Mamme, quando sono vittime di disturbi psichici post-partum

disturbi-psichici

Il puerperio è il momento che segue il parto. È uno dei più delicati nella vita di una donna, perché è in questo periodo che da un lato si sviluppa l’attaccamento verso il bambino e dall'altro si può andare incontro a disturbi psichici che potrebbero rivelarsi difficili da superare.

Ma andiamo per ordine e partiamo da quelli che sono i disturbi psichici che POSSONO (non  accade a tutte) colpire le donne in questo periodo.

In ogni caso, tutte le neo mamme, soprattutto quelle al primo parto, dovrebbero essere sostenute da un supporto emotivo adeguato, dato dal compagno e dalla famiglia, ma anche da medici e ostetriche, che possano accompagnare passo passo la mamma durante i suoi primi giorni.

Ma quali sono i disturbi psichici che possono presentarsi?

  • Il più comune, quello che colpisce il 50% delle mamme e passa nel corso delle prime settimane, è il maternity (o baby) blues. Solo in alcuni casi si evolve in depressione vera e propria. Si va a incontro a crisi di pianto, tristezza, e disturbi nel ritmo sonno-veglia.
  • La depressione post partum è un gradino più complessa, più rara e più duratura.  Si possono verificare attacchi d’ansia, tristezza, sentimenti di colpa o di autosvalutazione eccessivi, pensieri di morte. In genere si verifica dopo i tre mesi dalla nascita del bambino. In questo caso è importante stare vicino alla mamma e iniziare a pensare di consultare uno specialista.
  • L’ultimo e peggiore problema, è quello della psicosi post partum, che può arrivare a dare allucinazioni e delirio, con pericolo per la vita del bambino. In questo caso è necessario un trattamento con i farmaci e un ricovero.

E visto che questo primo periodo è fondamentale per lo sviluppo del bambino, per il suo attaccamento alla mamma, che mostrandosi base sicura gli prepara una vita futura più sana e semplice, è necessario che ad ogni mamma sia data la possibilità di vivere con la massima serenità questo periodo.

Il tutto grazie al sostegno di famiglia e personale qualificato.

5 comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.