Diventerò un gorilla: le parole del piccolo Garrett prima di morire commuovono il web

le-parole-del-piccolo-garrett-prima-di-morire

Lo scorso 6 giugno Garrett Michael Matthias, di soli 5 anni, è volato in cielo a causa di una rara forma di cancro al cervello.

Il piccolo americano, conoscendo perfettamente la sua triste sorte, ha dettato ai genitori il suo necrologio e ha fatto richieste specifiche per il suo funerale.

Le sue parole buffe e irriverenti stanno facendo il giro del web e regalano sorrisi e commozione.

Il piccolo Garrett è morto a causa di un rabdomiosarcoma alveolare

Ci sono forme di cancro che non lasciano scampo e quando a pagarne le conseguenze è un bimbo di appena 5 anni, il dolore è ancora più straziante.

Il video della settimana

Lo sanno bene i genitori di Garrett Micheal Matthias quando nel settembre 2017 è stato comunicato loro che il figlio era affetto da un rabdomiosarcoma alveolare al 4° stadio, una forma di cancro purtroppo letale.

Si tratta infatti di un tumore molto raro e particolarmente aggressivo che prolifera nei tessuti molli o nelle membrane che avvolgono alcuni organi.

Quello di Garrett aveva colpito il cervello e purtroppo non lasciava adito a speranze, sia pure siano stati tentati cicli di radio e chemioterapia. Il bimbo è volato in cielo il 6 giugno scorso.

Garrett non aveva paura: pensava di trasformarsi in un gorilla dopo la morte

I genitori di Garrett hanno voluto verificare quanto il figlio fosse consapevole della sua sorte con alcune domande, ma il piccolo ha stupito tutti: non solo sapeva di dover morire ma ha lasciato precise disposizioni anche per il suo funerale.

Il giornale Daily Mail riporta le sue parole, scrupolosamente trascritte dai familiari e poi lette ai funerali.

Garrett pensava di diventare un gorilla dopo la morte e quindi ha chiesto di essere cremato (come la mamma di Thor) per far crescere un albero dove poi sarebbe andato a vivere dopo la sua dipartita.

Ha commissionato un funerale allegro: "voglio cinque case gonfiabili (perché ho 5 anni!), Batman e pupazzi di neve" ha dichiarato il piccolo e poi ha lasciato un saluto ironico e scherzoso per gli zii, i cugini e l'adorata sorella maggiore Delphina.

I genitori del piccolo hanno eseguito alla lettera le sue ultime volontà attraverso due cerimonie funebri: una più grande con fuochi d'artificio, gonfiabili e pupazzi di neve, e una seconda più intima nel luogo dove sono state sparse le sue ceneri.

Proprio lì verrà piantato l'albero che il bambino desiderava; la "nuova casa da gorilla" sarà per sempre il simbolo dell'incredibile forza di questo piccolo grande guerriero che ha sfidato la morte con un sorriso.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.