Il figlio è non vedente, la mamma gli racconta le partite alla stadio

il-figlio-e-non-vedente-la-mamma-gli-racconta-le-partite-alla-stadio

Silvia Grecco è una mamma speciale, un po' diversa dalle altre. Ha un figlio Nickollas che è nato a soli 5 mesi e questo ha comportato dei problemi per il bambino, affetto da una lieve forma di autismo e con le retine danneggiate.

Per la donna è stato difficile crescere suo figlio, ma attraverso il calcio è riuscita a trovare la chiave giusta per migliorare la sua vita e quella di Nickollas.

Una passione che unisce madre e figlio

La donna ama da sempre questo sport e ha trasmesso questa passione al figlio facendo sì che questa entrasse a dare loro forza e gioia. La donna racconta che quello per il calcio è un amore capace di trasformare.

La loro storia sarà la prima puntata della serie "Sheroes", creata da FIFA per rendere protagoniste le donne che hanno unito l'amore al calcio, diventando un esempio per tutti. Inoltre, Silvia è anche la prima finalista del "#TheBest2019 FIFA Fan Award".

Le partite di calcio raccontate attraveso la voce della mamma

La donna è riuscita a infondere la passione in Nickollas portandolo allo stadio, ma non si è limitata semplicemente a questo. Essendo cieco, lui non poteva vedere ciò che accadeva, così ascoltava la partita dalla radio.

Anche questo però non era abbastanza, così sua mamma ha iniziato a raccontargli dettagliatamente tutto quello che accade sul terreno di gioco, riuscendo a trasmettergli anche le emozioni.

il-figlio-e-non-vedente-la-mamma-gli-racconta-le-partite-alla-stadio

Silvia infatti non si limita a descrivere ciò che accade sul campo ma anche tutto il resto, dalle caratteristiche dei calciatori, al colore delle maglie, all'ambiente circostante. Questo comportamento è in grado di trasformare completamente Nickollas che allo stadio si sente nel posto giusto, totalmente a suo agio.

La squadra del cuore di Nickollas, il Palmeiras, ha voluto celebrarlo l'anno scorso facendolo entrare direttamente sul campo per tirare la palla in rete e fare gol. La partecipazione del ragazzo allo stadio permette anche agli altri di avvicinarsi al mondo dei disabili, che spesso è poco noto e fa paura.

La storia è piaciuta alla FIFA, che ha desiderato inserirla in nomination nella categoria "Fan" per il riconoscimento "The Best". Il vincitore verrà annunciato a Milano il 23 settembre ed è possibile votare online il candidato preferito.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.