Ditina chiuse nella porta: attenzione ai danni per i bambini

dita chiuse porta bambini pericolo

Le mani dei bambini sono molto delicate e un trauma causato da una porta che si chiude all'improvviso può diventare un danno permanente con conseguenze anche gravi.

Attenzione ai traumi delle dita chiuse nella porta

I cuccioli d'uomo, si sa, corrono, saltano, gattonano, giocano e sono sempre distratti dalle loro mille attività e dal loro entusiasmo. Non è difficile vedere le loro piccole manine incastrarsi sotto un uscio, infatti, tra gli incidenti domestici più diffusi tra i bambini c'è lo schiacciamento delle dita nelle porte, un trauma che può essere preoccupante e procurare danni permanenti.

Un allarme su questo fenomeno è stato lanciato dai chirurghi britannici dopo aver curato oltre 3000 bambini con gli arti superiori ammaccati da un simile infortunio. Tra questi, oltre 1500 ragazzini hanno dovuto subire un'operazione chirurgica e a affrontare conseguenze dolorose. I dottori, infatti, si sono trovati non solo davanti a un'unghia annerita o spezzata, ma a distorsioni del dito, a fratture e in qualche caso sono stati costretti anche ad effettuare interventi urgenti e amputazioni.

Come evitare di schiacciarsi le dita nella porta

Certo tenere fermi i bambini è impossibile per evitare che si facciano male, però alcune precauzioni almeno in casa si possono prendere per evitare danni che possono lasciare il segno per la vita.

Un rimedio molto utile sono dei ferma porta che ne evitano la chiusura e che proteggono anche dai danni causati dall'infilzare le manine tra le cerniere o tre le finestre. Se questo non basta e le dita dei piccoli vengono schiacciate dalla porta, la prima cosa da fare è mantenere la calma e immergerle in un contenitore di acqua ghiacciata.

Se l'unghia si è annerita dopo qualche giorno potrebbe cadere quindi è bene disinfettare la zona colpita e coprirla con un cerotto per evitare ulteriori fastidi e problematiche. Se, invece, la parte colpita si gonfia troppo o se fuoriesce molto sangue è bene chiedere aiuto al pediatra, che saprà cosa fare.

Lascia un commento