Alexa propone una sfida pericolosa ad una bimba di 10 anni, Amazon corre ai ripari

alexa-propone-una-sfida-pericolosa-ad-una-bimba-di-10-anni-amazon-corre-ai-ripari

Una semplice sfida che avrebbe potuto avere risvolti tragici quella proposta dall'assistente vocale di Amazon ad una ragazzina di soli dieci anni.

Rispondendo alla richiesta di una challenge, come spesso viene definita dagli iscritti di Tik Tok, Alexa ha preso spunto da un articolo trovato sul web che trattava proprio della pericolosità di alcune sfide e, decontestualizzandolo completamente, ha proposto alla piccola di inserire una monetina in una presa della corrente.

Alexa e la penny challenge

A raccontare l'accaduto e renderlo noto su Twitter è stata Kristin Livdahl, la mamma della bambina. Era un pomeriggio qualunque quando mamma e figlia si sono ritrovate a fare delle sfide fisiche proposte da uno youtuber, come quella di sdraiarsi e rotolarsi tenendo un piccolo bicchiere su un piede.

Così quando la ragazzina ha deciso di chiedere all'assistente vocale l'ennesima sfida ciò che è stato consigliato da Alexa è la penny challenge.

Il video della settimana

Una sfida che circolava in passato su Tik Tok e che consisteva nell'inserire una presa di corrente a muro, come può essere un caricabatteria di uno smartphone, lasciandone fuori una parte. A questo punto si chiedeva ai ragazzi di appoggiare sulle parti esposte della presa una monetina, un semplice penny.
Una manovra che ha portato a moltissimi e anche gravi incidenti domestici, come bruciature ed escoriazioni.

Penny Challenge: Amazon corre ai ripari e aggiorna il software

Venuto a conoscenza dell'accaduto Amazon è subito intervenuta andando ad aggiornare il software dell'assistente vocale. In una nota rivolta alla BBC il colosso statunitense ha spiegato che Alexa è stata progettata per fornire informazioni utili e accurate.

L'algoritmo è andato ad estrapolare nell'articolo la parte che descriveva la sfida decontestualizzandola completamente e proponendola per quella che è: una challenge. In ogni caso Amazon ha fatto sapere di essere intervenuta tempestivamente e aver aggiornato il software in modo che episodi spiacevoli di questo tipo non si presentino più in futuro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.