Bambini in acqua: braccioli, cintura o ciambella?

braccioli-cintura-o-ciambella

Non appena si arriva al mare o in piscina, i bambini hanno un'unica idea fissa: buttarsi in acqua! Il nostro primo pensiero è quindi munirli dei giusti sistemi di sicurezza: che siano essi braccioli, cintura o ciambella. Ma quando e come è meglio usare ognuno di essi? Perché, fino ad una certa età, anche se il bambino ha imparato a nuotare, è preferibile andare sul sicuro.

La cosa migliore è regolarsi per fascia d’età: fino a 6 mesi i bambini possono essere sistemati nel canottino, perché è lì che si trovano più al sicuro.

Dai sei mesi ai due anni e mezzo, possiamo optare per una ciambella, prima con mutandina, in grado di sostenere alla perfezione il piccolo, e poi senza. In questo modo i bambini inizieranno ad avere un primo contatto con l’acqua, a livello delle gambe, potranno toccarla con le manine ma al tempo stesso si sentiranno al sicuro e ben sostenuti. Fate attenzione al momento dell’acquisto, sia che si tratti di una ciambella con mutandine che senza, che le dimensioni siano giuste. Altrimenti si rischia di avere uno strumento o troppo stretto e quindi fastidioso, o troppo largo e quindi pericoloso.

I piccoli hanno ormai dai due anni e mezzo in su? Via libera ai braccioli, ma solo se il bambino si sente sicuro e li accetta: in questo modo i movimenti sono più liberi, si può mettere orizzontale e cercare di imitare le bracciate dei genitori.

Certo che per i bambini di una certa età, dalle elementari in su ad esempio, i braccioli (molto dipende dal peso e dalla robustezza del bambino) possono essere scomodi e poco efficaci. Da alcuni anni però sono in commercio delle comodissime cinture in schiuma o dotate di galleggianti, che si agganciano alla vita del bambino e lo lasciano libero di nuotare pur sostenendolo alla perfezione.

Quale che sia lo strumento di galleggiamento che sceglierete per i vostri figli, ricordate sempre di non perderli di vista nemmeno un attimo: l’unica cosa che rende davvero sicuro il bagno in mare o in piscina dei bambini…siamo noi!

Lascia un commento