L'allarme dei pediatri: 47% dei bambini asintomatici. Nuovo picco di Covid a settembre ?

l-allarme-dei-pediatri-47-dei-bambini-asintomatici-nuovo-picco-di-covid-a-settembre

Secondo i pediatri quasi metà dei bambini malati di Covid-19 sarebbe asintomatica o con sintomi molto lievi. Questo potrebbe portare ad un nuovo picco di diffusione del virus a settembre, con la riapertura delle scuole.

Bambini asintomatici potrebbero diffondere il virus

L'anno scolastico in corso volge ormai al termine e poche sono le speranze di poter riprendere l'attività regolare con lezioni in aula. Già si guarda a settembre come possibile data per la riapertura delle scuole, ma la Società Italiana di Medici Pediatri (SIMPE) ha lanciato un appello per limitare il possibile impatto del coronavirus per la prossima stagione. Secondo le segnalazioni ricevute, la SIMPE calcola che fra il 42 e il 45% dei bambini infettati dal Covid-19 sono asintomatici o presentano sintomi molto lievi, tanto che la malattia non viene diagnosticata.

I soggetti asintomatici potrebbero diffondere inconsapevolmente il virus a macchia d'olio se a settembre dovessero presentarsi in aula con i loro compagni. Secondo i pediatri sarà necessario riorganizzare gli spazi comuni e le classi per rispettare alcune precauzioni per limitare il contagio.

Pediatri: vaccinare tutti i bambini prima del ritorno a scuola

Infatti i pediatri evidenziano anche un altro problema che coinvolge la riapertura delle scuole. A settembre e in autunno ricomincerà, insieme probabilmente alla scuola, la stagione influenzale. Questo porterà molti bambini ad ammalarsi rendendo difficile distinguere i sintomi del Coronavirus in forma lieve da quelli di una normale influenza.

Per questo motivo l'associazione di Pediatri ha proposto che tutti i bambini in età scolare, dai 5 ai 14 anni, siano vaccinati contro l'influenza entro settembre. Il SIMPE ha dato la propria disponibilità per un confronto con Ministero della Salute e Regioni per rivedere tutti i protocolli di assistenza pediatrica per far fronte alla futura emergenza, che probabilmente si verificherà con la "Fase 3", ovvero al rientro a scuola di tutti i ragazzini.

Secondo la Società Italiana dei Pediatri, se non affrontiamo questa problematica i bambini porterebbero a casa il virus diffondendolo fra genitori e parenti, rischiando di riportare i numeri del Covid-19 ben oltre le soglie di guardia.

Please follow and like us:
error

1 comment

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.