Bambini intrappolati in una grotta thailandese: aperto un varco alternativo per tentare di salvarli

bambini-intrappolati-in-una-grotta-thailandese

Thailandia. Sabato scorso dodici ragazzini di età compresa tra i 13 e i 16 anni, insieme al loro allenatore di football, sono entrati nella grotta Thang Luang Nang Non, per un'escursione.

Una pioggia torrenziale tuttavia ha bloccato l'ingresso e il gruppo è rimasto intrappolato all'interno. 

Volevano esplorare le meraviglie della grotta, ma sono rimasti intrappolati 

Credevano di passare un pomeriggio tra avventura e divertimento i dodici giovani giocatori di football che sabato scorso insieme al loro coach di 25 anni, hanno iniziato l'esplorazione di Thang Luang Nang Non, suggestiva grotta situata a Nord della Thailandia.

Erano giunti sul posto con le loro biciclette sportive ed erano entrati nella spelonca minuti di torce, borracce con acqua e zainetti con qualche scorta di cibo.

Tuttavia la divertente esplorazione si è trasformata in una pericolosissima trappola. Una fitta pioggia torrenziale ha allagato il tratto iniziale della cavità, bloccandone di fatto l'accesso.

I ragazzini sono chiusi li da sei giorni e si teme per le loro vite.

Squadre di speleologi e soccorritori stanno tentando di recuperare il gruppo

Ogni giorno che passa le speranze si affievoliscono ma il vicepremier thailandese Prawit Wongsuwon rivela ai giornali che la grotta è lunga dieci chilometri e i soccorritori hanno ritrovato alcune impronte umane in un tratto interno. 

bambini-intrappolati-in-una-grotta-tailandese

È possibile quindi che il gruppo sia riuscito a rifugiarsi in un punto della caverna non allagato.

L'unica grande preoccupazione è che i ragazzi vadano in debito di ossigeno e che non riescano a nutrirsi a sufficienza. Per tale motivo alcuni elicotteri hanno lanciato cibo e acqua in uno dei piccoli cunicoli che portano ai sotterranei della spelonca.

Le piogge monsoniche purtroppo continuano ad essere frequenti ed hanno costretto i sommozzatori ad interrompere le ricerche attraverso l'entrata principale.

Tuttavia nelle ultime ore alcuni scalatori del corpo di Polizia sono riusciti ad aprire un ingresso alternativo posto sulla sommità della caverna e da lì si stanno calando con ulteriori scorte di cibo.

Adesso non resta che sperare che i ragazzi siano ancora vivi e non troppo distanti dal nuovo varco aperto dai soccorritori.

Lascia un commento