Distruggiamo le barriere architettoniche a colpi di mattoncini: l'iniziativa in Veneto

distruggiamo-le-barrire-architettoniche-a-colpi-di-mattoncini-liniziativa-in-veneto

In Veneto (ma non solo) ha preso vita un'iniziativa che abbatte le barriere architettoniche con i mattoncini della Lego. A portare avanti il progetto è un gruppo di giovani volontari che lavorano in una cooperativa sociale a sostegno di giovani autistici.

Senza barriere architettoniche con i mattoncini Lego

Tutto è partito dall’idea di una nonna tedesca che, a causa di un incidente stradale, da 25 anni è costretta a vivere su una sedia a rotelle. Di fronte alle entrate di negozi e caffè inaccessibili la signora Rita Ebel ha escogitato una soluzione molto divertente: realizzare rampe colorate con i mattoncini della Lego.

Aiutata dal marito, la signora trascorre dalle due alle tre ore al giorno a realizzare rampe su misura, costituite da centinaia di piccoli mattoni di plastica incollati con una colla resistente.

I colori vivaci danno subito all’occhio, i bambini sono attratti e cercano inutilmente di estrarre i mattoncini, mentre gli adulti non rinunciano a scattare una foto.

Il video della settimana

Il Veneto a colpi di mattoncini abbatte le barriere architettoniche

Anche l'Italia ha abbracciato l'iniziativa della nonna tedesca. Il traghettatore del progetto è Enrico Balestra. In un tweet ha raccontato come è nata questa idea. Fin da bambino è un appassionato dei Lego e un giorno si è chiesto come poteva trasformare la passione per i tasselli colorati in qualcosa di utile per la comunità.

Dopo aver letto la storia della signora Rita Ebel si è messo all’opera e aiutato da alcuni suoi amici, ha cominciato a costruire rampe per abbattere le barriere architettoniche. Sono sufficienti solamente cento pezzi colorati per realizzare una rampa a servizio di uffici e negozi.

Enrico ha iniziato a raccogliere i Lego posizionando diversi raccoglitori in alcuni comuni del Veneto, riutilizzando giochi che andrebbero a finire in discarica. Fino ad oggi sono state realizzate sei rampe e non ha alcuna intenzione di fermarsi.

A dargli una mano nel portare avanti questo progetto c’è un gruppo di ragazzi italiani autistici che lavorano in alcune cooperative sociali nel Veneto. Il progetto si chiama "Talents" ed è stato sponsorizzato dal network di cooperative "Habile".

L'esempio del Veneto però non è l'unico: anche nelle Marche, ad esempio, grazie all'iniziativa di Federico D'Annunzio e Michele Cocco, è nato il progetto Io Mislego, che proprio lo scorso ottobre ha inaugurato la sua prima rampa Lego.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.