Padri gelosi del proprio figlio: è possibile?

padri-gelosi-del-proprio-figlio

Cosa succede quando il neonato monopolizza l’interesse e l’affetto della mamma? Il padre, un tempo al centro delle attenzioni amorose della propria compagna, rischia di sentirsi un povero calimero incapace di integrarsi nelle nuove dinamiche famigliari. Quando la mamma non ha occhi che per il bebè, in altri termini, può accadere che padre e pargolo diventino, inaspettatamente, rivali d’amore. I padri gelosi del proprio figlio spesso soffrono di questa condizione, in quando si chiedono come sia possibile sentirsi in competizione con chi si ama e si è desiderato così tanto.

Se in passato, cari papà, vi avessero detto che la vostra donna vi sarebbe stata portata via da una creatura semicalva e alta poco più di un puffo, vi sareste fatti una grassa e sonora risata. Eppure all'indomani della nascita di un figlio (soprattutto se si tratta del primogenito) non avete dubbi: la vostra vita sentimentale è minacciata proprio da quell'esserino con pochi capelli, ma che tanto avete atteso. Senza poi contare il fatto che essere semplicemente sfiorati da questi pensieri vi trasporti in un turbinio di sensi di colpa: come è possibile essere gelosi del proprio figlio? Insomma, un vero e proprio periodo nero da cui però è possibile uscire grazie ad un’attenta analisi di coscienza.

Ritorniamo alla domanda che vi siete di recente posti: come è possibile essere gelosi del proprio figlio? Se vi siete risposti che non è possibile, significa che siete sulla buona strada per uscire dalla vostra condizione di pulcino piccolo e nero. A determinare questa situazione paradossale, infatti, non è stata la vostra partner che non ha occhi che per il bebè, ma piuttosto la colpa è da imputare ad un rapporto di coppia in cui i ruoli sono piuttosto confusi. Con buone probabilità, infatti, vedete la vostra donna più come una mamma che come una compagna e, non a caso, siete stati travolti dalla gelosia in corrispondenza della nascita di un figlio, che per voi altri non è che un fratello minore. Prima di arrivare al punto di fare i vostri bisognini a letto, proprio come capita a tanti primogeniti che si sentono affettivamente spodestati, sappiate che è arrivato il momento di dare una svolta al vostro rapporto. Vi consigliamo, nel più breve tempo possibile, di trasformarvi da bimbi capricciosi a compagni maturi. Abbiate fretta, questa volta è proprio il caso di bruciare le tappe!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.