Parto e travaglio tra leggenda e realtà: sfatiamo alcuni miti!

parto e travaglio miti

Care mamme, quante volte vi sarà capitato durante la gravidanza di ascoltare -oltre i consigli non richiesti- racconti mostruosi sul travaglio e il parto, dove, mamme attempate vi deliziano di dettagli particolari degni del miglior film di fantascienza (o dell'orrore)?

Leggende e falsi miti su parto e travaglio

L'idea del travaglio e del parto è già di per sé motivo di ansia, soprattutto se primipare, e sarebbe bene per la vostra serenità non lasciarvi condizionare dai miti e le leggende metropolitane che su di essi ruotano. Vediamo cosa c'è di vero e cosa invece è fantascienza.

"Morirai dal dolore!"

Sfatiamo questo mito. Siamo donne e sopportiamo anche il dolore fisico più grande, altrimenti la popolazione sarebbe dimezzata da un bel pezzo e nessuna di noi avrebbe il coraggio di affrontare gravidanze successive dopo la prima!

Non possiamo negare che il parto sia doloroso ma si tratta di un dolore tollerabile e che, come dicono in tanti, dopo il parto, non si sa come, dimenticheremo.

Se la paura è veramente troppa, valutiamo la possibilità di sottoporci ad anestesia epidurale o partecipiamo a qualche corso di preparazione al parto (yoga, training autogeno, canto carnatico)  che ci aiuti nel momento in cui il dolore prenderà il sopravvento.

"Se hai perso il tappo mucoso, sei in travaglio"

Attenzione a questa affermazione, perché se priva di altri segnali, rischiate di correre in ospedale parecchio tempo prima che si scateni il vero e proprio travaglio, caratterizzato dalle contrazioni regolari che indicano come il collo dell'utero si sta raccorciando e dilatando, per permettere la fuoriuscita del bebè durante il parto. 

Il tappo mucoso è un materiale gelatinoso spesso striato di sangue che chiude il collo dell'utero e viene espulso quando l'utero inizia a dilatarsi: può verificarsi da poche ore prima dell'inizio del travaglio fino a una settimana.

"Se hai fatto un cesareo, devi fare un altro cesareo!"

Anche questa affermazione rappresenta una leggenda metropolitana. Infatti ogni parto è a se, diverso da tutti gli altri, e non si può sapere se avverrà tramite taglio cesareo come il precedente o per via naturale, a meno che non vi siano fattori che ci costringono ad andare sotto i ferri come ad esempio:

  • conformazione del bacino troppo stretta
  • placenta previa
  • sofferenza fetale
  • posizione podalica
  • parto gemellare
  • infezioni materne o diabete gestazionale
  • interventi chirurgici pregressi che hanno lasciato cicatrici importanti sull'utero
  • In tutte le altre situazioni, se è passato almeno un lasso di tempo di 24 mesi non ci saranno controindicazioni per provare il parto VBAC.

"Il secondo parto sarà più veloce e meno doloroso!"

Ahimè, qui porto anche la mia esperienza assolutamente a conferma che si tratta di un mito. Partendo dal presupposto che ogni parto è differente dagli altri, sono tanti i fattori che influenzano l'andamento e la durata del travaglio e del parto.

Se è vero che il corpo dovrebbe sbrigare più velocemente la fase di appianamento e dilatazione, che dopo il primo parto vanno a braccetto, è anche vero che durata e dolore dipendono anche dal bambino: peso, grandezza, posizione, cordone che rende difficoltosa l'uscita.

"Non hai rotto le acque, non sei in travaglio!"

Non tutte le donne perdono le acque come segnale di travaglio. Spesso le membrane vengono scollate in sala parto, favorendo la fuoriuscita delle acque e permettendo la nascita, poiché capita che anche a travaglio avviato, con contrazioni regolari e dolorose che preannunciano l'imminente nascita, le membrane siano integre.

Così il ginecologo o l'ostetrica, soprattutto quando il travaglio si sta dilungando troppo e si rischia la sofferenza fetale, decidono di intervenire meccanicamente con una pratica chiamata amnioressi che accelera il travaglio. Diverso è se le membrane si rompono prima del travaglio, poiché in quel caso si dovrà correre comunque in ospedale per evitare infezioni.

"In sala parto ti rasano e ti fanno il clistere"

Questo detto è vero solo in parte, poichéc se prima erano procedure di routine ora non si usano più, nel rispetto della futura mamma, a meno che non siano veramente indispensabili.

Di norma si invita la mamma a svuotare spontaneamente l'intestino, mentre la tricotomia viene effettuata solo se si deve praticare l'episiotomia.

23 comments

  1. Alessandra Collalti 3 dicembre, 2016 at 07:34 Rispondi

    L’ esperienza più bella della mia vita, dolore si ma quando mi hanno messo mio figlio appena nato sul petto non ricordavo più nulla! Ora ha quasi 4 mesi e ripenso sempre alla prima volta che l’ho visto♥ che emozione meravigliosa!

  2. Imma Graziano 3 dicembre, 2016 at 09:29 Rispondi

    Non capisco perché piace così Tanto dire che fa male. Si fa male, ma lo dimentichi in un istante, proprio in quel momento in cui ti mettono sul petto quell’esserino indifeso, ancora sporco, avvolto in un telo verde…lì sparisce ogni male e inizia una nuova Vita.

  3. Sara Sighi 3 dicembre, 2016 at 13:59 Rispondi

    Infatti trovo che sia pura cattiveria gratuita spaventare la gestanti con storie truculente di urla e dolori lancinanti. Che faccia male lo sappiamo tutti ma infondere ansia e paura a cosa serve?? A farti passare per stronza e basta!

  4. Stella Siciliano 3 dicembre, 2016 at 15:10 Rispondi

    Il parto, il momento più bello della gravidanza (dopo quello che si vive nel vedere il test positivo!). Io due parti naturali, due epidurale. Il secondo parto è un ricordo meraviglioso! Fino ai 5 cm ho letto un libro e poi mi sono appisolata. Pace e serenità ❤️ a 8 cm il mio compagno mi ha svegliata e abbiamo aspettato il momento. Tre spinte ed era fuori. L ho portato io in camera, spingendo la sua culletta. Una bella doccia e una mega dormita per entrambi! 4 gg dopo la nascita eravamo in un bel chioschetto all’aperto a mangiare la piadina 😍
    Il primo parto è stato molto meno felice ma è finito bene anche quello 😁

  5. Emilia Di Meglio 4 dicembre, 2016 at 00:06 Rispondi

    Fa male..inutile negarlo..ma la natura nella sua perfezione a fatto in modo che sia sopportabile e gestibile.Tranquille mamme alla fine avrete fra le vostre braccio l’essere umano più importante della vostra vita.

  6. Mara Diato 4 dicembre, 2016 at 02:37 Rispondi

    Ma… X me è stato traumatico! Se dovessi decidere di averne un altro vorrei l’epidurale… Parto naturale mai più! Fantastico lo scopo ma il parto non ha proprio nulla di bello!

  7. Ingrid Bi 6 dicembre, 2016 at 22:34 Rispondi

    Ogni parto è a se, è vero, e a poco serve ascoltare le esperienze delle altre mamme, se nn per terrorizzarsi…e poi, si soffre, ma è anche vero che la gioia di stringere il nostro piccolo, ci fa dimenticare immediatamente tutto il dolore del parto!

Lascia un commento