Paninoteca offre la cena ai bambini malati di cancro

bambini malati di cancro cena fast food

Che cosa vi piacerebbe mangiare stasera? Ordiamo la cena a domicilio?

È iniziata così la serata che ha commosso i bambini malati di cancro del reparto oncologico del Vecchio Policlinico di Napoli. Mercoledì scorso, i volontari dell’associazione “Diamo una mano Onlus” che seguono i piccoli nelle attività ludiche, hanno fatto scegliere ai bimbi cosa mangiare. Fare qualcosa di diverso rispetto alla routine che vivono nell’ospedale avrebbe sicuramente reso la serata più divertente e migliorato il loro stato d’animo. La decisione è stata unanime: i bambini volevano mangiare i panini del Puok Burger Store una paninoteca cittadina, aperta l’anno scorso, ma molto amata nella zona.

Il regalo della paninoteca per i bambini malati di cancro

Quando una delle volontarie è andata a ritirare i panini ha notato che il totale da pagare era zero. C’era un errore? No, c’è solo un grande gesto di generosità. Lo staff della paninoteca, infatti, ha offerto tutta la cena e molto di più. Le ordinazioni fatte che comprendevano panini di vario tipo, patatine, salse, più altre in omaggio sono state consegnate alla volontaria a costo zero. Un regalo speciale che ha commosso tutti i membri dell’associazione e i bambini che lo hanno ricevuto. La lieta vicenda è stata resa nota dall’associazione con un post Facebook.  

puok regala ai bimbi malati

Che sia un momento di gioia”: l’augurio della paninoteca ai piccoli

Nello scontrino consegnato alla volontaria con totale di spesa zero, c’è scritto un messaggio dello staff della paninoteca per tutti i bambini destinatari della cena. Che sia un momento di gioia, è con questa frase che i titolari del Puok Burger Store hanno voluto regalare un sorriso ai bambini malati di cancro del reparto di oncologia del Vecchio Policlinico di Napoli.

Perché alle volte un abbraccio, un sorriso o un messaggio di affetto possono fare tanto per migliorare la vita delle persone, soprattutto, se sono dei bambini che vivono un periodo difficile a causa di una dolorosa malattia. Questo è un bel gesto di generosità che l’associazione e i bambini sicuramente non dimenticheranno.

Lascia un commento