Il 'parentese' è la lingua più parlata al mondo: ecco perché funziona

il-parentese-e-la-lingua-piu-parlata-al-mondo-ecco-perche-funziona

Recenti studi hanno dimostrato che il 'parentese', lingua parlata dai genitori ai loro bimbi piccoli, favorisce lo sviluppo intellettivo ed emotivo di questi ultimi e dunque può essere un valore aggiunto.

Il parentese, derivato dal termine inglese parents che significa genitori, è praticamente una lingua universale che accomuna i genitori di ogni nazione e lingua di origine. Da non confondere con il baby talk (il bambinese), il parentese può dunque servire per migliorare l'apprendimento del linguaggio nei bambini molto piccoli.

Il parentese: che cos'è e da chi è parlato

Con il termine parentese si intende un linguaggio con parole di senso compiuto, caratterizzato però dall'allungamento di alcune vocali e l'accentuazione di alcuni suoni, che viene spesso utilizzato dai genitori per comunicare con i propri bambini piccoli.

Non va dunque confuso con il baby talk, che consiste nell'uso di suoni e parole inventate.

Il video della settimana

Uno studio dell'Institute for Learning & Brain Sciences, dell’Università di Washington, ha dimostrato come il parentese lingua venga utilizzata dai genitori di tutto il mondo, a prescindere dalla loro lingua di origine; inoltre, dallo studio è emerso quanto essa sia fondamentale per lo sviluppo dei bambini.

Il parentese: come può aiutare lo sviluppo intellettivo dei bambini

Lo studio ha preso due gruppi, uno formato da genitori che parlavano il parentese ai propri figli e l'altro, di controllo, che non utilizzava questa lingua; dai risultati è emerso come nel primo caso si fosse instaurata una comunicazione migliore tra genitori e figli, con un conseguente miglioramento anche del rapporto interpersonale.

Proprio per questo sono stati organizzati delle vere e proprie sessioni di coaching per poter apprendere al meglio questa lingua, anche alla luce di un precedente studio del 2018 condotto dai ricercatori di I-LABS; questa ricerca aveva mostrato come i bambini ai quali veniva parlato il parentese erano in grado di apprendere più termini e parole, nei primi quattordici mesi di vita.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.