Emozioni da parto: cosa prova mio figlio?

parto neonato

Il parto è senza dubbio uno dei momenti più carichi di significato, emozioni e sensazioni di una gravidanza. Tanto per la mamma, quanto per il bambino, che per la prima volta nella sua vita inizia a scoprire il mondo al di fuori del ventre materno.

Se per chi porta in grembo il figlio è semplice raccontare quanto accade dal travaglio in poi, è decisamente più complesso “chiedere” la stessa cosa ad un bambino.

La tecnologia, però, ha fatto passi da gigante e, grazie anche all’aiuto di numerosi studi sul tema, è possibile capire meglio cosa sente e cosa prova il neonato al momento del parto.

Il neonato soffre durante il parto?

Mamme o future tali, alzate la mano se almeno una volta nella vostra vita non vi siete chieste “Chissà se mio figlio soffre durante il travaglio”.

La risposta è più logica che certificata: non esistono, infatti, ricerche definitive sul tema, ma considerando il passaggio della testa del piccolo dal bacino della madre, le contrazioni, gli spazi naturalmente ristretti e il conseguente calo di ossigeno nei momenti decisivi del parto, si può dire che complessivamente ciò rappresenta una situazione di stress e fatica per il piccolo.

Un momento intenso per mamma e figlio, quindi, che per questa ragione viene costantemente monitorato da parte dei medici attraverso il tracciato del battito cardiaco del bambino. Niente paura, quindi!

Il neonato vede qualcosa durante il parto?

Un’altra curiosità dei genitori è “Chissà cosa vede o cosa sente il piccolo durante il parto?”. Per rispondere è bene innanzitutto ricordare che, al momento della nascita, i sensi dei bambini sono già sviluppati: se, tuttavia, la vista non è così acuta, in considerazione della penombra presente nel ventre, l’udito è già a ottimi livelli.

Possiamo quindi dire che un bimbo, durante il travaglio - e già da prima - sente tutto: le voci ed i rumori esterni, i suoni intestinali della mamma, e soprattutto il suo battito cardiaco ed il suo respiro.

Ecco perchè, una volta nato, basta appoggiare il piccolo al petto della mamma, per farlo “sentire” nuovamente a casa. 

Please follow and like us:

5 comments

  1. Silvia Ilsalotto 7 novembre, 2016 at 15:51 Rispondi

    ciao Sono Silvia volevo farti i complimenti per l’articolo davvero commovente…sono all’ottavo mese di gravidanza e in fin dei conti tutti ci siamo chiesti cosa provi un bimbo al momento della nascita…..molte volte non vedo l’ora che arrivi quel momento per poter vedere il mio cucciolotto in modo che tutte le mie domande su come sarà ? avranno una risposta….altre volte invece penso che mi mancherà un pochino la pancia e il feeling fatto di tenerezze e dolcezze instaurato questo momento…chissà davvero cosa penserò…dovrò passarci per dirlo effettivamente. ho letto anche altri tuoi articoli che ho trovato molto interessanti mi iscrivo al tuo blog per condividere con te le reciproche esperienze che stiamo vivendo in questo momento se vuoi puoi fare lo stesso con il mio giovanissimo blog .
    un abbraccio Silvia

  2. Rosy Loffredo Silvano 7 novembre, 2016 at 17:15 Rispondi

    Io penso come mamma che è il momento più bello quando sai di essere incinta. Lo tieni per 9 mesi dentro di te e si restaura un filing. Ma il momento più bello che ho vissuto e quando il bambino mi mettevo distesa si spostava incontinuazione. Ma finiti i 9 mesi sai che devi affrontare il parto e allora cerchi di pensare il meno possibile. Ma sai che deve nascere tuo figlio e non vedi l’ora. Ma quando è nato e te lo mettono sulla pancia provi un’emozione bellissima. Io ne ho fatti 5 di figli, e ogni uno di loro e stata sempre una bellissima emozione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.