Generazione vampiri: quando i bimbi non dormono la notte

generazione vampiri

L’hanno chiamata “Generazione vampiri”; è una definizione forte ma ha il suo perché. L’etichetta arriva dalla Gran Bretagna ed è stata estremizzata per lanciare un segnale: è un monito sull’evoluzione della società, in cui i bambini cambiano i loro ritmi sonno-veglia anche per “colpa” delle abitudini dei genitori.

Il problema sta diventando serio e pur sapendo che la definizione di bambini vampiri mette un po’ paura, è anche vero che dati alla mano, i bimbi dormono sempre di meno. In più i disturbi del sonno non  riguardano solo gli adolescenti, ma anche le fasce più piccole.

Bambini vampiri: le due cause principali

Da che cosa dipende questo cambiamento? Due i problemi principali ed entrambi dipendono dai ritmi della famiglia. La prima causa dipende dai genitori che vanno a letto troppo tardi. I figli restano svegli insieme a loro e poi si innervosiscono perché non riescono a dormire. In secondo luogo, permettono ai loro figli di utilizzare gli strumenti tecnologici per troppo tempo, creando inconsapevolmente un danno al riposo notturno del bambino.

Alberto Villani, presidente della Società Italiana di pediatria sostiene che "Spesso i genitori tengono i figli svegli fino a tardi, non tenendo conto dei loro bisogni”. Per lo specialista, invece, il bambino va educato al sonno già da quando è neonato.

A peggiorare la situazione l’utilizzo eccessivo della tecnologia, che non facilita il sonno, anzi crea un vero e proprio disturbo. Il dottor Villani spiega che gli schermi dei dispositivi tecnologici diminuiscono la produzione di melatonina nel corpo, cosa che non succede con un’uscita al parco o all’aria aperta.

Sull’utilizzo della tecnologia il pediatra è molto rigido. Il suo consiglio è di far utilizzare ai bambini pc e tablet per un massimo di 3 ore al giorno, diluire l’utilizzo con momenti che non superino i 20 minuti e non farli utilizzare mai prima dei 2-3 anni del bambino.

Che cosa fare per risolvere il problema?

Se gli inglesi hanno deciso di combattere i disturbi del sonno dei bambini con la melatonina, che viene data loro come sonnifero naturale, il dottor Villani  consiglia di affrontare il problema alla radice. In che modo?

Riorganizzando i ritmi della famiglia e intervenendo sulla routine del bambino: solo così si potrà trovare un equilibrio più sano e a lungo termine.

Voi mamme come vi comportate con l'educazione al sonno dei vostri figli?

7 comments

  1. Carla Olla 25 aprile, 2017 at 00:23 Rispondi

    Anche il mio max 21:30 ha 9 mesi durante il giorno cerco di fargli fare il riposino in un orario decente e poi lo tiro fino alle 21 .. e giusto x loro ma anche per noi genitori.. io e mio marito riusciamo a stare un Po insieme :)

  2. Paola Triaca 25 aprile, 2017 at 08:03 Rispondi

    Anche il mio alle 21.30 dorme e alle 24 è sveglio.. . Se fosse una verità assoluta sarebbero macchine e non bimbi. Invece sono persone e come tutti hanno le loro caratteristiche.

Lascia un commento