Mamme diffidate dei pediatri che prescrivono il latte artificiale!

Sempre più medici pediatri consigliano alle madri dei lattanti di integrare la dieta dei loro piccoli con del latte artificiale, specificandone addirittura la marca.

Questa consuetudine, che risulta essere addirittura illegale e dettata perlopiù da interessi di natura economica (si parla in proposito di un business milionario), è stata più volte segnalata all’International baby food action network (Ibfan).

Senza contare il fatto che, in molte occasioni, è lo stesso personale sanitario del punto nascita a suggerire alle neomamme l’utilizzo del latte in polvere, malgrado l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) abbia ufficialmente raccomandato l’allattamento esclusivo al seno nei primi sei mesi di vita.

Tutto il business del latte artificiale

In pratica esisterebbe uno specifico accordo tra pediatri e case produttrici di latte artificiale, in base al quale al medico spetterebbero ricompense e percentuali sulle vendite.

Questa pratica, col tempo, ha finito col minare la fiducia delle mamme nella loro capacità di nutrire i propri piccoli, incrinando un preziosa abitudine che faceva parte del naturale sviluppo del cucciolo di uomo

164 comments

    • Mely C Mojito 9 maggio, 2016 at 19:14 Rispondi

      Piu’che altro per chi come me ha pochissimo latte e viene ogni gg costretta a fare anche sedute col tiralatte con un dolore alle tette insopportabile…..parlo perche’ho partorito da 7 gg e mi stanno facendo vivere il momento dell allattamento come un incubo😞

    • Concetta La Spina 9 maggio, 2016 at 19:21 Rispondi

      Anche a me è successo. Ho partorito a febbraio e per i primi venti giorni facevo latte a fiumi, poi ho cominciato a farne sempre di meno è ho dovuto introdurre quello artificiale. Purtroppo non siamo tutte uguali, c’è chi ha la fortuna di allattare anche fino ai due anni e chi no.

    • Ilaria Raza 9 maggio, 2016 at 19:56 Rispondi

      Se si ascolta ostetriche loro ti dicono di insistere ma se non c’è non c’è è inutile far urlare il piccolo/a sono 5 mesi che mia figlia prende il latte artificiale per fortuna esiste e cresce benissimo.

    • Noemi Federico 9 maggio, 2016 at 20:00 Rispondi

      A me per giorni hanno fatto vivere col senso di colpa!! Bimbo nato prematuro, non aveva nemmeno le forze di aprire gli occhi e per loro dovevo allattare forzandolo… ho tirato per 10 giorni il poco latte che c era, per stress, non so, ma a me non è mai arrivata la montata lattea e dopo un pò nemmeno una goccia!! Io dovevo solo pensare a far crescere il piccolo e non a sentirmi una buona madre allattando, eppure per capire che sono una brava mamma senza allattare ci ho impiegato un pò!

    • Valeria Nicole 9 maggio, 2016 at 22:01 Rispondi

      Parlano solo perché loro il latte ce l’hanno e vogliono farci sentire cattive madri….a me la montata non è venuta subito e dopo il calo mia figlia oerdeva peso…quando è iniziato a venirmi il latte mi è venuta la febbre per via di una cistite dovuta a gestosi e catetere perché ho avuto il cesareo e ho dovuto fare punture di antibiotico…. nonostante tutto attaccavo mia figlia ma alla fine il latte è sparito per via dei medicinali e lei si perdeva peso.. dovevo farla morire secondo loro e le loro ostetriche?

    • Valeria Nicole 9 maggio, 2016 at 22:04 Rispondi

      E poi sta cosa che con il tira latte va via il latte non l’ho mai capita…. mia cugina allatta da 10 mesi e spesso si tira il latte per portarselo dietro e a lei il latte non è mai andato via

    • Laura Oldani 10 maggio, 2016 at 16:45 Rispondi

      Ecco l’incompetenza è il distacco degli operatori sanitari che fanno odiare l’allattamento alle mamme. Purtroppo ci sono ancora tante strutture che mortificano le neomamme e le portano a sentirsi inadeguate, sia per l’allattamento che per tante altre cose.

  1. Alessandra Di Lauro 9 maggio, 2016 at 19:13 Rispondi

    Si ma se il latte materno non basta per far crescere il piccolo cos’è un crimine ??? Mah secondo me vi dovete dare una ridimensionata con questo allattamento.. A me sembra pure questa una moda !!!!

    • Michela Campagna 9 maggio, 2016 at 20:09 Rispondi

      INFORMATEVI VOI CHE DI DONNECHE HANNO IL LATTE CE NE SONO BEN POCHE…CAMBIATE LATTE ARTIFICIALE COME FOSSERO MUTANDE, NON CONTENGONO TUTTI LE STESSE SOSTANZE E COSI DANNEGGIATE IL LORO STOMACO

    • Giada Merella 9 maggio, 2016 at 21:12 Rispondi

      I casi di ipogalattia o agalattia sono circa il 3% … O fate tutte stranamente parte di quel 3%,o siete state semplicemente seguite male o non supportate…. Ma la colpa è solo della maggior parte di ospedali che non sostiene l’allattamento e della poca informazione che danno alle mamme prima che partoriscano!

      • Marzia 4 marzo, 2017 at 09:26

        Amen, perché sentire che l’allattamento naturale è una moda mi fa venire acidità allo stomaco…

    • Chiara Rinaldi 9 maggio, 2016 at 21:12 Rispondi

      Se il bambino si attacca bene il latte lo ha qualunque madre ! Invece di consigliare il latte artificiale col cavolo che i pediatri consigliano brave ostetriche che aiutino L avviare dell’allattamento !!!

    • Valentina Capizzi 9 maggio, 2016 at 21:24 Rispondi

      Io ho partorito in un ospedale dove TUTTE le mamme le facevano allattare al seno, ti stavano dietro finché non riuscivi ad attaccarlo bene e se non ci riuscivi te lo attaccavano le infermiere del nido. Nessuna delle mamme che ho visto io dava l’artificiale ai figli…

    • Serena Leoni 9 maggio, 2016 at 21:36 Rispondi

      Tante decidono di non allattare per essere più indipendenti o perché credono erroneamente ai benefici del latte artificiale… Ho seguito proprio l altro giorno un seminario Dove una nutrizionista pediatrica spingeva fortemente per l allattamento al seno.. Oltre che creare un legame particolare col bambino è il nutrimento perfetto. Mai nessuna cosa artificiale potrà essere creata per uguagliare il latte materno. Io spero di farcela.. Tra poco avrò la mia prima bambina e voglio seguire la natura.. Salvo cause di forza maggiore…

    • Jessica Buccoliero 9 maggio, 2016 at 22:15 Rispondi

      Prima di partorire ero fortemente motivata anzi speranzosa che sarei riuscita ad allattare mio figlio.dopo la nascita oltre a non essere stata seguita o mal seguita dalle ostetriche dell’ospedale mio figlio che adesso ha 6 mesi non cresceva più aveva smesso di fare i bisogni fisiologici e dormiva sempre pur tenendolo attaccato al seno … tiravo il latte,tettarella,tutte le posizioni del mondo per attaccarlo al seno… ma purtroppo non cresceva e ho dovuto optare per il latte artificiale … e leggendo in rete mi sono sentita in colpa e ho pianto tanto perchè alcune considerazioni del tutto personali di alcune mamme possono ferire chi in quel momento non è in grado o non può allattare.io penso,chiaro è che se c’è il latte materno è un bene,sia dal lato fisico che economico,ma se non c’è perchè fare tutte le grandi professoresse?!

    • Antonella Bargna 9 maggio, 2016 at 22:24 Rispondi

      A me e’ andato via tutto dopo 1 mese e in quel mese era così poco che la mia piccola non cresceva… Cosa avrei dovuto fare?? Mah!! Io non capisco sta fissa!!! Sto far sentire in colpa le mamme che non allattano!! Ma guardate quelle che non si occupano dei figli!! O che peggio nemmeno li vogliono!!

    • Jessica Buccoliero 9 maggio, 2016 at 22:29 Rispondi

      Antonella Bargna ero entrata in un vortice psicologico assurdo ..alla fine penso sia una sorta di frustrazione per una mamma non poter allattare ..anche perchè già da quando sei fecondata iniziano a dirti speriamo che allatti … adesso è ovviamente superata anche perchè con le pappe mi sta dando certe soddisfazioni … ahahhaah

    • Nese Marianna 9 maggio, 2016 at 22:30 Rispondi

      Partorito da 20gg. Latte ne ho tanto. La bimba si attacca ed anche bene (frequento spazio allattamento ospedale), ma si stanca subito e si addormenta. Morale: 2gg dall uscita dall ospedale,ha perso peso. Una settimana di sveglie ogni 2 ore x farla poppare e prendeva poco. 1 settimana con l aggiunta di 2 biberon di artificiale e la bimba ha preso peso e forza. Sono a favore del latte materno,ma se da solo “non basta”o x chi non ne ha a sufficienza, non bisognerebbe condannare a priori.

    • Ana Maria Ion 9 maggio, 2016 at 22:35 Rispondi

      Cosa è questa cosa che le madri che usano il latte in polvere si sentono offese!? E io che allato al seno che mi sentivo dire sempre ma hai il latte ma allati ancora ma il bimbo cresce piange xke non è buono il tuo latte! 🙄 che palle

    • Ilde Ragucci 9 maggio, 2016 at 22:45 Rispondi

      Il legame si crea a prescindere dalla tetta! Il latte materno per le schifezze che mangiamo non so quanto faccia bene, forse quello DJ una volta ma il nostro bah non saprei, comunque sicuramente è preferibile, ma non vanno condannate le donne che decidono di non farlo. Ognuno sceglie ciò che vuole

    • Reby Valerio Bechelli 10 maggio, 2016 at 02:04 Rispondi

      al mio ospedale insistevano con l’allattamento materno ma sono sorti problemi come io e il mio ragazzo avevamo i sangui incompatibili e nel mio latte cera qualcosa che la bimba la intossicava e le faceva venire sfoghi e bubboni ovunque…in piu non era sazia e non cresceva…dovevano dirmi di farla morire di fame? invece che darmi un nome di un latte artificiale in caso la bimba ne avesse avuto bisogno e dai! non fate le madri fissate su queste cose…chi ce la ben venga chi non ce la pace…io ci tenevo ma mica posso far stare male lei per nulla…si attaccava benissimo ma cera proprio un problema a livello di intossicazzione alimentare quindi non e vero che tutte possono nutrire il proprio figlio con latte materno..perchè a le volte puo essere anche poco corposo e doverlo per forza sostituire o aggiungere la giunta…dai su non fate le moraliste salutari che diconono che sono degli scemi chi all’uscita dall’ospedale ti indica marche di latte…via via su riprendiamoci

    • Eva Totis 10 maggio, 2016 at 07:55 Rispondi

      Ma vedete di piantarla con queste statistiche..io ho attaccato perfettamente entrambe le mie figlie dall’ospedale, tant’è vero che x entrambe sono stata dimessa al 2° giorno e x entrambe, al 2° mese non c’era piu latte, ho dovuto integrare con l’aggiunta xche la crescita aveva rallentato.Perciò confermo che il latte materno non è sempre buono, e soprattutto non ce sempre.Siete delle fissate paranoiche, le stesse che seguono le linee guida dell’oms e che poi non vaccinano i figli..e soprattutto quelle che considerano le madri che x motivi loro non allattano al seno, meno madri rispetto a voi.

    • Mariano E Andreana Musti 10 maggio, 2016 at 08:21 Rispondi

      La mia esperienza con l’allattamento è durata circa un mese… tenevo la bimba attaccata ma il mio da solo non le bastava, piangeva perché non era sazia ed era nervosissima… Si staccava disperata perché nonostante tirasse per lei era poco… Da subito ho dovuto integrare con l’aggiunta e dopo il biberon si addormentava soddisfatta… Abbiamo passato settimane infernali entrambe, lei nervosa e io ancora di più… Quello poi diventa un circolo vizioso perché la prima regola dell’allattamento è proprio la tranquillità altrimenti ai figli si trasmette solo veleno… Morale della favola: per evitarle ulteriori scompensi sono passata direttamente al biberon e la situazione è nettamente migliorata, sia dal punto di vista della crescita che del suo stato in generale. Stiamo meglio tutte e due, ma io di più a saperla finalmente più tranquilla. Poi è chiaro che l’allattamento al seno è sempre da prediligere rispetto all’artificiale Ma quoto anche chi ha scritto che con tutto lo schifo che mangiamo e respiriamo alla fine non è genuino come quello che abbiamo ricevuto noi in passato…

    • Rita Rega 10 maggio, 2016 at 09:46 Rispondi

      Io ho avuto tantissimo latte ma non ho potuto allattare…2 figli latte artificiale…con la prima l’ho dovuto più volte cambiare in quanto soffriva di stitichezza…il risultato è che la mia prima bambina (nata prematura) non vede l’ombra di un antibiotico da quando aveva 4 anni…il secondo ha 16 mesi frequenta il nido da quando ne aveva 10 e più di un raffreddore o influenza non ha avuto!!! Conosco bambini allattati al seno fino a 2 anni sempre ammalati anche con bronchite! Per carità il latte materno è l’alimento per eccellenza ma se latte non ce n’è o si è impossibilitati ad allattare cosa diamo ai nostri figli? Smettiamola di criticare il latte artificiale e ben venga l’aggiunta se il latte materno è poco…la marca con il secondo l’ho scelta da sola mi avevano consigliato un latte e io ne ho preso un altro!

    • Claudia Cimini 10 maggio, 2016 at 13:38 Rispondi

      Ci sarà sempre chi ti fa sentire mamma di serie B perché non allatti o perché addirittura hai fatto il cesareo . Come si dice ” non ti curar di loro ma guarda e passa” che subito dopo aver partorito sei talmente impegnata a fare film mentali gia da sola che quelli degli altri non servono!

    • Valeria Rega 10 maggio, 2016 at 13:49 Rispondi

      A me sarebbe piaciuto allattare ma ci sono riuscita x più di 2 mesi. Ragadi dolore atroce e sangue era una tortura x i primi 15 gg. Piangevo tutte le donne il dolore era troppo forte. Poi è arrivato il capo parto e li la mia bambina non succhiava x più di 5 mio piangeva. Tutti insistevano dicendo se le dai solo quello vedrai che si adattera macchè!!! Cresciuta in un mese di 100 grammi una miseria. Di mia iniziativa senza sentire nessuno di notte sono andata in farmacia e ho preso un latte artificiale che avevano loro. E subito la bambina si è ripresa come peso e tutto il resto. L istinto di mamma non sbaglia mai. Me ne sono sentita di dire di ogni xke avevo smesso di allattare xke non lo digestiva più.
      Alla fine il pediatra mi disse hai fatto bene, la bambina non è cresciuta!!!
      Quindi ogni bambino nasce col suo cestino e ogni caso e diverso

  2. Floriana Zenobio 9 maggio, 2016 at 19:23 Rispondi

    Ma il pediatra non da consigli valutando la crescita del neonato? Se cresce poco e mamma allatta , per il bene del piccolo consiglia l aggiunta dell artificiale! Ma vedete complotti ovunque?

    • Michela Campagna 9 maggio, 2016 at 20:10 Rispondi

      se cresce poco non e’ dovuto solo al latte ci sono bel altri casi come un semplice scatto di crescita, diverso e’ se e’ sottopeso e non bagna pannolini dai perfavore una non puo dare le giuste informazioni

    • Floriana Zenobio 9 maggio, 2016 at 20:13 Rispondi

      Ok. Ma cmq il pediatra non è la persona più qualificata per dare uno schema di nutrizione e ad un neonato? Indubbiamente i fattori che determinano la crescita di un neonato sono numerosi, ma chi più di lui può dire se è necessario incrementare la sua alimentazione con del latte artificiale? È possibile che si metta in discussione la sua professionalità con il subdolo dubbio che ci sia qualche altra motivazione sotto?

    • Serena Leoni 9 maggio, 2016 at 21:38 Rispondi

      Succede che il latte materno a volte non sia nutriente e il bimbo non cresca.. basta farlo analizzare.. o pesare il bambino dopo le poppate… A mia sorella è successo dopo che all’avanguardia da tre mesi.. Ha dovuto ricorrere a quello artificiale…

  3. Patrizia Mereu 9 maggio, 2016 at 19:48 Rispondi

    Credo che si riferiscano a situazioni in cui nonostante la mamma abbia latte a sufficienza per sfamare il piccolo, questi medici puntino comunque a dare l’aggiunta per loro interesse economico. È ovvio che se una non ha latte o ne ha poco deve per forza procedere con quello artificiale.

  4. Elena 9 maggio, 2016 at 19:55 Rispondi

    Come se il latte artificiale e i vaccini fossero l’unica fonte di sostentamento delle case farmaceutiche… Ah poi chiaramente tutti i pediatri sono plurimilionari corrotti grazie a queste marchette… Come al solito si fa un’ottima pubblicità alle intenzioni dei medici!

  5. Pamela Soana 9 maggio, 2016 at 19:56 Rispondi

    Ma con sta storia del latte materno avete rotto le 🏀🏈🎾⚾️🏉⚽️!! Se davo retta alle “esaltate da latte materno ” mio figlio moriva di fame!ah, tra parentesi ha 20 mesi , è sano, forte, vivace, curioso… È più alto della media ed è cresciuto a L.A. Perché la sottoscritta non aveva latte, ripeto, non aveva latte ( e non dite che il latte c’era perché scatenate un putiferio!!), il bimbo aveva l’ittero molto alto e aveva anche un’infezione (era debole e non era in grado di attaccarsi al seno)…
    Ah il latte artificiale l’ho scelto io. Diffidate dai pediatri che vi dicono la marca da prendere. È stato proprio il mio pediatra a dirmi che non possono

  6. Michela Campagna 9 maggio, 2016 at 20:12 Rispondi

    ESALTATE SIETE VOI… CI SONO MAMME CHE HANNO IL LATTE E I PEDIATRI PRESCRIVONO LO STESSO LATTE ARTIFICIALE PER FAR GUADAGNARE.. UNA NON PUO NEMMENO DARE DELLE INFORAZIONI CHE CI PRENDETE DELLE FANATICA MA CHE MADRI SIETE AD ACCUSARE.. MICA MI ROMPIAMO LE SCATOLE… FIERA DI AVER LOTTATO E ORA MIA FIGLIA E’ STUPENDA.

  7. Giada Ducceschi 9 maggio, 2016 at 20:20 Rispondi

    Il latte materno e meglio di sicuro…però purtroppo non tutte le mamme possono allattare i propri figli quindi crescono cmq anche con quello in polvere….i pediatri cn tutto puntano al commercio!!!! Ti consigliano il latte in polvere x troppo tempo perche dopo una certa eta i bimbi possono bere tranquillamente quello normale.

    • Alessandra Paola Carbone 9 maggio, 2016 at 21:11 Rispondi

      No! É chiaro anche a me il significato di questo articolo. E per carità, giusto imporre delle limitazioni a questo comportamento scorretto di alcuni pediatri. É che a fronte di 100 articoli come questo non ce ne sono altrettanti che denunciano i comportamenti violenti e fanatici di una buona parte imdi ostetriche e puericultrici.

    • Ilaria Liut 9 maggio, 2016 at 21:59 Rispondi

      Io l’articolo l’ho letto in velocità (sto dando il biberon a mia figlia), e dall’articolo io ho recepito che il problema non è tanto il pediatra che suggerisce di dare l’aggiunta (cosa inutile nei 3 quarti dei casi, io ho dovuto dare artificiale perché mia figlia era ricoverata in Tin 2 mesi e mezzo e spesso non me la lasciavano allattare e quindi l’ho perso. Sicuramente la colpa è mia che non ho insistito abbastanza, e se potessi tornare indietro lotterie 10 volte di più per allattare). Comunque secondo me l’articolo condanna il fatto che i pediatri ti consigliano quella determinata marca, quasi sicuramente perché vengono incentivati (per non dire proprio pagati) a farlo. Mia figlia l’hanno dimessa con mellin 1 e io da brava caprona subito a prenderlo (17 euro!!!!!). Dopo sono tornata a usare il cervello, e ho capito che se continuavo con il mellin finivo sul lastrico, quindi sono passata a neolatte (il più economico in Italia a 10 euro) e quando ne avevo la possibilità baby love in Slovenia (meno di 5 euro, quindi meno di 1 terzo del mellin). Quest’ultimo tra le altre rientra tra i migliori artificiali. Comunque secondo me andrebbero radiati dall’albo tutti sti medici che si vendono così facilmente a case farmaceutiche e marchi…

  8. Sara Grancia 9 maggio, 2016 at 20:23 Rispondi

    Il mio pediatra non mi ha mai consigliato il latte in polvere anzi. Ma a mio figlio lo dovuto fare il latte in polvere per forza ad un mese è mezzo adesso ha quasi un’anno e neve il latte vacini da quando ne ha sei è sano come un pesce è pesa 10 kg

  9. Valentina Raco 9 maggio, 2016 at 20:56 Rispondi

    Ma bastaaaaaaa!!la solita storia della mamme di serie A e madri di serie B. Sono stata io a chiedere al mio pediatra di consigliarmi un latte arrificiale perché il mio bambino,(nato di 4,320) mangiava come se non ci fosse un domani e tra continui allattamenti e anche tirandomelo non lo saziavo mai! Ora mamme perfette,dite che me lo toglieranno il bimbo per questo,o era meglio farlo piangere per la fame all infinito?

    • Aurora Garofalo 9 maggio, 2016 at 22:14 Rispondi

      Ragazze ma quando i bimbi sono neonati non cercano di continuo il seno solo perché hanno fame! Il contatto, la coccola, l’odore della mamma…. Il neonato ha bisogno di questo, non dite cavolate che non si sazia con il latte materno! Anzi, è anche più digeribile ed è per questo che magari il bimbo ha fame prima rispetto al latte artificiale! Nessuno condanna chi non sceglie di allattare, ma informatevi bene prima di dire certe cose, i bambini si fanno per crescerli, con amore e sacrifici. Io non ho mia madre vicina, e nonostante sono stata sola con mio marito a crescere mia figlia non ho rinunciato ad allattarla, e ancora lo faccio a 13 mesi, anche se questo vuol dire perdere molto più tempo rispetto ad una poppata da biberon! Sono scelte, non esistono mamme di serie A o B, semplicemente scelte su come voler nutrire il proprio bimbo. Punto.

    • Cristina Pirrone 10 maggio, 2016 at 00:18 Rispondi

      Scusa Aurora tu dici che nessuno condanna chi non sceglie di allattare (e tra l’altro il più delle volte penso che le mamme che passano al latte artificiale – me compresa – lo facciano non per scelta ma per necessità) ma poi dici che i bambini si fanno per crescerli con sacrifici…quindi secondo te chi è passato al biberon fa meno sacrifici? Ma per piacere! non pensi che sia un sacrificio anche dover rinunciare all’allattamento al seno dopo averle provate tutte e con la grande frustrazione causata soprattutto da chi pensa che una mamma che non allatta sia più pigra di una che lo fa??

    • Reby Valerio Bechelli 10 maggio, 2016 at 02:11 Rispondi

      Cristina Pirrone BRAVA SANTE PAROLE! no ma noi siamo agevolate secondo loro perche il biberon lo da chiunque ma non anno capito che quella come la tetta è un momento privato e se poi si vuol far dare dal babbo ben venga cosi crea un legame pure con lui! ma queste che escono la tetta sono il dio in terra e come se un ci fosse un domani giudicano ovviamente ahhahaha a me mi fa ridere il fatto che loro facciano sacrifici e siccome chi da il bielberon si gratta le palle ma vattene sai dove? Aurora Garofalo!!! 1 mia figlia non cresceva 2 il mio latte la intossicava e si riempiva di macchie e bubboni 3 ho preferito la sua salute ed è sanissima che essere una malata di testa che insiste fino allo sfinimento io sono del parere che se ti viene ti viene senno pace! è una cosa naturale e non va forzata dai su sacrifici togliti dalle palle

    • Valentina Raco 10 maggio, 2016 at 02:25 Rispondi

      E non ci sarebbero madri di serie Ae madri di serie B…peccato che poi ti contraddici parlando di sacrifici,della facilità nell uso del biberon….ecc…ogni madre porta il suo fagotto di sacrifici e ogni madre ama e cresce suo figlio a suo modo. Io mio figlio lo coccolo sempre,mi cerca e ci abbracciamo,anche senza il seno. E magari boh,non mi sarò informata quanto ti sei informata tu,ma sai,sono una ragazza madre e la mia gravidanza è stata un tantino inaspettata,ma c è la metto tutta e non penso di crescerlo con meno amore o sacrifici di altre.

    • Dolce Stella 10 maggio, 2016 at 09:33 Rispondi

      Il mio piccolo dal secondo mese di vita ha dovuto prendere il latte artificiale per vari motivi che non sto qui a spiegare alle mamma che si sentono delle gran mamme solo perché danno il proprio latte e magari sono anche più esaurite di noi che diamo L.A,io sono una gran mamma,il mio piccolo ha tutte le cure e l’amore di cui ha bisogno è proprio per farlo crescere bene e forte gli do il latte artificiale e mio marito è cresciuto con il latte artificiale sarà un alieno??ahah parlate meno a vanvera che i problemi seri del mondo sono altri ciao e grazie da una mamma sempre con il sorriso che non inveisce sulle altre solo per sfogare le proprie frustrazioni!

    • Daniela Marcianò 10 maggio, 2016 at 11:34 Rispondi

      Reby Valerio Bechelli ma se è andata così e se è stata la cosa migliore per tuo figlio perché tutta questa rabbia?
      Il tuo discorso è diverso.
      Aurora ha solo risposto a un commento in cui si diceva che il bimbo non si saziava mai e voleva stare sempre attaccato. Ed effettivamente lì c’è da ridire. A pochi mesi sopratutto vogliono spesso stare sempre attaccati per varie motivazioni e non perché continuano ad aver fame ed il latte non è nutriente.
      Poi i casi particolari come il tuo esistono e non bisogna condannare assolutamente una mamma che comunque ce la mette tutta! Tetta o non tetta!

  10. Isabella Bejaoui 9 maggio, 2016 at 21:14 Rispondi

    Scusate ma non vedo il problema. Secondo me il latte c’è (quasi) sempre, è rarissimo che una donna sana e senza problemi non riesca a produrre latte.. e un po’ come se io dicessi che non riesco a produrre sudore! Assurdo. Poi resta il fatto che ogni mamma fa la sua scelta e decide quale latte dare, però è ovvio che se magari i primi tempi avevate poco latte (cosa normale perché all’inizio il latte prodotto è poco) e siete passate all’artificiale il latte sarà sicuramente andato via. Purtroppo per l’allattamento al seno ci vuole molta pazienza e molto tempo perché non è automatico. Molte donne si spaventano, preoccupate, è passano subito all’artificiale. Ma non funziona così, bisogna tentare e avere moltissima pazienza.

    • Ana Maria Ion 9 maggio, 2016 at 22:16 Rispondi

      Brava. A mia figlia mancava un etto dal peso iniziale nelle prime due settimane e l’ostetrica panico! Vai e dagli l’aggiunta di artificiale addirittura mi mandava al pronto soccorso per chiedere al pediatra di turno che marca comprare. Non gli ho dato retta e ho continuato ad attaccare la mia bimba al seno. Adesso ha 5 mesi ed è gigantesca. Prendeva 1kg al mese. Nutrita con Solo latte materno è da due giorni ho iniziato con la frutta. E nel primo mese di vita aveva fatto anche un po di ittero e a me mi erano venute anche le ragadi xke avevo attaccato male la bimba. Che dire bisogna avere pazienza e voglia.

    • Gaia Covelli 11 maggio, 2016 at 03:01 Rispondi

      ragazze io tenevo mia figlia attaccata anche un’ora ma dopo 2 settimane niente uscivano solo poche gocce….che dovevo fare? lasciarla morire di fame? senza considerare che è uscita dall’ospedale con 400gr in meno!

      una mia amica allattava solo al seno…in un mese la bimba non ha preso un etto!

    • Isabella Bejaoui 11 maggio, 2016 at 10:11 Rispondi

      Gaia Covelli il mio è un discorso generale, nel senso che gli studi hanno dimostrato che solo un 2-3% delle puerpere non hanno per vari motivi il latte… tutte le altre ne hanno facoltà.. E quindi se su 100 mamme 50 dicono che non avevano latte c’è qualcosa di strano, statisticamente parlando… poi ovviamente ogni caso fa per sé.. in alcuni casi ovviamente il latte artificiale è una soluzione obbligata! Personalmente non ho nulla contro il latte artificiale (io stessa sono stata nutrita con quello è mi ritengo sana e forte) solo che bisogna essere sinceri e dire che molte mamme abbandonano la poppa per mancanza di aiuti o perché semplicemente si trovano meglio con il latte artificiale (che diciamocelo, è molto più comodo per alcuni versi) e non perché davvero non ci sia latte.. poi ripeto ogni caso e’ a sé e ovviamente non giudico caso per caso. Detto questo, sembra che alcune mamme che sono passate all’artificiale abbiano qualche senso di “inferiorità” – passatemi il termine – perché quando vengono pubblicati articoli del genere scattano subito come felino nel ricordare al mondo intero che loro non sono mamme di serie B… il problema è che io, è credo quasi tutte le mamme che allattano, non ci consideriamo superiori affatto.. per questo dico che secondo me non è tanto in problema di latte, ma di come si affronta tutta la situazione, e un aiuto potrebbe essere più utile che non passare direttamente all’artificiale.

  11. Valeria Nicole 9 maggio, 2016 at 21:54 Rispondi

    Se avreste i miei problemi e sareste costrette a fare punture di antibiotico vorrei vedere voi se dareste il latte artificiale….la mia pediatra è contro ma nel mio caso è stata costretta a prescrvermelo e io costretta a darlo e solo io só come sono stata per non aver potuto allattare mia figlia….forse a volte volte non vi rendete conto che potete ferire le mamme che avrebbero voluto allattare più di qualsiasi altra cosa al mondo

    • Laura Oldani 10 maggio, 2016 at 16:47 Rispondi

      Prima di insultare informati e cerca di capire di cosa si parla. Non si parla di mamme che allattano che criticano mamme che non allattano ma di medici che senza apparenti motivi spingono a passare a alcuni tipi di latte artificiale. Piano con le parole dai…siamo tutte mamme. E tutte sbagliamo per amore.

    • Sara Cendaroni 11 maggio, 2016 at 07:02 Rispondi

      Cara Laura premesso che esprimo il mio parere come e quando voglio ed il mio commento se leggi è rivolto in generale a questo estremismo folle e centinaia di articoli dove si parla di latte materno contro il latte artificiale e da qui tutto quello che ne consegue . Spingere e stressare forzamente l’allattamento in modo naturale fino a portare mamme che non lo riescono a fare all’esaurimento nervoso in un momento della vita così delicato, è forse peggio rispetto a medici che propongo un latte artificiale piuttosto che un altro. Hai mai ascoltato, parlato e/o confrontato in modo vero e profondo senza retaggi, con madri che sono stressate sfinite angosciate dal latte materno che è poco , da dolori quali ragadi mastiti , da esaurimento per un cambio di corpo e metabolismo che non risponde? Io ho raccolto più testimonianze di questo tipo e vissuto in prima persona il passaggio al latte artificiale dopo 2 mesi. Ringrazio ancora il mio pediatra che mi ha sollevato moralmente e psicologicamente da quello che non è un limite. Mi ha suggerito un latte artificiale e lo ringrazio e non per questo penso che faccia marchette per un marca o per un’ altra .

  12. Ana Maria Ion 9 maggio, 2016 at 22:29 Rispondi

    Ma guarda caso 80% delle donne non hanno latte e siamo nel 2016!!! Ma stiamo scherzando!?!?!? È facile dire non ho il latte quando c’è di mezzo la comodità!Che tristezza 🙄😔 ovviamente non me la prendo con le mamme che x vari motivi di salute non riuscivano ad allattare

    • Alessandra Di Lauro 9 maggio, 2016 at 23:39 Rispondi

      Guarda Cara che questa cosa che tutte le donne possono allattare sia una cavolata , perché non è così . Questo tuo giudizio sinceramente mi sembra molto limitato , che vuoi fare da qualche parte del mondo esiste anche una madre perfetta come te … Che devo dire ce ne faremo una ragione !!! Ma fammi il piacere e io ci andrei piano a giudicare le persone senza sapere la loro storia … Ma tu guarda !!!

    • Ana Maria Ion 10 maggio, 2016 at 00:09 Rispondi

      Alessandra Di Lauro leggi meglio quello che ho scritto. Io non sono una madre perfetta nessuna lo è. Ogni una di noi è libera di fare cioè che crede che sia meglio x i suoi figli ovviamente senza rompere a nessuno. È vero che nel 2016 maggior parte delle donne non hanno voglia di allattare e non hanno neanche voglia di informarsi. Cmq io non giudico le donne che x vari motivi di salute non riescono ad allattare ma soltanto quelle che se la prendono con le mamme che usano il seno dicendo che siamo delle esaltate di tetta ecc.

    • Ana Maria Ion 10 maggio, 2016 at 00:16 Rispondi

      E io cmq non penso di averti offesa dicendoti che hai un pensiero limitato. Io nel mio limitato modo di pensare ho preferito mangiare sano e nutrire mia figlia al seno. Tu fai quello che ti pare. Ogni uno è libero di dire la sua. Siamo ancora liberi di dire cioè che pensiamo.

    • Alessandra Di Lauro 10 maggio, 2016 at 01:18 Rispondi

      Sinceramente tutte queste mamme che non vogliono allattare le vedo solo te.. Se non lo fanno è sempre per un motivo e non perché non hanno voglia . Te non è che dici quello che pensi , te giudichi , è diverso …

    • Alexandra Papp 10 maggio, 2016 at 03:55 Rispondi

      Ma che comodità???? Quando allatti al seno devi solo prendere il bimbo ed attaccarlo subito, puoi stare distesa anche tu mentre lui mangia la notte e riposi. Con artificale devi pulire i biberon, sterilizzarli, bollire acqua, controllare la temperatura più volte, mettere il bibe sotto l’acqua corrente e la cosa peggiore che devi sentire urlare tuo figlio che piange dal fame e non puoi fare nulla, deve aspettare finché il latte non scende ai 35-37 gradi….Io non vedo la comodità con artificale scusami!!! E ti dico che ho combattuto 1 mese e mezze a riuscire ad allattare piangeva sempre il bimbo ed anche Io. Ho i problemi con i capezzoli che sono piatti, piccoli e stanno guardando dentro non verso fuori……

    • Ana Maria Ion 10 maggio, 2016 at 08:03 Rispondi

      Il biberon lo prepari in massimo 10 minuti e il bimbo lo mangia più o meno in 10 min. Al seno delle volte stai anche un ora e non è vero che riposi. Cmq esiste l’attrezzo per tirare i capezzoli,anche i miei stano sempre dentro. E poi alla di esse produci poco latte c’è il tiralatte che stimola il seno lo puoi usare dioiche attacchi il bimbo ecc

    • Ana Maria Ion 10 maggio, 2016 at 08:11 Rispondi

      Cmq se una vuole allattare lo fa salve eccezione per via della salute. Ovviamente allattare al seno può essere molto impegnativo e molte mollano per comodità. Io non condanno nessuno solo che mi fa ridere che maggior parte delle donne subito a dire ma se non ho latte faccio morire il bimbo di fame? 🙄

    • Alexandra Papp 10 maggio, 2016 at 08:37 Rispondi

      Puoi venire tranquillamente a vedere quanti attrezzi ho usato a favorire l’allattamento!!! Non devi spiegarmi come è possibile favorire la produzione del latte o che attrezzi dovrei usare, perché sono un’assistente sanitaria. Tu sei una che giudica e non sei rispettosa per le altre persone. L’allattamento non è facile per tutte, tu dovresti essere contenta che sei riuscita a fare, ma non dovresti giudicare gli altri, perché non conosci la situazione. Punto

      P.s. In quel 10 minuti mentre prepariamo il biberon i nostri bambini urlano per fame e non puoi sapere quanto fa male sentire quel pianto ogni giorno più volte e come ti fa sentire in colpa per settimane/mesi.

    • Laura Oldani 10 maggio, 2016 at 16:41 Rispondi

      Dire che allattare al seno è comodo rispetto al latte artificiale è proprio qualcosa di sbagliato. Assolutamente! Non è più comodo o più facile. E non basta attaccare il bambino e poi via si riposa. Niente di più limitato è sbagliato i questo pensiero mi spiace

    • Alessandra Colombi 10 maggio, 2016 at 21:44 Rispondi

      W il biberon! !!!! Mai allattato e non per paura che le tette mi si ammosciavano o perché non avevo latte. Non me la sentivo. Punto . Ho 4 splendidi figli. Di notte han sempre dormito da 3 mesi . Dosavo la quantità di latte e poteva darlo pure il papà . …se tornassi indietro lo rifarei. Non mi sento affatto una mamma di serie b….

    • Gabriele Boschi 10 maggio, 2016 at 21:52 Rispondi

      Brava Alessandra..mia moglie non aveva latte,la crocifiggevano con il tiralatte,la doppia pesata e intanto il bimbo si sgolava che si innervosiva e aveva fame..poi ci siamo decisi,Pantolac e biberon..come dici tu,anche io papà collaboravo..mio figlio e’ un torello,libero e spedito e adora la sua mamma..se arrivasse il secondo partirei subito con l’artificiale!

  13. Sabrina Gargini 9 maggio, 2016 at 22:48 Rispondi

    L’allattamento al seno richiede sacrificio e dedizione e se una donna lo deve vivere male o purtroppo non ha latte a sufficienza per il proprio piccolo è ovvio che deve essere consigliato il latte artificiale però secondo il mio parere non è una fissa quello di stimolare la donna in tutti i modi ad allattare al seno. Il latte di mamma è un alimento perfetto!!! Io ho due bambine la prima sono riuscita a darle il mio latte solo per 4 mesi per colpa di un pediatra che mi disse che un mese era cresciuta troppo poco e le avevo fatto patire la fame ed io presa dai sensi di colpa le ho dato il latte artificiale… la seconda che ora ha 6 mesi che ha preso solo il mio latte fino ad ora ed è una bambinona sanissima!!!

  14. Giusy Petrillo 9 maggio, 2016 at 22:59 Rispondi

    Mia figlia col mio latte non si saziava e mi piangeva in continuazione la lasciavo morire?? Sono andata col latte artificiale ed è sana e forte ed è ancora qua!! Mia mamma da quando sono nata non mi a dato proprio il seno e sono comunque cresciuta con l artificiale !!

  15. Consuelo Trovò 9 maggio, 2016 at 23:02 Rispondi

    Solo io ho beccato la pediatra fanatica del latte materno che nn voleva prescrivermi quello artificiale,nonostante il mio bimbo soffrisse di un forte reflusso gastrico😠 due mesi di sofferenze…poi è bastato prendere un qualsiasi LA antireflusso e la situazione si è capovolta.

  16. Sara Fratto 9 maggio, 2016 at 23:15 Rispondi

    Da neomamma posso dire che sono favorevole all’allestimento materno se vissuto con serenità, ma mi pare che si stia esagerando come se chi non allatta sia egoista ecc..io posso creare il legame con mia figlia anche in altri modi e ognuno fa come si sente. Se in passato è stata fatta una campagna mediatica pro latte artificiale. Ora si vive il caso opposto. E i fanatismi in generale non mi piacciono

  17. Viviana Russo 9 maggio, 2016 at 23:47 Rispondi

    Naturalmente se una donna nn ha la montata o nn può allattare x problemi di salute è giustificato il latte arificiale.
    Anche qualora una donna lo scegliesse liberamente.
    Ciò che nn va bene è la pubblicità da parte dei pediatri verso alcune aziende…se avessi ascoltato il pediatra dell’ospedale io avrei dovuto dare aggiunta già dopo la prima settimana!!!
    Assolutamente no!!! Ora mia figlia ha 22 mesi allatta ancora scoppia di salute cresce al di sopra della media sanissima mangia tutto ma beve ancora solo il mio latte!!!
    Sono una mamma di serie A si!!! Tutte le donne che scelgono il meglio x i propri figli lo sono!!! Tutte voi lo siete!!!

  18. Francesca Corallo 10 maggio, 2016 at 00:05 Rispondi

    Anche a me è successo invece di dirmi attaccalo sempre e di più mi ha detto :è disidratato dagli subito l artificiale e da li mio marito e sua madre hanno cominciato a dirmene di tutti i colori e n giro di tre mesi con poca suzione il latte si è asciugato

  19. Santo E Francy Modarelli 10 maggio, 2016 at 01:40 Rispondi

    Ma si mamme …pensatela come volete e chiaramente agite di conseguenza con i vostri figli. ..chiaro è che il latte materno è un toccasano per il bambino è su questo non esiste LA che tenga!…e comunque chi la dura la vince! Tranne in gravi casi di salute mamma /figlio

  20. Isy Capone 10 maggio, 2016 at 02:08 Rispondi

    Chiaramente se ho latte, il bimbo cresce e tutto è ok e il pediatra mi consiglia il latte artificiale allora qualcosa non va. Ma mi pare un caso limite. Diversamente è più che normale che un pediatra consigli l’artificiale.

  21. Lua Brivio 10 maggio, 2016 at 07:10 Rispondi

    Non c’è latte artificiale che tenga il paragone col latte materno, che è un alimento vivo e si modifica nel corso della giornata e dei mesi a seconda delle esigenze del bambino, fornendo anche tutto l’insieme di anticorpi..
    Purtroppo allattare è difficile e se il bimbo si attacca male anche doloroso… Richiede impegno no stop e dedizione totale… Ed è vero che i pediatri parlano di aggiunta e marche spesso in maniera affrettata, perché dopotutto per loro è più facile monitorare un bimbo allattato artificialmente.
    Ciò non toglie che a parte il discorso sul non avere latte, molte donne non riescono ad allattare (per un motivo o per l’altro) e per fortuna in quei casi accorre l’artificiale là dove un tempo c’erano le balie… L’unica cosa che mi fa veramente tristezza è chi non allatta “per scelta” e non per problemi insorti. Cioè “per scelta” decidi di non fornire un sistema immunitario decente a tuo figlio? Perché almeno dorme 4/5 ore di fila anziché mezz’ora? Questa cosa non la capirò mai.
    Poi fortunatamente esistono le aggiunte per chi ha poco latte e i biberon per chi ha qualsiasi altro problema fisico che impedisce l’allattamento.
    Io all’allattamento ci ho tenuto tantissimo, e non nego che fosse stato per il pediatra sarei da un pezzo passata al latte in polvere. Grazie al cielo l’ospedale mi ha aiutata a perseverare, e anche nella fortuna di chi si incontra c’è la possibilità di fare una scelta consapevole.
    Quando mi capita di dare l’aggiunta la sera perché ho avuto un calo dopo il primo mese e mezzo, dormo poi con un occhio aperto sapendo quanto il latte artificiale aumenti il rischio di sids, essendo dieci volte più impegnativo da digerire del latte materno… Quindi continuo a non capire come si possa decidere di non allattare al di fuori dei casi in cui ci sono problemi fisici o di crescita del bambino. Davvero non capisco.

  22. Valeria Amatucci 10 maggio, 2016 at 07:24 Rispondi

    Io non ho potuto allattare la mia bambina xchè non avevo latte…. mi sono affidata ai consigli di mia madre e fin da piccola ho usato il latte della centrale…. risultato… mia figlia cresce benissimo e la pediatra nemmeno se ne è accorta… io personalmente di spendere 30 euro a settimana per il latte in polvere non ci penso proprio… quando eravamo piccole noi non c erano tutte queste cose artificiali… eppure sono cresciuta sana come un pesca

  23. Lorena Gatto 10 maggio, 2016 at 07:41 Rispondi

    Mi dispiace per voi, io ho allattato e per fortuna non ho dato retta alla mia pediatra che voleva l’integrazione senza motivo… Mia figlia cresceva benissimo con il mio LATTE

  24. Danila Scandurra 10 maggio, 2016 at 07:55 Rispondi

    Suzione = Latte. Tutto il resto sono fandonie. O alibi. O errori dovuti a consigli sbagliati, dettati da interessi economici o ignoranza. La razza umana è sopravvissuta millenni esclusivamente grazie al latte materno. Madre natura non fa nulla a caso, o contro se stesso. L’uomo si.

  25. Monica Simone 10 maggio, 2016 at 11:09 Rispondi

    Questi articoli sono proprio inutili….ma se una mamma nn ha abbastanza latte che fa???lascia morire di fame il bimbo….ma per favore smettiamola…il latte artificiale nn e’veleno !!sempre questi soliti cliche’….

  26. Ambra Farigu 10 maggio, 2016 at 11:30 Rispondi

    Io ho letto solo qualche commento e in molti ho intuito la sofferenza di mamme che, x consigli sbagliati, non hanno allattato come desideravano. Mi dispiace xk molte volte lo stesso personale sanitario è poco informato o aggiornato, ma anche le altre mamme e i parenti fanno terrorismo psicologico non sapendo nulla di allattamento materno e fisiologia. Io ho avuto la fortuna di partorire in un ospedale amico del bambino, di conoscere la leche league e partecipare ai loro incontri (gratuiti proprio x favorire una corretta informazione) e da sola mi sono informata e non mi sono mai fermata ad un primo parere. Sono 15 mesi che allatto grazie alle giuste info, a tanta dedizione e tanti vaff*** per chi pretende di dare informazioni errate e dirmi come fare la madre.

  27. Valentina Bertazzo 10 maggio, 2016 at 11:54 Rispondi

    Contentissima di aver dato il latte in polvere… Io non ho potuto all’attare per via di medicine che dovevo assumere! I miei bimbi sono cresciuti forti, con la pancia sempre piena, zero coliche e sopratutto nanna tutta la notte! Per me è stata una manna dal cielo.., e sinceramente lo consiglio a chi non ha tempo e “voglia” di impazzire al : chissà se ha mangiato abbastanza!!!!

  28. Laura Oldani 10 maggio, 2016 at 16:33 Rispondi

    Prima di scaldarvi ragionate bene. Si parla di pediatri che consigliano e spingono le mamme che hanno un allattamento regolare e ben avviato a integrare o passare all’artificiale. Spesso indicando la marca di latte. E credetemi ce ne sono di pediatri così. Non è questione di vedere complotti. Alcune volte la realtà è simile ai complotti. Tutto qui. Quanta cattiveria però…

  29. Melissa Orlandi 11 maggio, 2016 at 07:48 Rispondi

    Se uno il latte non ce l ha cosa si fa adottiamo una mucca?non avere latte non significa non essere mamma anzi come prima più di prima e anche con più aagrificio sempre e comunque e sei comunque a disposizione h 24 per cui non colpevolizziamo sempre i pediatri o bambini hanno bisogno di crescere sereni e tranquilli so io cosa ho passato tirar latte ogni due ore per le mie gemelline per quasi un mese ma non ho risolto nulla il latte non c era ma sono belle sane e forti 8mesi per 9kg d amore con latte artificiale

  30. Maria Grazia Sapia 13 maggio, 2016 at 17:38 Rispondi

    Sono una pediatra di famiglia e mi sento ferita nell’animo da parole così offensive scritte su questo blog nei confronti della mia categoria. Noi viviamo e lavoriamo solo per il benessere totale dei nostri piccoli assistiti. La promozione all’allattamento materno fa parte del nostro Dna professionale . Non è ammissibile scrivere ” diffidate del vostro pediatra……” , a.trimenti bisognerebbe diffidare sempre. Il pediatra, in maniera coscienziosa, può indicare alla mamma l’allattamento “artificiale” solo e unicamente quando il bambino non prende peso perché c’è un violento calo del latte materno. Non prescrive certo alimenti dannosi! Per quanto “artificiale ” sia, è sempre latte controllato ,calibrato nei suoi componenti utili alla crescita del bambino. Se mi date i nomi dei Pediatri che spingono all’allattamento artificiale nonostante la mamma sia dotata di latte ( tranne i casi di gravi patologie materne dannose per se e per il figlio) sarò io la prima a denunciarlo a tutti i livelli. Stiamo attenti prima di lanciare accuse infamanti che sminuiscono la fiducia che le mamme DEVONO avere nei confronti del proprio pediatra, affinché possano crescere i figli nell’armonia tra spirito e corpo, tra salute mentale e fisica, perché stanno crescendo il loro futuro !
    Graziella Sapia

Lascia un commento