Perchè e come proteggere la pelle dei bambini in primavera

proteggere la pelle bambini primavera

Con l’arrivo della bella stagione arriva anche il momento di proteggere la pelle, soprattutto quella dei più piccoli. I bambini, infatti, hanno una pelle molto delicata che non bisogna salvaguardare soltanto quando si è al mare in spiaggia.

La pelle dei bambini va protetta già in primavera, subito dopo aver levato maglioni di lana e sciarpe.

L’importanza di preparare la pelle dei bambini al sole

La pelle dei bambini va preparata ai raggi solari. In che modo? I genitori devono essere consapevoli che avere piccoli attenzioni quotidiane aiuta a prevenire problemi nel lungo periodo.

Senza allarmare la mamma più protettiva, non è necessario spargere di crema il bambino utilizzando una protezione totale solo per uscire a fare una passeggiata. È consigliato, però, iniziare già dalla primavera a proteggere la pelle con una crema adatta, che crei una base per l’esposizione più alta dell’estate.

Le piccole accortezze fanno la differenza, aiutano a vivere più sereni e a evitare eritemi o problemi all’epidermide.

Consigli per proteggere la pelle dei bimbi in primavera

Seguire alcune regole semplici e quotidiane preparerà la pelle del bambino al grande caldo di luglio e agosto. Ecco alcuni consigli per cominciare da ora:

  • Utilizzare già dalla primavera la crema con protezione 30. È importante farlo prima di uscire di casa almeno un quarto d’ora pre-esposizione al sole, in modo tale che si assorba bene
  • Tenere i bambini riguardati durante le ore più calde. Il caldo di aprile/maggio, intorno e dopo le 12 può disturbare la pelle anche se non siamo in estate inoltrata
  • Durante le giornate calde più calde fare uscire i bimbi con un cappello. Questo accorgimento è utile soprattutto se i bambini devono andare al parco giochi o devono giocare all’aria aperta.

Sembrano accorgimenti semplici, ma pensarci da ora che si avvicina maggio è la soluzione migliore per proteggere la pelle dei bambini.

Prevenire è meglio che curare, giusto?

Lascia un commento