Cina, bimbo ingerisce 21 perline magnetiche: salvo dopo un delicatissimo intervento

bambini-e-epilessia-un-semplice-prelievo-di-sangue-potrebbe-aiutare-la-cura

Nel Nord della Cina un bambino di 14 mesi ha ingerito ventuno perline magnetiche mentre giocava con il fratello. Operato d'urgenza allo stomaco, i medici gli hanno salvato la vita.

Il bambino accusava febbre alta e vomito da quattro giorni

Come è noto le azioni dei bebè sono imprevedibili e spesso portano a rischiose conseguenze. A Qinhuangdao, cittadina a Nord della Cina, un bimbo di 14 mesi ha inavvertitamente ingoiato ventuno perline magnetiche appartenenti a un giocattolo del fratello maggiore.

Secondo la ricostruzione dei genitori il piccolo, mentre il fratello era intento a giocare, ha portato alla bocca le piccole sfere probabilmente attirato dal loro colore. Dopo quasi quattro giorni di febbre molto alta e frequenti conati di vomito, il bambino è stato portato al pronto soccorso cittadino.

Sul posto i medici hanno constatato la complessità della situazione, ma non avevano la strumentazione adatta per un intervento così delicato. Così hanno detto ai genitori di portare immediatamente il piccolo in un ospedale pediatrico a Pechino.

Dopo un lungo e delicatissimo intervento allo stomaco i medici salvano il bambino

Dopo un estenuante viaggio di 300 km, il piccolo è arrivato all'ospedale di Pechino in evidente stato di agonia.

Lo staff medico, compresa la gravità della situazione ha approntato immediatamente la sala operatoria per tentare di salvarlo. L'intervento si è rivelato particolarmente insidioso: le ventuno perline infatti, avendo ciascuna un magnete, avevano assunto una conformazione ad anello che ne rendeva difficile l'asportazione. Il minimo movimento avventato dei medici avrebbe potuto perforare lo stomaco del piccolo e altri importanti organi vitali.

Con grande professionalità ed estrema cautela i medici hanno portato avanti l'intervento per molte ore, riuscendo infine nell'intento. Le perline sono state portate via una ad una ed il piccolo è stato salvato. Dopo una settimana di degenza in ospedale, il piccolo è tornato a casa in perfette condizioni di salute per la gioia dei genitori e del fratello maggiore.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.