La proposta del Bonus Mamma-domani: 800 euro prima del bebè in arrivo

bonus-mamma-domani

La Legge di Stabilità del 2017 prevede diverse misure pro mamma, tra cui il premio Mamma-domani, un bonus che verrà dato alle donne in gravidanza prima della nascita del bebè in arrivo.

Il Bonus Mamma-domani: di che cosa si tratta

La tantum stabilita per questa manovra pro maternità sarebbe di 800 euro di bonus.

La norma ovviamente non è stata ancora introdotta in bilancio ma la proposta intende dare un aiuto alle mamme prima che nasca il neonato, in modo tale da coprire le spese iniziali subito dopo la nascita.

Una misura economica che pensa alle nascite

Il Bonus Mamma-domani sarebbe una nuova misura economica pensata proprio per l’incremento demografico. L’idea è quella di supportare il già collaudato bonus bebè (su cui comunque si stanno valutando cambiamenti rispetto a quello attuale), che prevede un aiuto alle famiglie spalmato nell’arco dei primi tre anni di vita del bambino.

Nel frattempo che aspettiamo di conoscere risvolti e notizie sulla sorte del Bonus mamma-domani lasciamo la parola a voi mamme: sareste contente di questo aiuto pensato dal governo Renzi? 

33 comments

  1. Manu Giri 14 ottobre, 2016 at 17:28 Rispondi

    Si certo se non hai un reddito alla soglia della povertà questi soldi te li scordi ….io sono una semplice operaia lavoro solo io in famiglia ma guarda tu per loro non ne ho il diritto come se fossi benestante…ipocriti aiutano giusto gli extracomunitari che fanno quattro figli in media senza avere un lavoro..

  2. Stefy Vi 14 ottobre, 2016 at 19:01 Rispondi

    Sinceramente questi bonus non li capisco… il bonus bebè in essere dura fino ai 3 anni del bambino… dopo i 3 anni quindi le famiglie con reddito basso non ne hanno più diritto come se a 3 anni il bambino non avesse più bisogno di quegli 80 o 160 euro al mese.. sapendo benissimo che più il bimbo cresce più ha bisogno di cose fino ad arrivare all’età scolastica in cui avrà necessità anche di libri oltre che di vestiti e tutto il resto… lo slogan di questi bonus dovrebbe essere: ‘fate figli vi diamo la mancetta quando nascono e poi… azzi vostri!’ Qua non serve a niente il contentino qui servirebbe una vera e propria politica x incentivare le nascite e stare vicino ai genitori fino a che i bimbi non diventano adulti. Si dovrebbe cominciare col ridurre i costi degli esami in gravidanza esami del sangue mensili, esami che rilevano malattie quali fibrosi cistica ecc ecc… si dovrebbero avere bonus x i pannolini e avere gratuiti farmaci basilari come x esempio le vitamine come avviene in altri paesi… Si dovrebbero controllare i prezzi di tutto ciò che ha a che fare con i bambini perché qualsiasi oggetto li riguardi costa tantissimo perché non se ne può fare a meno, si dovrebbero aiutare i genitori con contributi o riduzione delle tasse finché non raggiungono almeno i 16 anni… con tutti gli sperperi che ci sono riuscirebbero ad aiutare tantissime famiglie ed aumentare le nascite invece ad oggi purtroppo… un figlio si può considerare quasi un lusso e x chi è senza lavoro o in difficoltà economiche gli 800 euro sono come una goccia nel deserto…

  3. Enza Nesci 14 ottobre, 2016 at 20:53 Rispondi

    Qui un Francia esiste la prima di 780€ prima veniva data al 7 mese di gestazione poi qualche furbetto portava il certificato di maternità magari la gravidanza non andava bene oppure che ne so…..va beh Bref ora la danno al 3 mese dalla nascita ê fino ai 3 anni del bambino 180€ TT i mesi ogni mese pagano il 70% del nido o della baby sitter in base al reddito!! Premettendo che mettere un bimbo al nido o da una baby sitter che fa accoglienza multipla è d’obbligo il carnet delle vaccinazioni!

  4. Rosario Licciardello 12 novembre, 2016 at 11:47 Rispondi

    Non sono una mamma ma un papà che a gennaio, se vuole Dio, diventerà nonno. A proposito del ” bonus mamma domani ” , mi sembra di percepire che la ratio della legge è quello di aiutare le mamme a sopportare le spese in gravidanza! Tale aiuto economico può essere chiesto a partire dal 7° mese di gravidanza! Mi chiedo: una donna deve arrivare a due mesi prima del parto per ricevere un aiuto economico dello Stato? E le spese sostenute dal primo al settimo mese per accertamenti e analisi vari?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.