Si rifà il trucco durante il travaglio: coraggiosa o esibizionista?

make-up-travaglio

Per la giovane newyorkese Alaha essere una make up artist non è un semplice mestiere, ma un vero e proprio modo di essere. Basti pensare che questa artista del trucco ha deciso di avere un aspetto impeccabile e raggiante anche durante le ore del travaglio, che generalmente le donne vivono con incredibile ansia e dolore.

Proprio così, Alaha non ha rinunciato a regalarsi un make up a regola d’arte, in grado di esaltare i suoi delicati tratti somatici.

È stata immortalata, infatti, nella sala dell’ospedale con una ricca palette di ombretti mentre era intenta a darsi una “rinfrescatina”. L’immagine della bella partoriente ventisettenne, pubblicata su Instagram, è diventata immediatamente virale ed è stata accompagnata dal seguente commento:Vi consiglio di fare lo stesso! Non dovete apparire tristi durante il travaglio, fate qualcosa che amate! Se il vostro medico è d'accordo, mettetevi il fondotinta e godetevi la giornata!”

La reazione delle altre mamme

Ovviamente i commenti negativi da parte delle colleghe mamme non sono tardati ad arrivare, al fine di sottolineare il fatto che il suo scatto sia molto poco rappresentativo di cosa sia in realtà il travaglio. Una di loro, ad esempio, ha scritto: “Come le è saltato in mente di truccarsi durante il travaglio? Io non riuscivo a tenere neanche il mascara".

C’è da chiedersi: dietro questo gesto si nasconde, forse, il desiderio di diventare una star del web?

118 comments

    • Antonella Catania 18 marzo, 2016 at 11:35 Rispondi

      Perché tutto questo astio? Il fatto che tu,io e molte altre siamo impazzite per il dolore,non deve essere un motivo per far patire tutte le donne. È stata fortunata e ha passato il tempo così, io invece stavo in piedi e roteavo il bacino su suggerimento della mia ginecologa,a ognuna il suo, ma augurare sofferenza ad altri,è davvero una cosa crudele.

    • Emanuela D'apote 18 marzo, 2016 at 12:59 Rispondi

      Perche’ quando una persona esprime il proprio commento ci deve essere sempre la critica vista con cattuveria…io nn ho augurato male a nessuno…sn dolori forti lancinanti…nn ho sentito mai una mamma che ha partorito dicendo che nn ha sofferto…e’ una cosa naturale…ma pensare di truccarsi mentre hai le doglie questo vedo innaturale

  1. Valentina Orsucci 18 marzo, 2016 at 11:29 Rispondi

    Perché ha fatto benissimo se si sentiva! Almeno era bella! Io all inzio mi ero truccata! Poi con le contrazioni insopportabili e continue me ne sono dimenticata. Non sarei stata in grado di avere la mano ferma!

  2. Saro Sara 18 marzo, 2016 at 11:57 Rispondi

    Ma non esiste proprio secondo me aveva fatto l’epidurale ..io non sopportavo nemmeno la camicia da notte addosso…i dolori sono fortissimi io mi sistemavo dopo aver partorito

  3. Chiara Quarantiello 18 marzo, 2016 at 12:04 Rispondi

    Ha fatto bene se è quello che la distraeva dal dolore perché no? Tutti bravi a giudicare ma ognuno gestisce il dolore come può almeno il suo pupo vede subito una bella mammina che male c’è almeno non sembra una strega come lo ero io😂😂😂

  4. Iveta Cicmancova 18 marzo, 2016 at 12:26 Rispondi

    Si è portata un arsenale ahaha che roba… Cmq perche no se la distrae magari il travaglio è durato un’eternità e sicuramente l’ha fatto all unizio e non durante il travaglio attivo

  5. Veronica Rigotto 18 marzo, 2016 at 13:26 Rispondi

    Ma smettetela di fare le vittime ha fatto bene anzi benissimo….avere le contrazioni è normale e avere dolore pure cosa pensavate che fosse tutto facile??? Quando si vuole la bicicletta si pedala!!! Io sono incinta partoriró a settembre e mi porto il telefono con delle musiche che mi piacciono se il dolore sarà troppo forte mi metto a ballare….sicuramente!!!! Non ho nessuna intenzione di stare ferma come una larva a compiangermi addosso per il male o a concentrarmi su di esso…ha fatto bene a distrarsi e se ce l’ha fatta tanto di cappello!!! Cosa doveva fare urlare come una forsennata manco la stessero uccidendo ma non fatemi ridere dai!!! Sempre le solite perfettine rompi coglioni…

    • Veronica Rigotto 18 marzo, 2016 at 15:06 Rispondi

      Non ho detto che è semplice ho detto che è naturale molto diverso….non ho il carttere che si abbatte o che ha paura di qualcosa….mi sono rotta la clavicola mi sono alzata e ho provveduto a farmi aiutare ma non ho mosso ciglio….ovviamente non sono situazioni paragonabili…quando partoriró vedrò ma sicuramente non mi metterò a fare certe scene…ho le palle e prendo le situazioni di petto…

    • Giusy Barbagallo Mbengue 18 marzo, 2016 at 15:59 Rispondi

      Io sono rimasta in silenzio anche se con dolori lancinanti e contrazioni per 24 ore.. Per finire con un cesareo d’urgenza e distrutta, senza piu’ forze .. Sudavo disperata durante le contrazioni per avere un freddo e tremare tutta subito dopo. Sinceramente, Il mio ultimo pensiero era truccarmi in quelle ultime ore. Beata lei che c’e’ riuscita ( anche se dubito che si trovasse a pochissime ore dal parto)..ma in ospedale non ho visto nessuna che negli attimi clou si divertiva o aveva il tempo di pensare a sistemarsi.. Se non prima di andare in ospedale . In quei momenti a parte il dolore speri solo che tua figlia possa nascere in salute e che tutto possa andare bene e prima possibile. Prima prova certe cose e poi potrai dire o criticare.. Anche ad essere persone positive e attive Non e’ una passeggiata. Auguri

    • Veronica Rigotto 18 marzo, 2016 at 17:49 Rispondi

      Il cesareo è una situazione completamente differente da un parto naturale….e la ragazza in questione non mi sembra imminente a un parto cesareo…non credo nemmeno ci sia il tempo di farle certe cose in una situazione simile…per quanto riguarda il provarle…be ognuna ha i suoi limiti la sua soglia del dolore e il suo modo di affrontare la situazione….e continuo a pensarla esattamente come ho scritto…

    • Veronica Rigotto 18 marzo, 2016 at 21:15 Rispondi

      ma poi fatemi capire una cosa vi da cosi tanto fastidio che ci siano persone che la prendono in modo diverso dal vostro??? non so sembra che se voi avete penato le pene dell’inferno allora tutte debbano soffrire o non sopportare il dolore talmente tanto da rasentare il suicidio….se parlo così e la prendo così è perchè sto facendo un percorso con il mio gine e la mia ostetrica…che non vi sto a spiegare perchè non ho voglia di perdere tempo….finalizzato a vivere il parto in modo differente…

    • Francesca Zorzi 18 marzo, 2016 at 21:20 Rispondi

      Io ero come te ma in 3 ore scarse travaglio e parto e al contrario di quello che mi ero promessa, non riuscivo a camminare…. te lo dice una che insegna fitness e non ho mollato le palestre fino al 7 mese ;-) però è giusto cercare di essere carine…. io purtroppo non ce l’ho fatta in travaglio…

    • Francesca Zorzi 18 marzo, 2016 at 21:23 Rispondi

      Cmq che fa male è ovvio, non badare a racconti horror ma continua ad essere positiva che nel momento in cui abbraccerai la tua creatura ti dimenticherai tutto! Andrà come deve andare e pensare di arrivare al travaglio in ordine e con spirito (anche io volevo ballare! ) aiuta molto!

    • Stefania Yleana Annarelli 18 marzo, 2016 at 22:40 Rispondi

      Non serve urlare, è dispersione di ossigeno utile al bambino.. Ma siccome tutte di fronte alla natura del parto siamo diverse ognuna fa del proprio meglio, a me confrontarmi nella totale silenzio a luci basse è sembrata un’esperienza stupenda, io dolore tutte sappiamo che c’è ma non c’è nulla che prepari al travaglio è individuale è molto intimo come momento è ognuna lo vive come preferisce, non ci sono super donne ma ogni mamma è fantastica per la pazienza che ci mette e lo sforzo tutto per amore! 💕

    • Giusy Barbagallo Mbengue 18 marzo, 2016 at 22:43 Rispondi

      Non da fastidio anzi meglio per lei.. Anche se ripeto che credo che fossero solo i primi momenti del travaglio dove ognuno di noi a casa si sistema prima di andare in ospedale e non proprio le ultime ore.. Ma è la tua sicurezza su una cosa mai provata che mi lascia perplessa.. Ti auguro di passarla sorridendo ci mancherebbe.. Ma prima vivi la cosa e i “dolorini” e poi ci dirai onestamente. Il cesareo, soprattutto se programmato , mille volte meglio per mw.. È il travaglio il momento intenso .. Dopo quelle 24 ore quando mi dissero del cesareo ero al settimo cielo.. Non vedevo l’ora. Ciao

    • Stefania Yleana Annarelli 18 marzo, 2016 at 22:46 Rispondi

      Veronica Ridotto non vorrei ti cadesse un mito ma le gambe tremeranno stanche dalle contrazioni e cercherai pace proprio per concentrarti e canalizzare le forze per il momento del parto.. Mai visto una donna non dare pugni al muro nelle ore del travaglio 😂 non vuole dire piangersi addosso ma essere umane, libere di fronte alla cosa più bella che noi donne abbiamo la forza di fare.. Senza programmi

  6. Giulia Pasqualotto 18 marzo, 2016 at 17:06 Rispondi

    Io quando mi sono partite le contrazioni ho fatto di tutto!mestieri, in giro per concessionarie con il mio compagno, super passeggiata aperitivo…e cena!!!che fame che avevo!quando non ce la facevo più ho chiesto al papà di accompagnarmi in ospedale e dopo 4 ore è nato il mio bimbo…sono felice di non essermi fatta prendere dal panico, così facendo mi sono sentita davvero serena e forte…ognuna in quel momento deve essere libera di fare quello che si sente senza giudizi o forzature!

  7. Roberta Fiorentino 18 marzo, 2016 at 17:19 Rispondi

    Io avrei voluto essere un po piu sistemata si stavo morendo dal dolore e non ci pensavo minimamente al mio aspetto fisico …. ma ora che guardo.le foto vorrei avere avuto qualcuno che mi truccasse 😬😬😬😬!!!!

  8. Valentina Giomi 18 marzo, 2016 at 17:34 Rispondi

    Avrà fatto l’epidurale.. Se aveva le contrazioni serie senza epidurale non sarebbe di certo riuscita.. Io stritolavo mio marito e il mio viso era sopra ad un cuscino mentre cercavo di mangiarmelo dal dolore!

  9. Giusi La Spina 18 marzo, 2016 at 21:01 Rispondi

    Ma quale ospedale ti permette di portarti una toilette intera…..
    Dai siamo serie e nn facciamo sempre le vip
    La prima cosa che ti poggiano è il bimbo e sinceramente non gli importa del trucco ma l’odore di mamma.

  10. Bridget Belligero 18 marzo, 2016 at 21:38 Rispondi

    Beata lei che ha pensato al trucco…io invece volevo morire!!!!!!mi mancava l ossigeno per il dolore indotto da ossitocina dopo 2 gg cone acque rotte,di contrazioni,senza poter dormire,bere e ne mangiare!!! L’unico pensiero era quello di vedere mia figlia sana!

  11. Yole Pazienza Elkordy 19 marzo, 2016 at 01:01 Rispondi

    Io in travaglio di 3cm ero a casa a farmi bella, perché immaginavo che già il dolore e lo sforzo non avrebbero giovato al mio viso . Quindi mi sono semplicemente sistemata con trucco water resistant (che poi ha ceduto uguale) in previsione di lacrime o vomito, ma effettivamente c’è da dire che quando sei davvero arrivata allo sfinimento non puoi nemmeno parlare, figuriamoci truccarsi.
    E’ chiaro che lo ha fatto in fase iniziale e ha fatto bene

  12. Carmen S. Chiriac 19 marzo, 2016 at 07:48 Rispondi

    Trucare il dolore,perche e questo che si va a trucare ,che bel pensiero.da dove questo bisogno di trovarsi carine e sistemate di fronte ad un evento la cui belleza e grandeza viene proprio da questo: gioia e dolore insieme. Il truco mi sembra in questo caso un segno di vergogna .che tristezza…

Lascia un commento