Da 10 anni ricevono per errore le letterine destinate a Babbo Natale: Jim e Dylan hanno risposto a circa 2.000 bambini

da-10-anni-ricevono-per-errore-le-letterine-destinate-a-babbo-natale-jim-e-dylan-hanno-risposto-a-circa-2-000-bambini

Nessuno sa spiegarsi come mai da 10 anni centinaia di lettere di bambini indirizzate a Babbo Natale vengano recapitate ad un indirizzo di una abitazione privata di New York.

Jim e Dylan, due assistenti di Babbo Natale

Dieci anni fa, non si sa per quale motivo, Jim Glaub e Dylan Parker, una giovane coppia di New York, rispettivamente di 39 e 40 anni, hanno iniziato a ricevere nella loro cassetta della posta, numerose lettere di bambini indirizzate a Babbo Natale. La cosa strana è che la coppia non viveva in Lapponia, ma in un appartamento nel quartiere Chelsea di Manhattan, più precisamente alla 22esima Strada. Inizialmente, raccontano Jim e Dylan, arrivò una lettera, dopo alcuni giorni altre 2 e alla fine del mese di novembre se ne contavano già più di 400. Dopo una iniziale lamentela con il postino, la coppia decise di iniziare a leggere quelle centinaia di letterine e quello che vi trovarono scritto li convinse a fare qualcosa di unico e degno di nota.

Jim e Dylan decidono di rispondere alle lettere dei bimbi

Il contenuto delle lettere è di quelli che fa commuovere. La coppia racconta che la maggior parte delle lettere proveniva da bambini bisognosi, che non chiedevano giochi, ma scarpe, vestiti o magari anche del cibo, perché per molti di loro potersi sedere a tavola e trovare qualcosa da mangiare era il desiderio più grande. É così che Jim e Dylan iniziarono a rispondere alle lettere di tanti bambini e poco dopo crearono una pagina Facebook dal nome "Miracle on 22nd Street", che nel giro di poco tempo raccolse le richieste di numerose persone che si offrirono come volontarie per rispondere alle letterine dei bimbi.

Non solo, ma crearono una organizzazione senza scopo di lucro raggiungendo l'obiettivo di inviare doni ai bimbi più bisognosi.
Jim e Dylan non vivono più in quella casa, ma a quanto pare l'organizzazione creata dai due, nonché i nuovi inquilini dell'appartamento sulla 22esima Strada continuano a rispondere alle lettere per Babbo Natale che continuano ad arrivare ogni anno.

Please follow and like us: