Migliorare la sicurezza della casa: i consigli degli esperti

sicurezza della casa con i bambini

Se gli interni della nostra casa sono sicuri (leggi l’articolo per verificare che casa tua lo sia) non significa che le insidie siano finite.

Quando ci sono i bambini, due occhi non bastano e prendere tutte le precauzioni può aiutare la sua incolumità e la nostra tranquillità. Vediamo i consigli degli esperti dell’ospedale Bambin Gesù di Roma.

Sicurezza della casa: cosa consigliano gli esperti

Giocattoli e televisione: l'uso corretto

  • Evitare l’uso del girello
  • Scegliere i giochi a norma di sicurezza con omologazione europea, in modo che abbiano vernici e materiali non tossici e che non siano infiammabili
  • Scegliere giochi adatti all’età del bambino
  • Controllare sempre le pile dei giocattoli: è bene che non si deteriorino e che non perdano l’acido
  • Controllare i giochi perché alcuni possono scomporsi in parti più piccole
  • Evitare (o limitare) l’uso dei palloncini di lattice: scoppiando possono rompersi in piccole parti che possono essere inalate dal piccolo
  • Porre il piccolo a distanza di sicurezza dalla Tv (5 volte la diagonale dello schermo)

Balcone e terrazzo

  • Non collocare oggetti a ridosso di ringhiere e balcone
  • Usare reti di protezione se l’altezza del parapetto non è sufficiente
  • Tenere il pavimento sempre asciutto

Sicurezza in giardino

  • Sorvegliare sempre i bambini che giocano con altalene, scivoli e giochi da giardino
  • I giochi da giardino devono essere omologati e con marchio CE. Non risparmiare sulla sicurezza dei bambini.
  • Non lasciare incustoditi attrezzi, mezzi e utensili da lavoro

Mamme attente ai veleni e alle piante velenose

Evitare di lasciare alla vista e alla portata del bambino sostanze chimiche potenzialmente tossiche.

Fare attenzione ad alcune piante e bacche velenose:

  • Stella di Natale: contiene lattice e può provocare irritazioni
  • Belladonna: determina una sindrome tossica allergica
  • Dieffembachia, philodendrum, colocasia: anch’esse contengono lattice
  • Oleandro: l’ingestione di tutte le parti della pianta causa nausea, dolori addominali, diarrea, aritmie cardiache, cefalea e sonnolenza
  • Rododendro: può provocare vomito, diarrea, bradicardia. Può causare sintomi gastro-intestinali, aritmie, ipertensione e collasso cardiovascolare.

Fare particolare attenzione agli animali domestici ed educate il bambino ad avere con loro un rapporto rispettoso.

Vi riportiamo infine alcuni numeri utili da tenere sempre sotto mano:

  • 118: Ambulanza
  • 115: Vigili del fuoco
  • 113: Polizia
  • 112: Carabinieri
  • 06/68592763: Centro Antiveleni dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù

Lascia un commento