Biella, la Conad dona la merenda ai bambini seguiti dai servizi sociali

biella-la-conad-dona-la-merenda-ai-bambini-seguiti-dai-servizi-sociali

La Conad di Biella ha deciso di partecipare a un progetto di sostegno collettivo in favore dei servizi sociali del Comune di Biella. Proprio con l’iniziativa "Coccole a merenda" il comune biellese, in collaborazione con il supermercato di via Ivrea, ha voluto rendere speciale il momento della merenda. Il tutto all’interno di Palazzo Pella, dove ha sede il centro ricreativo per bambini con difficoltà familiari e sociali.

"Coccole a merenda" grazie a Conad

Quasi 300 bambini, di età compresa tra 8 e 13 anni, frequentano giornalmente il centro sociale di Palazzo Pella, all’interno del quale i piccoli svolgono attività ricreative ed educative di integrazione e sviluppo.

Il tutto sotto la regia dei Servizi Sociali del Comune di Biella. Dopo l’esito positivo dei progetti legati a gioco, scuola e sport denominati "Un due tre stella", "Facciamo scuola insieme" e "Sport per tutti", il Comune ha creato una nuova singolare iniziativa "Coccole a merenda". Infatti l’occasione ideale per far incontrare i bambini e le loro famiglie, svolgere attività di condivisione è fare merenda insieme.

In favore del progetto si è schierata la Nordiconad e in particolar modo il punto vendita di via Ivrea, che ha deciso di partecipare concretamente al progetto donando succhi di frutta, merendine, cracker e biscotti biologici a marchio Conad. Ecco quindi un modo nuovo e divertente per superare la povertà e condividere il pasto insieme.

In aumento i bambini con difficoltà familiari ed economiche

Il Centro Sociale del Comune di Biella ospita decine di bambini in difficoltà, provenienti da famiglie meno abbienti o con problemi sociali importati. Ma come spiega l'assessore ai Servizi Sociali di Biella, Francesca Salivotti, è un numero in forte crescita  "Si tratta di un numero in aumento oltre che per la crisi, anche e soprattutto per via delle situazioni di conflittualità che vivono molti padri e madri. Molti casi ci vengono segnalati dalla scuola dell'obbligo".

Infatti il Comune sostiene per alcuni periodi i bambini a seconda dei casi e delle problematiche che affrontano attraverso le strutture più idonee. Proprio a Palazzo Pella, alla Ludoteca e a Villa Schneider trovano il supporto di un gruppo di educatori e volontari in grado di aiutarli in questa delicata fase della loro vita.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.