Didattica distanza gratis per tutti: gli studenti non consumeranno Giga

didattica-distanza-gratis-per-tutti-gli-studenti-non-consumeranno-giga

È una buona notizia quella che riguarda la scuola. È stato infatti firmato un accordo tra il Governo italiano e i principali operatori telefonici. Gli studenti che svolgono la DaD, la didattica a distanza, potranno usare la rete gratis.

Accordo Governo e operatori telefonici: GIGA gratis per gli studenti

In questo delicato momento, in cui molti studenti sono costretti a casa, la DaD (acronimo di Didattica a Distanza), rimane l'unica soluzione possibile per continuare a svolgere le lezioni. Una soluzione che però per molte famiglie rappresenta un ennesimo salasso, con un addebito in bolletta extra dovuto ai GIGA consumati.

Per questo è stata molto apprezzata l'iniziativa del Governo, nella persona del ministro dell'Istruzione Azzolina, di concerto con i colleghi per le Pari opportunità e la Famiglia e dello Sviluppo economico.

L'esecutivo ha siglato un contratto che vede come controparte i principali gestori di telefonia, tra cui la Vodafone, Wind Tre e la Tim. Nodo centrale dell'accordo, la possibilità per i ragazzi che usano la rete di casa per collegarsi alle piattaforme di didattica, di navigare gratuitamente.
'Serve il sostegno di tutti', è stato il commento soddisfatto della promotrice Lucia Azzolina, che ha anche sottolineato l'impegno economico profuso fino ad oggi: 400 milioni di euro dedicati al digitale scolastico.

Didattica a distanza: in arrivo altri 85 milioni per la scuola

Oltre alla cifra già stanziata, nel decreto definito 'Ristori', sono previsti ulteriori fondi, circa 85 milioni, proprio per la DAD.

Molti di questo soldi sarebbero già stati erogati ed utilizzati dagli istituti per implementare le piattaforme online da cui si dispensano le lezioni.
I fondi serviranno anche per acquistare dispositivi come tablet e computer che potranno essere prestati (con la formula del comodato) ai ragazzi più in difficoltà. Una serie di provvedimenti che cercano di sconguirare il temuto fenomeno della povertà educativa.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.