 settimana sono legali in alcuni paesi d Europa. …ma solo quando viene diagnostica una malattia o malformazione incompatibile con la vita…im alyro caso non sarebbe ammesso abortire…informatevi prima di sparare grosso….

  1. Octavia Vinci 5 aprile, 2016 at 21:17 Rispondi

    Puoi pubblicare la fonte? Perché a me sembra una bufala e pure bella grossa!!! Che vuol dire i sopravvissuti vengono lasciati morire? Morire nel grembo??? Non capisco come sia possibile, se muoiono nel grembo è aborto….oppure vengono lasciati morire dopo che nascono??? Mah….

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.